Connect with us

Società

Violenza sui bambini, progetto nella scuola dell’infanzia di Ortisei

Pubblicato

-

Lo scorso novembre bambini e bambine di 4 e 5 anni della scuola dell’infanzia Sureghes, a Ortisei, hanno avuto l’occasione di partecipare al progetto “Giù le mani!”.

Si tratta di un’iniziativa per la prevenzione alla violenza sessuale nei confronti di bambini e bambine, svolta in collaborazione con l’associazione Germoglio-Sonnenschein di La Strada-Der Weg.

Prima di avviare il progetto, la psicologa Gaia Mureda ha illustrato ai genitori come avrebbe affrontato con i bambini e le bambine la tematica della violenza, e dopo una presentazione dettagliata del progetto e la lettura del libro “Giù le mani!”, i genitori hanno avuto la possibilità di porre varie domande avviando un confronto reciproco e costruttivo.

Pubblicità
Pubblicità

In novembre, come detto, è cominciato il progetto, e i bambini sono stati suddivisi in due gruppi di lavoro ai quali la psicologa Gaia Mureda si è rivolta in lingua tedesca e italiana raccontando la storia del pinguino Leo, il protagonista di “Giù le mani!”, utilizzando sia il materiale didattico, sia i peluche.

I bambini hanno mostrato grande interesse ed entusiasmo, “allenandosi” a dire no aiutati dal suono pesante di un tamburo per rendere la loro affermazione più forte e decisa.

Al termine del progetto, i partecipanti hanno ricevuto in regalo la pietra del coraggio, che ha lo scopo di ricordare quanto sia importante saper dire di no e saper raccontare a degli adulti di fiducia eventuali avvenimenti negativi.

Pubblicità
Pubblicità

Società

Il 25 luglio a Bolzano la seconda edizione della “Notte in bianco”

Pubblicato

-

Tutto pronto per la seconda edizione della “Notte in bianco” a Bolzano, organizzata dalla cooperativa Bzheartbeat e che l’anno scorso ha riscosso un grande successo con la partecipazione di centinaia di persone.

Giovedì 25 luglio il centro storico del capoluogo sarà animato dalle molte iniziative in programma per l’evento dell’anno ispirato al francese “Diner en Blanc“.

L’invito ai bolzanini è quello di vestirsi completamente di bianco e partecipare all’aperitivo e al dopo cena che verranno allestiti con le lunghe tavolate tra via Museo, piazza Erbe, via Portici, via Leonardo Da Vinci e via Goethe.

Pubblicità
Pubblicità

Già dal 2016 la cooperativa BzHeartbeat si occupa di riportare vitalità e movida nel capoluogo anche grazie al coinvolgimento delle molte realtà cittadine.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Società

Miss Italia: a Lagundo la più bella è Allison Quarta

Pubblicato

-

Si è conclusa anche la nona tappa dell’80°Concorso Nazionale di Miss Italia.

Infatti sabato 20 luglio i riflettori si sono accesi alle 21.15 a Lagundo nella sala della cultura, nel cuore del paese, dove si è disputata la sfilata per l’assegnazione del titolo provinciale di MISS Lagundo. 

Sul palco sono salite 20 bellissime ragazze tra i 18 e i 30 anni provenienti da tutta la Regione, presentate e coordinate da Sonia Leonardi.

Pubblicità
Pubblicità

La vincitrice del titolo di Miss Lagundo, incoronata dal presidente di giuria Elisabeth Wolf, è stata Allison Quarta, 22enne studentessa universitaria di Storo.

Sul podio assieme a lei anche alle altre 5 ragazze che accederanno alle Finali Regionali e da li andranno direttamente alla Finalissima per l’elezione di Miss Trentino Alto Adige, che sarà anche quest’anno ospitata nella suggestiva ed elegante cornice di Piazza Duomo di Bressanone domenica 18 agosto. 

Miss Rocchetta è stata eletta la diciottenne studentessa di Riva del Garda Sara Filla, terza classificata è stata Erica Bolognani quasi diciottenne studentessa di Trento, Miss Be Much è Valentina Ferragina, 23enne neo laureata in ostetricia di Bolzano, Miss Radio Nbc è Stefania Coletti, 20 anni di Trento prossima studentessa in medicina e chiude il podio Hoda El Kihal, 19 anni studentessa di Trento.

Prossimi imminenti appuntamenti con le selezioni provinciali della Bellezza: 23 luglio Canazei, 26 luglio Avio, 29 luglio centro commerciale Blue Garden, 30 luglio Storo, 1 agosto Ortisei, 2 agosto Mezzano.

Madrina della serata è stata la bellissima Nicole Nietzsch, di Merano, che lo scorso anno dopo aver vinto la fascia a Cortina si è qualificata alla Finale Regionale di Fiera di Primiero ed è approdata alla finale televisiva su LA7 tra le 30 ragazze più belle d’italia.

Ospiti della serata, molto applauditi, sono stati Manuel Walzl e Jaqueline Pirchler, per la scuola di danza sportiva Lunika di Lagundo, che si sono esibiti in due balli di coppia molto coinvolgenti: un cha cha cha e un jive. Entrambi sono stati anche i vincitori della scorsa edizione del Festival Talent show.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Società

FaceApp: l’App che ti invecchia derubandoti per sempre

Pubblicato

-

FaceApp è l’App che sta spopolando in tutto il mondo.

Questa App consente di modificare il nostro volto adattandolo ai diversi step biologici della vita, da giovane ad anziano, per poi condividerlo con i nostri amici.

Ma la maggior parte di chi usa  questa App e condivide le foto è consapevole di cosa sta concedendo?

Pubblicità
Pubblicità

Se si legge la nota informativa ci si accorge che si da il consenso all’azienda fornitrice del servizio di immagazzinare nei suoi server le foto dei nostri volti.

Dati biometrici sul quale non avremo più nessun controllo. Dati che l’azienda potrà sfruttare per addestrare le reti neurali e i sistemi di intelligenza artificiale sui quali la società produttrice di FaceApp sta lavorando.

L’azienda opera nella madre Russia, più precisamente a San Pietroburgo, quindi fuori dalla giurisdizione Europea.

Ancora una volta concediamo gratis e solo per strappare una risata ad un amico che manco reputiamo tale su Facebook o Instagram, i nostri Dati.

Queste App sfruttano l’ignoranza delle persone, le quali non percepiscono il furto al quale sono soggette.

Accettando i termini concedi a FaceApp una licenza perpetua, irrevocabile, non esclusiva, esente da diritti a livello mondiale, trasferibile per utilizzare, riprodurre, modificare, adattare, pubblicare, tradurre, creare opere derivate da, distribuire, eseguire pubblicamente e mostrare sul contenuto dell’utente,  la nostra immagine.

Lo sosteniamo da tempo, nel futuro la linfa vitale dell’economia, l’asse digitale più redditizio, il fattore produttivo più remunerativo sarà il Dato.

Non siamo ancora pronti per capire di cosa siamo depredati ogni qualvolta accediamo ad un servizio somministratoci dalle aziende tecnologiche.

Ancora di più se queste aziende non hanno sede in Stati che adottano una regolamentazione sulla privacy restrittiva.

Ad essere schedato e sfruttato non sei solo tu ma anche la foto che carichi della tua compagna, del tuo amico e tutto quello che in essa è contenuto.

Un semplice e divertente gioco che ci espropria della nostra privacy e del nostro controllo su di essa.

FaceApp ci fa sorride ora, ma un domani potrebbe risultare un brutto scherzo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza