Connect with us

Politica

Aggressione nel supermercato in Via Resia, Galateo: “Bolzano non è Gomorra, e non lo deve diventare”

Pubblicato

-

“Nel quartiere Don Bosco abbiamo a che fare con una baby gang composta da 15-20 ragazzi, la realtà è che se fossero maggiorenni sarebbe una vera e propria associazione a delinquere.”

Forte la presa di posizione di Fratelli d’Italia sull’aggressione avvenuta ieri ai danni di un minorenne all’interno di un supermercato in via Resia, che afferma tramite le parole del portavoce locale Marco Galateo: “Questi ragazzi organizzano, pianificano e mettono in pratica tutta una serie di reati contro la persona, il patrimonio e la sicurezza pubblica. C’è già stata un’aggressione ad un medico in via Palermo, diversi furti a danno di negozi nel quartiere che stanno mettendo in seria difficoltà i residenti del quartiere. In Piazza Anita Pichler i residenti continuano a chiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine, che però quando arrivano non riescono mai a cogliere in flagranza di reato i ragazzi. Intere famiglie stanno provando a vendere l’appartamento pur di riuscire ad andarsene da lì.

“Bolzano non è Gomorra, ma non lo deve neanche diventare. I ragazzi nel quartiere sono tutti conosciuti,  molti abitano in appartamenti dell’IPES, alcuni  nelle case demaniali dell’Esercito in via Resia; qui c’è un problema sociale profondo nella nostra società, non si tratta di una ‘banale’ aggressione giovanile come probabilmente il personale del Supermercato ha pensato. 

Pubblicità
Pubblicità

La madre del giovane ragazzo aggredito sottolinea come nessuno degli adulti presenti all’aggressione sia intervenuto nonostante le richieste del figlio. D’altro canto però ci sono (purtroppo) delle ‘ragioni’ giuridiche che si fondano sul nostro Ordinamento di giustizia che andrebbe riformato a livello nazionale: per l’ordinamento italiano sugli atti giudiziari compaiono nomi, cognomi e indirizzi di residenza degli intervenuti, quindi anche delle vittime e dei testimoni che finiscono nelle mani degli aggressori.

Questa realtà fa sì che i testimoni siano disincentivati a farsi parte attiva in una aggressione ed è sbagliato. Visto che in questo caso gli aggressori hanno già dimostrato di non avere nessuna remora sociale, facendo letteralmente quello che vogliono, diventa difficile per qualcuno decidere di intromettersi per poi rischiare successivamente”.

“In questi ultimi tempi abbiamo visto come i quartieri popolari della città siano sempre più oggetto di atti criminali, ad esempio lo abbiamo visto con la sparatoria di qualche giorno fa in via Bari, che non è la prima sparatoria. il sindaco continua a chiamarla micro criminalità, in questo caso però noi avevamo un quindicenne in pausa pranzo dopo la scuola. I ragazzi non dovrebbero avere paura di andare a scuola, ed i genitori di mandarci i loro figli.  

Cosa si può fare? Gli interventi che noi proponiamo sono diversi: in primis il Comune di Bolzano dovrebbe costituirsi parte civile con questi ragazzi e indurli richiedendo un risarcimento danni che verrebbe poi commutato in attività di volontariato. Questi ragazzi devono capirlo con il proprio sudore che questi comportamenti sono sbagliati. Secondo aspetto è l’Istituto dell’IPES, tra l’altro controllato da amici politici che in campagna elettorale la vedevano come noi sulla necessità di ristrutturare i punteggi assegnanti alle graduatorie perché, ricordiamolo, è pieno di gente perbene che aspetta un appartamento.

Noi pensiamo che dentro gli alloggi dell’IPES non ci debbano essere persone che decidono deliberatamente di intraprendere azioni criminali. Vero, diranno gli esperti giuristi, non possiamo penalizzare le persone sulla base della fedina penale, ma una cosa che si può fare è premiare chi non ha questo tipo di problemi. Possiamo dare punti in più a chi se lo merita. Cosa può fare la Provincia? Può intervenire con assistenti sociali ma anche con i dirigenti scolastici, questi sono minorenni e a scuola ci devono andare ancora. I dirigenti scolastici sanno come intervenire, hanno gli strumenti pedagogici per eventuali correzioni”.

Ultimo ma non meno importante, andrebbe coinvolta anche la famiglia, visto che essendo il figlio minorenne bisogna renderla responsabile delle sue azioni. Immagino che tanti genitori in occasioni del genere dei provvedimenti li avrebbero presi”.

Conclude, lanciando l’appello che se qualcuno ha visto qualcosa lo riferisca subito alle Forze dell’Ordine la dottoressa Scarafoni, che ha letto un breve messaggio lanciato dalla madre del ragazzo: “Quello che mi preme dire è che innanzitutto chi ha visto ed era presente avrebbe dovuto segnalarlo alle Forze dell’Ordine. Chi fa del male deve pagare le conseguenze delle sue azioni, inoltre vorrei aggiungere che bisogna finirla di mettere la testa sotto la sabbia ogni volta che vediamo qualche cosa che ci fa paura.

Noi adulti dovremmo essere un esempio per i nostri figli, dovremmo insegnare loro che non è con l’indifferenza ed il menefreghismo che si combatte la violenza. Inutile fare campagne contro il bullismo quando noi siamo i primi a scappare di fronte ai problemi. Il bullismo, la prevaricazione, la violenza si combattono tutti insieme, non con l’omertà. Che insegnamenti diamo ai nostri ragazzi?”.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]

Categorie

di tendenza