Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Bolzano

Presentati i risultati del progetto Open Space “Bolzano città inclusiva e aperta”

Pubblicato

-

Bolzano può essere considerata un luogo di vita inclusivo? A questa domanda ha cercato di dare risposta il progetto FIA “Formazione e informazione per una città Inclusiva e Aperta” promosso dall’Assessorato comunale alle Politiche d’integrazione e Pari Opportunità in collaborazione con altri partner (Servizio Coordinamento per l’Integrazione della Provincia, Consulta Immigrati, Studio Comune, Eurac Research, La Strada-Der Weg, CoolTour,  Biblioteca delle culture del mondo).

Ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa in Municipio,  l’Assessora comunale alle Politiche d’Integrazione Chiara Rabini con il team di lavoro del progetto FIA, ha illustrato andamento, risultati e ricadute dell’iniziativa.

A Bolzano vivono 15.800 cittadini di origine straniera, sostanzialmente lo stesso numero rispetto all’anno precedente. Rappresentano il 14,8% del totale dei residenti nel capoluogo Di questi il 51% sono donne.

I principali paesi di provenienza sono: l’Albania (16%), il Marocco (9%), il Pakistan (7,6%), e poi Romania, Ucraina, Cina, Germania e la Moldavia. Molto attive sul territorio una ventina di associazioni che si occupano di temi e problematiche delle comunità di stranieri presenti a Bolzano  Una città decisamente multiculturale con il Comune chiamato a promuovere ed attuare politiche interculturali di apertura e inclusione.

Partendo dal presupposto che l’inclusione sia tale solo se davvero partecipata, il progetto con l’attenzione rivolta in particolare alle nuove generazioni (giovani nati a Bolzano da genitori stranieri) si è sviluppato inizialmente attraverso  lo scambio e il dialogo informato tra una pluralità di soggetti: associazionismo migrante, società civile, enti e operatori dell’accoglienza, dell’integrazione e dei servizi pubblici, università e ricerca  per dare voce ai protagonisti dei processi di inclusione e rilevarne i bisogni.

Che cosa (non) rende Bolzano un luogo di vita inclusivo? Perché, in quali circostanze, momenti, luoghi la città è capace di inclusività? Come può essere potenziata questa capacità a beneficio del benessere individuale e sociale? 

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Da tutto il lavoro fatto è emerso che Bolzano è certamente una città inclusiva, con molti aspetti positivi, ma con delle criticità che sono state approfondite coinvolgendo anche la Consulta Stranieri del Comune. I giovani in particolare auspicano una maggiore apertura alle diverse culture e di conseguenza menodiscriminazioni” legate ai paesi di provenienza.

Le associazioni hanno in qualche modo evidenziato le complessità burocratiche cui sono costrette o legate e la scarsa conoscenza sul come accedere ai servizi e alle possibilità e opportunità legate ai servizi stessi. Altro aspetto emerso come criticità, il fatto che ogni associazione sia un pò chiusa all’interno del proprio mondo culturale. Di qui le iniziative di apertura e incontro interculturale offerte anche grazie al progetto FIA. Inteculturalità che soprattutto i giovani considerano una vera ricchezza e non una criticità.

Il progetto FIA ha coinvolto in maniera attiva 230 persone, considerando anche gli operatori delle varie realtà ed i giovani studenti universitari e volontari. Con questo progetto, la Città di Bolzano ha offerto degli spazi di dialogo ed ascolto sui temi della migrazione e dell’inclusione.

Sono state promosse varie tipologie di incontri, facilitando dinamiche di condivisione e scambio e attivando la collaborazione tra i diversi attori. Sono stati utilizzati metodi i partecipazione dinamici e attivi, in un clima di informalità e vicinanza fondamentale per lo sviluppo di comunità e di relazioni autentiche e concrete.

È importante che questi spazi vengano mantenuti ed incentivati – è stato sottolineato in conferenza stampa – perché si è osservato che possono contribuire alla soluzione di problemi concreti, allo sviluppo di nuove idee, progetti e relazioni e a rispondere al bisogno delle persone di essere ascoltate.

Tra gli obiettivi dell’iniziativa anche quello di promuovere una comunicazione innovativa e inclusiva utilizzando più linguaggi: comunicati, manifesti, pieghevoli, sticker, videointerviste e foto-racconti. E’ stata inoltre avviata una  collaborazione con l’università di Bolzano ed un team di studentesse ha lavorato al prototipo di una piattaforma online che potesse offrire  informazioni utili a immigrati e associazioni di migranti.

È stato realizzato anche un podcast dal titolo: “Dialoghi Interculturali – Le nuove generazioni si raccontano” con una serie di interviste condotte da Erjon Zeqo a giovani nati e cresciuti in contesti multiculturali e plurilinguistici, rappresentati delle nuove generazioni. Nel podcast temi di stretta attualità tra cui l’ identità, il plurilinguismo, la multiculturalità, la partecipazione, l’ inclusione e la politica vista da una prospettiva ossia da coloro che rappresentano nella loro essenza, la nuova società multiculturale e plurale. Tutte le puntate del podcast sono disponibili online sulle piattaforme: Spotify, Anchor e Google Podcasts.

NEWSLETTER

Alto Adige4 settimane fa

Partirà una class action contro la Volksbank (Banca Popolare dell’Alto Adige)

Bolzano4 settimane fa

Muore a 42 anni Chiara Cantaloni, ricercatrice senior all’Eurac di Bolzano

Politica5 giorni fa

La moneta regionale dell’Alto Adige è sempre più vicina

Bressanone4 settimane fa

Bressanone: corteo storico per l’Epifania

Alto Adige4 settimane fa

Pedone investito da scooter in via Palermo, Repetto: «Giunta litiga invece di trovare soluzioni»

Alto Adige3 settimane fa

Valanga in Val Gardena, gravissimo un carabiniere

Alto Adige4 settimane fa

Resoconto attività 2022 della Polizia Postale e delle Comunicazioni e dei Centri Operativi Sicurezza Cibernetica

Merano3 settimane fa

Nuova raccolta dell’umido, falsa partenza, Zampieri (FdI): sulla gestione rifiuti Comune imbarazzante

Sport4 settimane fa

Jannik Sinner: la straordinaria carriera del campione bolzanino

Bolzano3 settimane fa

Sono ancora gravissime le condizioni di Giovanni Andriano, il 49 enne travolto ieri da una valanga il Val Gardena

Laives3 settimane fa

Laives, auto ibrida prende fuoco mentre è in carica: i vigili del fuoco evitano il peggio

Alto Adige4 settimane fa

Termeno, crolla un pezzo dell’autolavaggio sulla macchina: intervengono i vigili del fuoco

Alto Adige6 giorni fa

Valanga sul Monte Elmo: perde la vita Hans Happacher

Politica2 settimane fa

Parcheggio Cimitero sud a Oltrisarco, approvata la proposta di privatizzazione dell’area sosta camper

Bolzano4 settimane fa

Dal 4 gennaio 2023 SEAB raccoglie gli alberi di Natale

Archivi

Categorie

di tendenza