Connect with us

Musica

Saverio Grandi : “Una canzone la scrivi se hai qualcosa da dire. Quelli di X Factor? Non mi interessano”

Pubblicato

-

Saverio Grandi, compositore, produttore discografico e cantautore, in passato in gruppo con i Taglia 42, oggi autore di grandi successi con Vasco, gli Stadio, Laura Pausini, Ramazzotti ed altri.

Ciao Saverio, hai scritto per i grandi della musica italiana, ci spieghi come nasce una canzone?

Le canzoni nascono in due modi: quando hai qualcosa da dire come un sentimento, qualcosa sulla vita, anche la tua.

Pubblicità
Pubblicità

I pezzi che ho scritto vengono dal cuore quando poi hai la fortuna come quella che ho avuto io di lavorare con artisti che hanno personalità ecco che diventa tutto più bello.

L’ altro modo invece è in soundfree, ovvero chi canta e scrive per lavoro.

Oggi la musica d’autore sembra attraversare un periodo ostico, difficile, a parte i big della musica italiana che nel corso degli anni si sono creati un pubblico diciamo abituale. Qual è secondo te uno dei motivi di questa crisi: mondialismo o semplicemente chi fa musica commerciale è più abile nel propagandare ?

C’è crisi in tutto il mondo musicale, ormai tutto è digitale, un po’ finto. Tutto è virtuale e surreale ma il punto è che è cambiata la società, la musica è cambiata con la letteratura. Oggi esiste la narrativa, si narra quello che accade come fa per esempio l’ottimo Fabio Volo.

La musica oggi è cambiata, la gente la usa molto da quando va in palestra, passeggia, sta in casa.

Oggi c’è il boom della musica Indie, se prendi In di Battiato e lo trasformi in un pezzo Indie ecco che il pezzo viene ascoltato da tutti.

Battiato ovviamente è uno dei migliori cantautori che abbiamo in Italia.

Tra le altre attività che svolgi c’è quella di produttore discografico: cosa diresti ad un giovane che vuole affacciarsi al mondo musicale e vorrebbe produrre oggi, visto che il web ha un Po sdoganato in qualche maniera l’arte di fare musica?

La risposta è nella domanda: siamo passati da De Gregori e De Andrè a quelli di X Factor.

Fossi un giovane alle prime armi cercherei di fare il cantautore, se hai qualcosa da dire la dici, se vuoi fare qualcosa la fai, tenterei come hanno fatto Battisti e Pino Daniele. Ecco cercherei di scrivere canzoni e tenterei la strada.

Mi elenchi tre canzoni tra quelle che hai prodotto che porti nel cuore più delle altre ?

Sicuramente al primo posto ci metto “Un giorno mi dirai” degli Stadio con cui hanno vinto San Remo nel 2016, li immaginavo una figlia con tutti i suoi problemi adolescenziali amore compreso.

Al secondo posto ti dico “Non è mai un errore” di Raf, una musica che mi è piaciuta molto con cui lavorando ci ho messo tanto cuore.

Al terzo posto ci metto “Un senso” di Vasco Rossi, brano profondo, fin troppo.

Progetti futuri ne hai ?

Ce ne sono sempre. Ora Vivo a Los Angeles, sono venuto qui negli USA per fare musica per gli americani, ma mi sono circondato di gente sbagliata. Sbagliando s’impara.

Fino ad oggi ho scritto molto, ancora oggi l’impegno non manca, cerco di migliorarmi per scrivere meglio, ma una cosa te la dico: non scriverei mai una canzone per farla cantare da uno uscito da X Factor, quelli lì non m’interessano.

Musica

Space Rock Symphony: i più grandi successi del rock in uno show al Planetarium

Pubblicato

-

È con uno nuovo show musicale che il Planetarium Alto Adige a San Valentino in Campo apre l’anno nuovo.

Questo sabato 25 gennaio alle ore 20, la struttura della Val d’Ega proietta per la prima volta “Space Rock Symphony”, una moderna fiaba rock che unisce musica rock sinfonica, virtuose chitarre elettriche ed immagini cosmiche.

La sensazione dell’infinito: chi guarda il cielo in una notte limpida con le stelle sospese nel nero della notte può perdersi nella vastità del cosmo. Un sentimento, che gli amanti della musica conoscono bene, quando il loro cuore batte nel ritmo delle loro canzoni preferite.

Pubblicità
Pubblicità

Il nuovo show nel Planetarium accompagna i suoi spettatori per un viaggio nel cielo stellato, nell’infinità dell’universo e in mondi fantastici.

Questa moderna fiaba rock unisce un’orchestra sinfonica, virtuose chitarre elettriche ed immagini cosmiche in uno spettacolo dal ritmo incessante con i più grandi successi del rock degli ultimi decenni.

I Metallica, i Rolling Stones, gli Aerosmith, i Guns n’ Roses, i Linkin Park e tante altre band leggendarie trasportano gli spettatori nell’unico luogo ancor più vasto dell’universo: la nostra immaginazione.

Ulteriori appuntamenti sono previsti per venerdì 24 aprile, sabato 26 settembre, sabato 7 novembre e venerdì 20 novembre.

Prenotazioni ed informazioni si possono avere sul sito www.planetarium.bz.it, via e-mail a info@planetarium.bz.it o telefonando a 0471 610020; costo: 7 Euro; età consigliata: a partire dai 16 anni.

Continua a leggere

Musica

All’insegna del rock: il 27 dicembre Planetarium Alto Adige fa vedere “Queen Heaven”

Pubblicato

-

Il 27 dicembre alle ore 20 è dedicato a tutti i fan del rock: il Planetarium Alto Adige a San Valentino in Campo presenterà infatti uno show dedicato alla più grande rock band inglese di sempre e proietterà “Queen Heaven”.

 „We are the champions“, „We will rock you“, „Another one bites the dust“ e „Radio Ga Ga“: chi non conosce le più famose hit dei Queen, la leggendaria band inglese che dominò le classifiche discografiche di mezzo mondo tra gli anni ottanta e novanta?

I visitatori potranno godere di uno show con tante riprese originali. Grazie alla proiezione a 360 gradi avranno inoltre la possibilità di tuffarsi nell’atmosfera degli anni 80 e di rivivere l’aura straordinaria, l’immensa creatività e l’incredibile energia dei Queen.

Pubblicità
Pubblicità

Queen Heaven: venerdì, 27 dicembre alle ore 20 al Planetarium Alto Adige

Prenotazione: tel. 0471 610020, www.planetarium.bz.it o info@planetarium.bz.it

Entrata: 7 Euro

Consigliato a partire dai 16 anni

Continua a leggere

Musica

“Inside the Castle”: esce il 22 dicembre il primo album da solista di Francesco Montanile

Pubblicato

-

Si intitola “Inside The Castle” il primo album da solista del chitarrista e compositore Francesco Montanile.

Un album strumentale (fusion) interamente auto prodotto e composto da 9 brani che si alterna tra sonorità ambient e fusion, il tutto accompagnato da sintetizzatori e basi ritmiche elettroniche.

I primi due singoli pubblicati, che fanno da apri pista a questo nuovo progetto, sono Evolution e Nature Inside. L’uscita discografica dell’album è prevista per il 22 dicembre e sarà disponibile su tutti i digital store.

Pubblicità
Pubblicità

Per informazioni e-mail: francesco.montanile@virgilio.it oppure facebook : https://www.facebook.com/francymontanile/

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza