Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Italia ed estero

Vaccino Covid: accelerazione verso produzione nazionale e via libera alla dose unica ai guariti

Pubblicato

-

La svolta per la prevenzione alla diffusione del contagio da covid – 19, arriva con l’annuncio del Governo per il via libera alla dose unica per i guariti dal Covid da iniettare almeno 3 mesi dopo l’infezione ed entro 6 mesi, sia per i casi sintomatici che per quelli asintomatici.

La circolare del Ministero della Salute specifica però che la monodose non vale per chi soffre di immunodeficienza, non essendo prevedibile la protezione immunologica. In questi casi, il Ministero raccomanda di proseguire con la normale doppia vaccinazione dei 3 vaccini ad oggi disponibili.

Nella circolare firmata dal direttore per la prevenzione, Gianni Rezza, si legge che: “Il criterio della monodose per i guariti da covid potrebbe però essere rivisto se si dovessero diffondere varianti del virus connotate da un particolare rischio di reinfezione”.

L’obiettivo è quindi di reperire più fiale possibili per tamponare l’emergenza, mentre l’idea di un polo vaccinale italiano diventa sempre più concreta.  Infatti, alcune aziende italiane si sono dette disponibili a produrre i bulk, ovvero il principio attivo e gli altri componenti del vaccino anti covid, perché già dotate dei necessari bioreattori e fermentatori.

Il Mise quindi, rende noto che la produzione potrà avvenire a conclusione dell’iter autorizzativo da parte delle autorità competenti, in un tempo stimato di circa 4-6 mesi, spiegando che: “ grazie all’eccellenza produttiva dell’Italia, sono già pronte diverse aziende. É stato mandato dal Ministero ai diversi rappresentati competenti di procedere all’individuazione di contoterzisti in grado di produrre vaccini entro autunno del 2021”.

L’accelerazione alla produzione nazionale arriva con una contestuale strategia per gestire l’emergenza che prevede una sinergia tra amministrazioni e infrastrutture. Per impiegare al meglio i 300 mila volontari della Protezione Civile e i 1700 militari già impegnati nelle operazioni di trasporto, a giorni arriverà un dossier su tempi e luoghi di somministrazioni, che necessiterà di una doverosa intesa anche con i Governatori.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Benessere e Salute4 settimane fa

Sanità, dal 1 gennaio 2023 nuove regole per l’accesso agli ospedali

Alto Adige3 settimane fa

Partirà una class action contro la Volksbank (Banca Popolare dell’Alto Adige)

Bolzano3 settimane fa

Muore a 42 anni Chiara Cantaloni, ricercatrice senior all’Eurac di Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

Morta Paola Zani, commissario capo della Questura di Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Pedone investito da scooter in via Palermo, Repetto: «Giunta litiga invece di trovare soluzioni»

Bressanone3 settimane fa

Bressanone: corteo storico per l’Epifania

Alto Adige4 settimane fa

Capodanno, i Vigili del Fuoco avvisano: “Festeggiamo senza rischiare, usiamo correttamente i fuochi d’artificio”

Politica14 ore fa

La moneta regionale dell’Alto Adige è sempre più vicina

Alto Adige2 settimane fa

Valanga in Val Gardena, gravissimo un carabiniere

Alto Adige4 settimane fa

A gennaio arriva “Joe il film”: è il primo roadmovie al 100% altoatesino

Alto Adige3 settimane fa

Resoconto attività 2022 della Polizia Postale e delle Comunicazioni e dei Centri Operativi Sicurezza Cibernetica

Bolzano4 settimane fa

Addetto alle pulizie trova una borsa con 500 euro in contanti e la riconsegna alla proprietaria

Merano2 settimane fa

Nuova raccolta dell’umido, falsa partenza, Zampieri (FdI): sulla gestione rifiuti Comune imbarazzante

Bolzano2 settimane fa

Sono ancora gravissime le condizioni di Giovanni Andriano, il 49 enne travolto ieri da una valanga il Val Gardena

Alto Adige4 settimane fa

Termeno, crolla un pezzo dell’autolavaggio sulla macchina: intervengono i vigili del fuoco

Archivi

Categorie

di tendenza