Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Arte e Cultura

20 anni del Museum Ladin: nuovo archivio fotografico e nuova mostra

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

L’archivio fotografico di Hans Pescoller, ex segretraio comunale di San Martino in Badia deceduto nel 2017, donato al Museum Ladin dalla famiglia del fotografo, arricchisce la collezione del Museum Ladin Ćiastel de Tor di oltre 33.000 fotografie, tra cui circa 15.000 delle valli ladine. Con questo regalo e la partenza della nuova mostra d’arte “Dépôt. E luce fu!” il museo di San Marino di Badia oggi (10 ottobre) festeggia i suoi 20 anni di collezionismo.

E proprio oggi l’archivio fotografico di Pescoller è stato consegnato ufficialmente al museo. Tra i presenti, il presidente della Provincia e assessore provinciale ai musei, Arno Kompatscher, il team del Museum Ladin e il suo comitato scientifico, la vedova di Hans Pescoller, Anna Verginer e i suoi figli.

Collezione di beni identitari dei ladini 

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Il Museum Ladino Ćiastel de Tor in val Badia da oltre 20 anni raccoglie, conserva e documenta i beni materiali e immateriali che costituiscono la connotazione identitaria delle valli ladine. Grazie all’ampliamento dell’area di deposito, viene garantito un luogo più dignitoso e appropriato per la conservazione di oggetti espositivi preziosi e unici“, ha affermato il presidente della Provincia Arno Kompatscher. L’assessore provinciale alla cultura ladina Daniel Alfreider, che non ha potuto presenziare alla cerimonia, ha espresso il suo ringraziamento alla famiglia di Hans Pescoller per il prezioso lascito.

Ente museale apprezzato

Da oltre 20 anni collezioniamo oggetti che trasmettono la cultura del popolo ladino“, racconta Stefan Planker, direttore del Museum Ladin, inaugurato nel 2001. Da allora la collezione è stata continuamente sviluppata, “attraverso acquisti, ma spesso anche attraverso donazioni di privati, il che dimostra un grande apprezzamento per noi e che ci lusinga molto”.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Raggiunta copertura fotografica delle valli ladine

Hans Pescoller per diversi decenni ha fotografato paesaggi, persone, piante e animali nelle valli ladine, ma non solo. Ha anche pubblicato diversi libri fotografici. La sua opera è raccolta in un archivio fotografico di oltre 33.000 foto, che ora, grazie alla donazione della sua famiglia, avvenuta pochi giorni fa, ora fanno parte della collezione del Museum Ladin. “Con le foto di Hans Pescoller abbiamo raggiunto una copertura fotografica delle valli ladine dalla fine del XVIII secolo ai giorni nostri”, spiega Planker.

Mostra “Dépôt. E luce fu!”

La nuova mostra d’arte “Dépôt. E luce fu!”, presentata oggi (10 ottobre), espone opere provenienti dalla collezione del museo: dipinti, disegni e sculture di 19 artisti e di un artista delle valli ladine, che hanno vissuto tra il 17° secolo ed oggi. La mostra rende accessibili e visibili opere normalmente conservate nel deposito del museo e, grazie alle biografie dei loro autori, pone gli artisti sotto una nuova luce. Le opere sono esposte in due stanze: la prima si concentra sulla figura umana e sul corpo, mentre la seconda è dedicata alla natura e all’architettura.

Le opere sono sistemate lungo le pareti come finestre ideali attraverso le quali nella pinacoteca entrano scorci di natura. La mostra è visitabile da domani, domenica, 11 ottobre 2020 fino ad agosto 2021. Il museo è aperto fino alla fine di ottobre da martedì a sabato, dalle ore 10 alle 16, e la domenica, dalle ore 14 alle 18. La nuova stagione inizia dopo Natale. Informazioni: Museum Ladin Ćiastel de Tor, via Tor, 65, San Martino in Badia, tel. 0474 524020.

Esposte le opere di 20 artisti

Gli artisti in mostra sono: Jacob Zanusi (1679-1742), Dominik Vinatzer (1666-1733), Domëne Moling (1691-1761), Dominik Mahlknecht (1793-1876), Franz Tavella (1844-1931), Josef Moroder Lusenberg (1846-1939), August Pezzei il Vecchio (1847-1915), Franz Angel Rottonara (1848-1938), Antonio Colli (1870-1950), Franz Josef Noflaner (1904-1989), Mili Schmalzl (1912-2006), Peter Demetz (1913-1977), Angel Morlang (1918-2005), Lois Irsara (1923-2014), David Moroder (1931-1997), Josef Kostner (1933-2017), Otto Irsara (1933-2004), Bruno Vallazza (1935-2016), Aldo Canins (1944-2019) e Martin Demetz (1930-2007).

NEWSLETTER

Alto Adige1 settimana fa

In fuga dalla giustizia si è rifugiato in montagna, ma è stato tradito dalla propria personalità

Bolzano3 settimane fa

Tifoso bolzanino istiga dei giovani alla violenza contro dei supporters albanesi. Scatta il daspo triennale

Bolzano3 settimane fa

Scoperto magazzino di droga a Bolzano: 42enne denunciato

Bolzano3 settimane fa

Ancora problemi per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini. Il questore chiude il bar Cristallo

Alto Adige4 settimane fa

Frana a Longiarù, Val Badia (Video) proseguono senza sosta i lavori per limitare i danni. Evacuate 56 abitazioni

Alto Adige3 settimane fa

Alto Adige flagellato dal maltempo, alberi abbattuti, grandine e forte vento

Italia ed estero3 settimane fa

Strage a La Mecca: almeno 800 morti tra i pellegrini durante l’Hajj: cosa è successo

Sport4 settimane fa

Il Bolzano Baseball Club coglie la seconda vittoria sul campo amico

Bolzano3 settimane fa

Danneggia le autovetture in sosta in zone diverse della città e minaccia gli agenti

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Tragedia sui binari: donna investita e uccisa da un treno a Salorno

Alto Adige3 settimane fa

ConnX: La Rivoluzione della Mobilità Urbana Presentata da Leitner

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: 43 nuovi agenti rinforzano la Polizia di Stato

Bolzano3 settimane fa

Irrompe negli uffici della provincia, minaccia gli impiegati ed aggredisce gli agenti

Bolzano3 settimane fa

Magazzini pieni e poca liquidità: negozi altoatesini in difficoltà

Offerte lavoro4 settimane fa

Cercasi da subito un operaio agricolo specializzato in viticoltura

Archivi

Categorie

più letti