Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Baby gang, Lega e FI sconfessano Zaia, no a misure severe. Urzí: incredibile

Pubblicato

-

Per il Consiglio provinciale altoatesino  non sono necessarie azioni preventive educative e coercitive per arginare il fenomeno dilagante delle baby gang.

Le  aveva chieste con un’articolata mozione il Consigliere provinciale di Fratelli d’Italia Alessandro Urzì che aveva fatto notare in aula come anche il territorio altoatesino non sia immune da episodi antisociali ed aggressivi da parte di adolescenti, molti dei quali immigrati di seconda generazione, che sfociano in atti vandalici, aggressioni, risse, violenze di ogni genere, intimidazioni e altri reati ordinari.

Incredibilmente non hanno sostenuto la mozione neppure Forza Italia e la Lega, nonostante che l’identico documento sia stato recentemente proposto approvato a larga maggioranza dal Consiglio regionale del Veneto del governatore leghista Zaia. E nonostante che il leader del Carroccio Salvini, proprio nelle scorse ore sia intervenuto a gamba tesa sul fenomeno della bande giovanili chiedendo l’abbassamento dell’età per la punibilità a 12 anni.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Se il virtuoso Venetoha detto durante la replica in aula Urzìritiene che questa sia la strada giusta da seguire e lo fa con consapevolezza delle responsabilità dei diversi livelli, lo può fare anche l’Alto Adige, dove invece non si è capito ancora la dimensione e la  gravità del problema e si inseguono le ricette evocate dal Partito democratico e subito entusiasticamente accolte dall’ala più di sinistra della Volkspartei su street worker e i centri educativi.

“Questo è un capitolo ha  tuonato in aula il consigliere di Fratelli d’Italiache sta diventando drammatico a livello nazionale, ma che sta anche travolgendo il nostro territorio. Questo è un fenomeno di fronte al quale noi non abbiamo il diritto, ma  il dovere di fare qualcosa. Mentre qui in aula si parla del nulla in quella che è solo una fiera dell’ipocrisia, fuori la gente viene aggredita a sputi e sassate.”

Basta sussidi per chi non rispetta le regole, le famiglie coinvolte accompagnate in percorsi di educazione sociale, perché questo è un problema sociale ed i denari risparmiati e non dati a chi non vive civilmente devono essere  devoluti alle vittime degli episodi di violenza” – ha concluso Urzì chiedendo la votazione nominale del documento, poi respinto dall’aula con 23 voti contrari e 5 astenuti.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

La mozione presentata da Fratelli d’Italia (ed approvata in analogo testo dalla regione Veneto) chiedeva una attivazione diretta della Provincia negli ambiti di propria competenza e un intervento della Giunta provinciale presso le autorità statali ed in primis il governo per creare i presupposti di legge utili a prevedere non solo la certezza della pena ma anche l’inasprimento delle stesse.

Urzì ha ricordato che la responsabilità del Governo (a Roma, lo ricordiamo, Fratelli d’Italia è all’opposizione) sta anche nell’assenza di forti iniziative legislative utili ad arginare il grave problema delle baby gang. Così in una nota stampa il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia Alessandro Urzì.

NEWSLETTER

Alto Adige2 giorni fa

Tragico incidente in moto sulla Mendola, tentano il sorpasso ma perdono il controllo del mezzo: muore giovane coppia di fidanzati

Alto Adige3 settimane fa

Caldo torrido previsto in Alto Adige: da venerdì allerta rossa

Arte e Cultura1 giorno fa

Ferragosto tra escursioni al Renon, musei e gastronomia: «Lasciatevi sorprendere da Bolzano»

Bolzano1 giorno fa

Bolzano: arrestato per spaccio di stupefacenti un commerciante straniero

Alto Adige4 settimane fa

Ancora un altro grande incendio boschivo in Alto Adige: oltre 150 vigili del fuoco impegnati nelle operazioni

Alto Adige4 settimane fa

Fiamme e siccità: nuovi roghi sulle strade del Guncina e a Naz Sciaves

Sport1 giorno fa

FC Südtirol: storico debutto sul campo del Brescia

Alto Adige4 settimane fa

Alto Adige, il fuoco non da tregua: scatta l’allarme per due nuovi incendi

Politica3 settimane fa

Mattarella accetta le dimissioni, finisce l’era del Governo Draghi: esecutivo in carica solo per gli affari correnti

Alto Adige1 giorno fa

Il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Brennero arresta un cittadino marocchino irregolare

Alto Adige3 settimane fa

Fiamme sull’Alpe di Siusi, attivato anche un elicottero per le operazioni di spegnimento

Ambiente Natura1 giorno fa

Rablà: continua il lavoro di eradicazione della pianta aliena

Val Pusteria3 settimane fa

Auto sbanda sulla strada della val Pusteria e finisce ribaltata: una persona all’ospedale

Italia ed estero3 settimane fa

Codici: nuova vittoria in Tribunale contro Costa, ammessa la class action per la crociera “Le perle del Caribe” sulla Pacifica

Sport3 settimane fa

F.C. Südtirol saluta Alessandro Malomo che torna in Serie C con il Foggia

Archivi

Categorie

di tendenza