Connect with us

Arte e Cultura

Bando Generazioni 2021: presentati in diretta social i 13 progetti vincitori

Pubblicato

-

Sono stati presentati in diretta Facebook e YouTube i 13 progetti selezionati per l’edizione 2021 del bando Generazioni. Il tema scelto quest’anno, “Aspirazioni & Ispirazioni”, invitava progettisti e progettiste a mettere in campo creatività e determinazione, per reagire con energia ed entusiasmo alla difficile situazione che il mondo della cultura sta ancora attraversando.

Come di consueto, i progetti selezionati toccano l’intera regione: le città capoluogo, Bolzano e Trento, ma anche le periferie, i centri minori e le valli. Erano  cinque i percorsi che verranno attivati in Trentino. Alla presentazione hanno partecipato Giuliano Vettorato, vicepresidente e assessore alla Cultura italiana della Provincia autonoma di Bolzano, e Antonio Geminiani, in rappresentanza dell’Ufficio Politiche Giovanili della Provincia autonoma di Trento.

Il bando è stato organizzato dalle cooperative sociali Young Inside e Inside con il sostegno delle Province di Bolzano e Trento e della Regione autonoma Trentino – Alto Adige. Il filo conduttore è la voglia di tornare ad animare i territori, utilizzando la cultura come leva per attivare la popolazione.

Pubblicità
Pubblicità

I progetti vincitori

Per quanto riguarda i progetti ‘regionali’, quelli cioè che coinvolgono partner trentini e altoatesini, i premiati sono “Aspirazione Influencer: luci e ombre dei social-media in un mockumentary”, presentato dal gruppo informale Iki Guys (Michele Purin e Gianmaria Pezzato) e “Respiri d’arte”dell’associazione Kinapix. Il progetto di Iki Guys intende indagare il disagio giovanile legato ai social attraverso un mockumentary; la proposta di Kinapix nasce invece per raccontare l’arte ai tempi della pandemia, mostrando le difficoltà che il mondo culturale ha dovuto attraversare, ma anche la grande voglia di ripartire.

Fra i progetti attivati sul territorio della provincia di Bolzano, c’è “Lo spirito di Iévals – Teatro interattivo nella natura”, proposto dal gruppo informale Ventus. L’obiettivo è portare il teatro-ragazzi fra i meleti dell’area rurale di Laives. Punta invece sull’intrattenimento intelligente “Get up, stand up – Comedy” di JoyEnJoy. L’associazione porterà la stand up comedy nella Bassa Atesina, mettendo sul palco comedians provenienti dai paesi che ospitano le serate.

Ci trasferiamo invece nel quartiere Don Bosco di Bolzano con “Mappatur” di The Chioskito. Mappatour è una residenza artistico-culturale che coinvolge i giovani dai 18 ai 30 anni invitandoli a ragionare sugli spazi di servizio del proprio quartiere. Sempre nel capoluogo altoatesino si svolgerà “Ponti: tra sogno e realtà” del collettivo I-Moka. L’intento è coinvolgere chi abita i quartieri periferici del comune di Bolzano in un percorso di avvicinamento e conoscenza reciproca.

BeYoung propone invece a Merano il progetto “Spread the fluo” per coinvolgere la comunità che ruota attorno a piazza San Vigilio in una riflessione sull’anno di pandemia. L’output finale sarà un grande murales. Si torna a Laives per l’ultimo dei progetti attivati in Alto Adige. L’associazione La seconda luna propone “La Laives che vorrei”, percorso rivolto ai giovani abitanti della città per immaginare insieme il posto in cui vorrebbero vivere.

 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza