Connect with us

Alto Adige

Valanga di Martello: valle isolata, due case danneggiate, 20 evacuati

Pubblicato

-

Il sindaco di Martello, Georg Altstätter, fa il punto della situazione per quanto riguarda la valanga che ha colpito questa mattina il centro del paese.

L’intera Val Martello è completamente isolata dal mondo esterno, nelle frazioni Martello di dentro e Selva (Waldberg) non vi sono né elettricità, né telefono.

Attualmente sono circa 80 le persone coinvolte negli interventi di emergenza e di soccorso per tenere la situazione sotto controllo, è stato richiesto l’equipaggiamento adeguato al Corpo permanente dei vigili del fuoco di Bolzano.

Pubblicità
Pubblicità

Valanga Eberhöfer, gli evacuati ospitati in palestra

La valanga Eberhöfer – racconta il sindaco – nonostante i numerosi investimenti effettuati negli ultimi anni, si è staccata alle ore 8.33, partendo da un’altitudine di circa 2.400 metri e arrestandosi a quota 1.200 metri. La slavina ha sfiorato il paese, due case sono state parzialmente danneggiate ma fortunatamente non vi sono stati feriti. Il cono della valanga, per quanto la visibilità lo permetteva, è stato controllato dalle forze di emergenza con cani e attrezzatura Reco, tutte le famiglie sono state interpellate per escludere la presenza di persone scomparse o disperse. Diverse case situate nella zona di maggior pericolo sono state evacuate, e i 20 abitanti ospitati presso la palestra del centro civico. Il rifugio di emergenza allestito dalla Croce Bianca offrirà ospitalità sino al termine della situazione di allarme.

Alle 9.28, inoltre, una seconda valanga è scesa verso valle sul lato destro orografico nella frazione di Transacqua (Ennewasser). Nessuna persona e nessun edificio risultano coinvolti.

In alta montagna fino a 2 metri di neve fresca

In alta montagna si sono accumulati circa 2 metri di neve fresca – spiega il sindaco – e già venerdì scorso sono state chiuse le strade dopo aver attivato la Centrale di protezione civile comunale e la commissione di protezione dalle valanghe“.

Sempre venerdì sera vi è stata un’interruzione della fornitura di energia elettrica che è stata ripristinata sabato mattina dal gestore Edyna, e sempre nella mattinata di sabato un elicottero della Protezione civile provinciale ha sorvolato la zona per una ricognizione della situazione.

Le enormi quantità di neve e i molti alberi che bloccano le strade di accesso ci hanno spinto ha tenere riunioni quasi ogni ora – prosegue Georg Altstätter – con organizzazioni di soccorso, vigili del fuoco volontari, Servizio strade e Carabinieri“.

Merano

Merano: test antisismico degli edifici pubblici

Pubblicato

-

Gli edifici pubblici devono essere sottoposti a una verifica sismica. Lo prevede l’ordinanza n. 3274 del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20 marzo 2003.

A marzo dello scorso anno la Giunta provinciale ha deciso di dar seguito a questa disposizione e di creare un elenco delle costruzioni e delle infrastrutture delle quali devono essere definite sinteticamente le caratteristiche generali in relazione al possibile verificarsi di un terremoto.

Una simile verifica risulta di fondamentale importanza per le finalità di protezione civile, soprattutto se si tratta di edifici e strutture che, nel caso di un sisma, possono collassare. A quest’obbligo devono adempiere non solo le amministrazioni comunali (per quanto concerna ad esempio le caserme di vigili del fuoco, gli ospedali, gli impianti per la produzione di energia, le strutture per l’approvvigionamento idrico e le comunicazioni), ma anche i privati proprietari di immobili all’interno dei quali si possono trovare numerose persone, come ad esempio nelle case di riposo, nelle chiese e nei luoghi di culto, nelle scuole private di ogni tipo e grado, nei centri commerciali, nelle sale accessibili al pubblico e che ospitano rappresentazioni, convegni ed eventi vari“, ha fatto notare il comandante della Polizia locale Fabrizio Piras.

Pubblicità
Pubblicità

L’elenco delle categorie di edifici, per i quali è necessaria la verifica sismica, è riprodotto nel testa della Datei herunterladen: PDFdelibera provinciale.

Continua a leggere

Merano

Merano: il Comune assume nuovi agenti di polizia

Pubblicato

-

Il Comune di Merano ha intenzione di formare una graduatoria mediante prova pratica/orale per l’assunzione a tempo determinato di vigili urbani e annonari (V qualifica funzionale).

Il termine per la presentazione delle domande di ammissione scade alle ore 12:30 di venerdì 24 gennaio 2020. L’amministrazione sta anche cercando operai specializzati per il cantiere comunale.

Tutte le persone interessate possono rivolgersi all’Ufficio personale del Comune di Merano, al 2° piano del municipio, stanza 230 (tel. 0473 250244 o 250194).

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Alto Adige

Sanità, serata informativa per gli studenti di medicina di Innsbruck

Pubblicato

-

Si è svolta nei giorni scorsi una serata informativa rivolta a studenti di medicina altoatesini iscritti all’Università di Innsbruck alla quale hanno preso parte l’assessore provinciale alla salute, Thomas Widmann, ed il direttore generale dell’Azienda sanitaria, Florian Zerzer.

Per iniziativa dell’associazione degli studenti universitari altoatesini (sh.asus), dell’Ufficio ordinamento sanitario, dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige e della Facoltà di medicina dell’Università di Innsbruck sono state illustrate agli studenti di le condizioni quadro della formazione specialistica e dell’attività lavorativa dei medici in Alto Adige.

Carenza di medici, sfida di grandi proporzioni

Pubblicità
Pubblicità

La carenza di medici in provincia di Bolzano rappresenta una sfida di grandi proporzioni – ha sottolineato l’assessore alla salute, Thomas Widmann – ed è quindi importante  porre l’accento, in un confronto diretto con i giovani studenti, sulla crescente richiesta di prestazioni sanitarie e sull’imminente pensionamento di numerosi medici altoatesini“.

Il presidente dell’Associazione degli studenti, Matthias von Wenzl, ha posto l’accento sull’importanza della presenza alla serata dei vertici della sanità altoatesina ed ha sollecitato i presenti a rivolgere loro domande dirette sulla sanità provinciale.

Impegno per condizioni quadro favorevoli

Nel corso della serata sono state fornite informazioni dettagliate in merito a tematiche come il riconoscimento dei titoli accademici, la formazione dei medici specialistici, i praticantati e la formazione in medicina generale.

Al termine dei loro interventi gli esperti presenti, Florian Zerzer, direttore generale dell’Azienda sanitaria, e Veronika Rabensteiner, direttrice dell’Ufficio ordinamento sanitario hanno risposto alle numerose domande del pubblico.

Al termine della serata l’assessore Widmann ha affermato che “il futuro della sanità altoatesina dipende anche dalle decisioni personali che verranno prese da parte dei giovani che attualmente sono iscritti nelle facoltà di medicina. Tra gli obiettivi prioritari dell’attività della Giunta provinciale vi è quindi anche la creazione di condizioni quadro favorevoli per lo svolgimento dell’attività medica in Alto Adige“.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza