Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Aggressione nel supermercato in Via Resia, Galateo: “Bolzano non è Gomorra, e non lo deve diventare”

Pubblicato

-

“Nel quartiere Don Bosco abbiamo a che fare con una baby gang composta da 15-20 ragazzi, la realtà è che se fossero maggiorenni sarebbe una vera e propria associazione a delinquere.”

Forte la presa di posizione di Fratelli d’Italia sull’aggressione avvenuta ieri ai danni di un minorenne all’interno di un supermercato in via Resia, che afferma tramite le parole del portavoce locale Marco Galateo: “Questi ragazzi organizzano, pianificano e mettono in pratica tutta una serie di reati contro la persona, il patrimonio e la sicurezza pubblica. C’è già stata un’aggressione ad un medico in via Palermo, diversi furti a danno di negozi nel quartiere che stanno mettendo in seria difficoltà i residenti del quartiere. In Piazza Anita Pichler i residenti continuano a chiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine, che però quando arrivano non riescono mai a cogliere in flagranza di reato i ragazzi. Intere famiglie stanno provando a vendere l’appartamento pur di riuscire ad andarsene da lì.

“Bolzano non è Gomorra, ma non lo deve neanche diventare. I ragazzi nel quartiere sono tutti conosciuti,  molti abitano in appartamenti dell’IPES, alcuni  nelle case demaniali dell’Esercito in via Resia; qui c’è un problema sociale profondo nella nostra società, non si tratta di una ‘banale’ aggressione giovanile come probabilmente il personale del Supermercato ha pensato. 

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

La madre del giovane ragazzo aggredito sottolinea come nessuno degli adulti presenti all’aggressione sia intervenuto nonostante le richieste del figlio. D’altro canto però ci sono (purtroppo) delle ‘ragioni’ giuridiche che si fondano sul nostro Ordinamento di giustizia che andrebbe riformato a livello nazionale: per l’ordinamento italiano sugli atti giudiziari compaiono nomi, cognomi e indirizzi di residenza degli intervenuti, quindi anche delle vittime e dei testimoni che finiscono nelle mani degli aggressori.

Questa realtà fa sì che i testimoni siano disincentivati a farsi parte attiva in una aggressione ed è sbagliato. Visto che in questo caso gli aggressori hanno già dimostrato di non avere nessuna remora sociale, facendo letteralmente quello che vogliono, diventa difficile per qualcuno decidere di intromettersi per poi rischiare successivamente”.

“In questi ultimi tempi abbiamo visto come i quartieri popolari della città siano sempre più oggetto di atti criminali, ad esempio lo abbiamo visto con la sparatoria di qualche giorno fa in via Bari, che non è la prima sparatoria. il sindaco continua a chiamarla micro criminalità, in questo caso però noi avevamo un quindicenne in pausa pranzo dopo la scuola. I ragazzi non dovrebbero avere paura di andare a scuola, ed i genitori di mandarci i loro figli.  

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Cosa si può fare? Gli interventi che noi proponiamo sono diversi: in primis il Comune di Bolzano dovrebbe costituirsi parte civile con questi ragazzi e indurli richiedendo un risarcimento danni che verrebbe poi commutato in attività di volontariato. Questi ragazzi devono capirlo con il proprio sudore che questi comportamenti sono sbagliati. Secondo aspetto è l’Istituto dell’IPES, tra l’altro controllato da amici politici che in campagna elettorale la vedevano come noi sulla necessità di ristrutturare i punteggi assegnanti alle graduatorie perché, ricordiamolo, è pieno di gente perbene che aspetta un appartamento.

Noi pensiamo che dentro gli alloggi dell’IPES non ci debbano essere persone che decidono deliberatamente di intraprendere azioni criminali. Vero, diranno gli esperti giuristi, non possiamo penalizzare le persone sulla base della fedina penale, ma una cosa che si può fare è premiare chi non ha questo tipo di problemi. Possiamo dare punti in più a chi se lo merita. Cosa può fare la Provincia? Può intervenire con assistenti sociali ma anche con i dirigenti scolastici, questi sono minorenni e a scuola ci devono andare ancora. I dirigenti scolastici sanno come intervenire, hanno gli strumenti pedagogici per eventuali correzioni”.

Ultimo ma non meno importante, andrebbe coinvolta anche la famiglia, visto che essendo il figlio minorenne bisogna renderla responsabile delle sue azioni. Immagino che tanti genitori in occasioni del genere dei provvedimenti li avrebbero presi”.

Conclude, lanciando l’appello che se qualcuno ha visto qualcosa lo riferisca subito alle Forze dell’Ordine la dottoressa Scarafoni, che ha letto un breve messaggio lanciato dalla madre del ragazzo: “Quello che mi preme dire è che innanzitutto chi ha visto ed era presente avrebbe dovuto segnalarlo alle Forze dell’Ordine. Chi fa del male deve pagare le conseguenze delle sue azioni, inoltre vorrei aggiungere che bisogna finirla di mettere la testa sotto la sabbia ogni volta che vediamo qualche cosa che ci fa paura.

Noi adulti dovremmo essere un esempio per i nostri figli, dovremmo insegnare loro che non è con l’indifferenza ed il menefreghismo che si combatte la violenza. Inutile fare campagne contro il bullismo quando noi siamo i primi a scappare di fronte ai problemi. Il bullismo, la prevaricazione, la violenza si combattono tutti insieme, non con l’omertà. Che insegnamenti diamo ai nostri ragazzi?”.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Politica10 ore fa

Il Comune di Bressanone si affida incondizionatamente a Heller, nonostante lo scandalo che lo ha coinvolto

Arte e Cultura12 ore fa

Nuova mostra permanente sulla storia regionale e contemporanea dell’Alto Adige: presentato il progetto di massima

Bolzano13 ore fa

Bolzano: arrestati un moldavo e un italiano per spaccio di stupefacenti

Politica13 ore fa

Basta sussidi a chi delinque, mozione di Galateo in Provincia

Bolzano15 ore fa

Legalità, delinquenza e bullismo: i carabinieri di Bolzano incontrano gli alunni delle medie

Alto Adige16 ore fa

Stagione invernale 2022/23: avviato il servizio di vigilanza e soccorso sulle piste da sci

Arte e Cultura16 ore fa

Strike 2022, vince l’influencer dei contadini Meike Hollnaicher

Sport17 ore fa

Foxes sconfitti a Salisburgo. I Red Bulls la spuntano per 3 a 1

Italia ed estero17 ore fa

Dopo le proteste, la polizia morale iraniana potrebbe essere abolita, ma non ci sono conferme

Sport17 ore fa

Il Frosinone raggiunge l’FCS all’ultimo secondo

Italia ed estero18 ore fa

Polemiche sull’uso del Pos a 60 euro, Meloni fa un passo indietro: “La soglia è indicativa può essere più bassa”

Alto Adige18 ore fa

Kompatscher annuncia la ricandidatura per le provinciali del 2023: “Proseguire sulla strada intrapresa”

Merano19 ore fa

Merano, auto sbanda e finisce in mezzo al frutteto: illeso il conducente

Bressanone2 giorni fa

Completato il risanamento degli accessi ai masi

Bressanone2 giorni fa

Bressanone: nuovi orari di autobus e treni a partire dall’11 dicembre

Bolzano2 settimane fa

Tragico incidente a Bolzano: donna muore investita da un camion

Ambiente Natura3 settimane fa

Zone a rischio: due terzi dei Comuni dotati di un piano valido

Bolzano3 settimane fa

Bolzano: sanzionate due discoteche per irregolarità

Bolzano2 settimane fa

Ennesimo incidente grave in piazza Mazzini: Fratelli d’Italia aveva già segnalato la pericolosità dell’incrocio

Alto Adige1 settimana fa

Il Servizio strade è pronto per le imminenti nevicate

Alto Adige4 settimane fa

Escursioniste incontrano un branco di lupi in Val d’Ultimo: li allontana solo l’arrivo dell’elicottero

Bressanone2 settimane fa

Bressanone: 229 tonnellate di indumenti usati all’anno sono troppe per indumenti di qualità

Alto Adige1 settimana fa

La Provincia cerca ispettori amministrativi, domande entro il 20 dicembre

Bolzano2 settimane fa

Maxi operazione antidroga della Squadra Mobile: 25 arresti -IL VIDEO

Bolzano7 giorni fa

Inquinamento, dal 1 gennaio 2023 a Bolzano scattano i divieti anche per i diesel Euro 3

Bolzano2 giorni fa

Bolzano: arrestato sul treno un giovane per furto aggravato

Bolzano5 giorni fa

Bolzano, individuato il ladro di abiti firmati grazie alle telecamere: espulso un tunisino irregolare

Alto Adige5 giorni fa

Bonus bollette: domande dal 1° dicembre 2022 sino al 31 marzo 2023

Politica2 settimane fa

Violenza tra minori, revocare gli alloggi sociali in conseguenza di reati che destano allarme sociale, mozione di Galateo (FdI) in Provincia

Valle Isarco2 settimane fa

Il bis dell’Ibis a Vipiteno

Archivi

Categorie

di tendenza