Connect with us

Economia e Finanza

Blocco diesel, proposta la rottamazione green con gli utili A22

Pubblicato

-

Una “rottamazione green” dei veicoli diesel che saranno bloccati per i provvedimenti contro l’inquinamento di ossidi di azoto, prevedendo incentivi alle imprese che acquistano mezzi ecocompatibili attraverso gli utili di Autobrennero erogati agli azionisti, in particolare le Province di Bolzano e Trento.

È la proposta lanciata ieri (10 novembre) da Piero Cavallaro, referente della CNA Fita Trentino Alto Adige, la categoria dell’autotrasporto dell’Unione Artigiani, nel corso della tavola rotonda di CNA-SHV Mobility.

L’evento CNA-SHV Mobility si è svolto nei locali della Gasser Srl di via Di Vittorio a Bolzano, l’azienda rivenditrice di veicoli commerciali per l’occasione è stata anche partner tecnico di CNA-SHV. Claudio Corrarati, presidente della CNA-SHV, ha spiegato il quadro in cui è maturata la decisione di organizzare un convegno tecnico e politico allo stesso tempo:

Pubblicità
Pubblicità

Abbiamo necessità di informare gli imprenditori su cosa accadrà a breve, medio e lungo periodo. Sappiamo che, in base alla direttiva europea, recepita dallo Stato e, a cascata, dalle Province autonome e dalle Regioni, occorre bloccare i veicoli Euro 0, Euro 1, Euro 2 di ogni tipo e gli Euro 3 diesel, ritenuti responsabili dell’inquinamento di ossidi di azoto.

Il Comune di Bolzano ha previsto il blocco di questi veicoli dall’1 luglio 2019, concedendo una deroga ai veicoli delle imprese che si fermeranno dall’1 gennaio 2020. Tenendo conto di un sondaggio effettuato tra gli associati, il 10% ha veicoli Euro 2, il 25% veicoli Euro 3.

In pratica, dall’1 gennaio 2020 il 35% dei mezzi delle nostre imprese non potrà circolare.

Il Piano provinciale per la qualità dell’aria prevede, in caso di emissioni ancora alte, il blocco degli Euro 4 nel 2021 e degli Euro 5 nel 2023: rischiamo di veder fermare entro il 2023 ben l’87% dei mezzi delle micro, piccole e medie aziende.

Quali sono le alternative? Quali mezzi è possibile comprare con garanzia di poter circolare per almeno 15 anni? E quali infrastrutture viarie verranno realizzate per consentire ai mezzi delle aziende di non restare per ore e ore imbottigliati nel traffico?

La qualità dell’aria è prioritaria, ma per le piccole aziende un veicolo è un costo elevato da sostenere”.

L’ing. Ivan Moroder, direttore dell’Ufficio Mobilità del Comune di Bolzano, ha lanciato la proposta di un tavolo tecnico permanente con associazioni di categoria ed imprenditori del settore per monitorare passo dopo passo i provvedimenti che verranno presi dall’Amministrazione.

Ha inoltre spiegato che la città, che ospita tutti gli uffici pubblici e privati più importanti della Provincia, è l’unico centro privo di una circonvallazione e subisce, ogni giorno, l’arrivo di 90.000 persone dalle direttrici di Laives, Appiano, Sarentino, Bressanone, Merano e dall’Autobrennero.

I bolzanini sono già molto virtuosi, visto che il 33% si sposta a piedi, il 27% in bicicletta, il 9% in bus.

Rimane un carico enorme di auto private di fuori città che rallenta anche l’attività delle imprese. Inoltre è aumentata la presenza dei turisti.

L’intervento in corso di realizzazione è il Metrobus dall’Oltradige, con corsie preferenziali su viale Druso, che però servirà anche i 35.000 bolzanini che gravitano su questo asse viario.

Saranno realizzate 12 piazzole di carico e scarico per le imprese, come proposto da CNA-SHV con sensori che indichino online quali sono libere e quali occupate.

Nel frattempo si sta lavorando alla progettazione del tram che collegherà la stazione ferroviaria centrale con quella di Ponte Adige, che sarà uno snodo con ampio parcheggio per chi arriva da Oltradige e MeBo. Il tram passerà da piazza Mazzini, piazza Adriano, viale Druso, Ospedale”.

L’ing. Massimo Minighini, responsabile Smart Mobility di Alperia, si è soffermato sulla mobilità elettrica, illustrando gli incentivi provinciali, in vigore a Bolzano e Trento, per l’acquisto di mezzi elettrici per le imprese, alimentati da energia rinnovabile come quella che produce Alperia.

Minighini ha sottolineato l’impatto ecologico dei mezzi elettrici anche sull’inquinamento acustico, poi ha mostrato la rete di colonnine di ricarica in Alto Adige, 100 pubbliche e 180 private, che sarà potenziata ulteriormente.

Inoltre Alperia sta facendo pressione su tutti gli enti e le società pubbliche altoatesini per cambiare il parco mezzi, acquistando veicoli elettrici: la stessa Alperia ha 50 veicoli elettrici su 360 in dotazione.

Molto chiaro Alex Gasser, titolare della Gasser srl: “Stiamo ospitando il convengo in un salone in cui sono presenti solo veicoli diesel free. Riteniamo che l’unica alternativa concreta al diesel sia il gas naturale, come indicato il 17 maggio dall’Ue.

Ci sono interessanti contributi sfruttabili, ma quel che più conta è che i veicoli a gas naturale o biogas, rispetto ai diesel di ultima generazione, abbattono le PM10 del 99%, gli ossidi di azoto del 60%, la CO2 fino all’85%, ridotto anche l’inquinamento acustico.

La politica parla di mobilità sostenibile, noi di trasporto sostenibile perché per un artigiano, un imprenditore, un veicolo è un costo e deve poter circolare almeno 10 anni. Ci serve una visione di lungo periodo”.

Dopo la parte tecnica, il convegno si è “animato” con la tavola rotonda politica.

Il sindaco di Bolzano, Renzo Caramaschi, ha mostrato i tanti investimenti infrastrutturali previsto nel piano Agenda Bolzano, sottoscritto a settembre con la Provincia, che prevede un miliardo di euro di investimenti.

Abbiamo 90.000 pendolari al giorno e infrastrutture ferme da 30 anni – ha premesso il sindaco – oltre ad un territorio ridottissimo. L’obiettivo è liberare le strade da pendolari e turisti per far lavorare meglio le imprese”.

Entro tre anni saranno pronti sovrappasso e sottopasso di via Einstein, che porteranno le auto in transito direttamente verso A22 e MeBo, anche grazie ad un nuovo ponte sull’Isarco.

Fondamentale sarà la galleria di Monte Tondo che convoglierà i veicoli che arrivano da Sarentino e San Genesio verso la viabilità di scorrimento, senza attraversare la città.

Occorreranno 12 anni, invece, per spostare il tracciato dell’Autobrennero in galleria e recuperare l’attuale viadotto, trasformandolo in circonvallazione di competenza provinciale.

La priorità – ha aggiunto – rimane scendere dagli attuali 60 microgrammi di ossidi di azoto che registriamo in città a 40 microgrammi, o anche meno, come prevede la legge. Ne va della salute dei cittadini”.

Corrarati ha colto l’occasione per sollecitare la creazione di una rete tra Alperia, Agenzia CasaClima, Comuni, Provincia e Associazioni di categoria per il risanamento degli edifici vetusti (almeno 70.000) attraverso le società ESCO, così il risaldamento inquinerebbe molto meno, dotandoli di colonnina elettrica che agevoli gli interventi degli artigiani con veicoli green.

Christian Bianchi, sindaco di Laives, ha confermato l’efficacia della ZTL istituita a San Giacomo per spingere i veicoli ad usare la circonvallazione in galleria, ma ha anche ricordato che “tutte le strade portano a Bolzano, che in 30 anni non ha avuto un euro per infrastrutture viarie rispetto al resto del territorio provinciale”.

Pur condividendo in pieno gli interventi su via Einstein e Monte Tondo, Bianchi ha ribadito le sue perplessità sull’interramento dell’A22 “che potrebbe richiedere tempi molto più lunghi di quelli prospettati”, ed ha rilanciato il proseguimento della variante alla statale 12 con il terzo lotto da Maso della Pieve al Virgolo, realizzabile in 6-7 anni, lasciando comunque il compito all’Autobrennero di studiare lo spostamento del tracciato per eliminare l’attuale viadotto che spacca in due la città ed è fonte di inquinamento”.

Caramaschi, ribadendo in risposta a Bianchi la validità della soluzione scelta con la Provincia in merito all’A22, ha aggiunto che a breve verranno convocate le parti interessate per individuare due punti della città in cui realizzare centro logistici per le merci, dai quali far partire i corrieri con consegne in città grazie a cargo-bike elettriche capaci di portare fino a 200 colli.

Il concetto della mobilità sostenibile è stato rafforzato dall’assessora comunale all’Ambiente, Marialaura Lorenzini: “Dobbiamo liberare le strade dai mezzi privati e dei pendolari, incentivando la mobilità ecologia a piedi, in bici o con mezzi pubblici come i bus e il futuro tram, lasciando il dovuto spazio alle aziende che con i veicoli lavorano”.

Piero Cavallaro della Cna Fita ha tratto le conclusioni:

La viabilità è esplosa per il pendolarismo, per le consegne delle merci acquistate online, per la carenza di infrastrutture viarie e, come ha informato il sindaco Caramaschi, quelle nuove saranno realizzate in un arco di tempo fra 3 e 12 anni. Ed in più i nostri artigiani e imprenditori devono trovare una soluzione per cambiare i veicoli destinati a rimanere bloccati.

Tutto questo ha un costo che non si può scaricare solo sulle imprese, soprattutto quelle piccole e micro, che sono la stragrande maggioranza.

Proponiamo di incentivare l’acquisto di veicoli ecocompatibili con misure semplici, come sconti sui pedaggi e transito autorizzato sulle corsie preferenziali, e con misure più complesse, tutte da studiare, come una rottamazione green finanziabile con gli utili di A22, per consentire alle Province autonome, azioniste di maggioranza della nuova società autostradale interamente pubblica, di erogare contributi finalizzati alla riduzione dell’inquinamento”.

Economia e Finanza

Focus Economia, Achammer e Schuler fanno un bilancio.

Pubblicato

-

Carenza di lavoratori qualificati, nuovi concetti di mobilità e il rafforzamento della formazione.

Sono questi alcuni degli argomenti più spesso emersi duranti la serie di confronti “Focus Economia” con il mondo dell’imprenditoria promossi dagli assessori Philipp Achammer e Arnold Schuler in collaborazione con il Wirtschaftsring (Economia Alto Adige)”.

In tutto sono stati realizzati sette incontri in tutta la Provincia ai quali hanno partecipato numerosi imprenditori.

Pubblicità
Pubblicità

Se non vogliamo esserne sopraffatti – afferma Achammer – dobbiamo prendere saldamente le redini del nostro sviluppo economico”.

C’è stato uno scambio molto proficuo con il mondo dell’economia – sottolineano gli assessori al termine dell’ultimo incontro tenutosi nei giorni scorsi in Venosta – e ora faremo in modo di dimostrare che la politica intende fare del proprio meglio per influire sui grandi temi”.

Continua a leggere

Economia e Finanza

Emergenza maltempo, Assoimprenditori: “Importante investire in infrastrutture moderne”

Pubblicato

-

L’emergenza maltempo dei giorni scorsi ha messo in evidenza ancora una volta l’instancabile voglia di fare, la disponibilità a dare il proprio contributo, la prontezza a sostenere chi è in difficoltà da parte della nostra popolazione. Siamo grati a tutti quelli – i volontari, la protezione civile, le forze dell’ordine, le imprese e i loro collaboratori – che in questi giorni hanno aiutato l’Alto Adige a superare l’emergenza“.

Con queste parole Federico Giudiceandrea, Presidente di Assoimprenditori Alto Adige, rivolge un sentito ringraziamento a tutti coloro che si sono impegnati per affrontare insieme i grandi disagi causati dal maltempo.

Allo stesso tempo, il Presidente di Assoimprenditori invita a guardare avanti:

Pubblicità
Pubblicità

I giorni appena passati ci hanno anche mostrato in tutta evidenza come sia indispensabile un territorio con infrastrutture di collegamento moderne ed efficienti. Gli investimenti per rendere più sicure le reti di collegamento dati, energetiche, stradali e ferroviarie sono indispensabili per un territorio come il nostro: vale per i centri urbani e ancora di più per le zone rurali e periferiche.

Anche in queste aree infatti l‘industria è il primo datore di lavoro: raggiungibilità, sicurezza nell’approvvigionamento energetico e disponibilità di una connessione ad una rete di collegamento dati veloce sono indispensabili per le imprese produttive e orientate all’export, e allo stesso tempo sono irrinunciabili anche per la cittadinanza“, sottolinea Giudiceandrea.

Le interruzioni di corrente e le forti limitazioni alla mobilità hanno causato pesanti disagi a molte famiglie così come ingenti danni a molte imprese, che però hanno ripreso prontamente la propria attività appena possibile:

Oltre al pronto intervento dei volontari e della protezione civile, è stata fondamentale la grande disponibilità delle nostre collaboratrici e dei nostri collaboratori che sono tornati al lavoro anche in condizioni non sempre facili. È una nostra responsabilità anche nei loro confronti investire per rendere il nostro territorio sempre più pronto ad affrontare anche eventi di grave entità“, chiude il Presidente di Assoimprenditori.

Continua a leggere

Economia e Finanza

Autotrasporto, sospeso il fermo dei Tir. Convocati i tavoli tecnici

Pubblicato

-

CNA Fita Trentino Alto Adige informa che Unatras, l’unione dell’autotrasporto che raccoglie le sei sigle del settore tra, ha sospeso il blocco dei Tir, annunciato ma non ancora programmato, a seguito del verbale d’intesa stipulato con il ministro delle infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli.

Lo evidenzia una nota in cui si valorizza il “senso di responsabilità, anche in considerazione degli eventi di calamità e del conseguente stato di emergenza in atto nel Paese, anche in Trentino Alto Adige, dimostrato dai rappresentanti dei trasportatori”.

Indispensabile, secondo CNA Fita regionale, che “come previsto dall’accordo, la prossima settimana siano convocati i tavoli tecnici”.

Pubblicità
Pubblicità

Riconoscendo il fattivo impegno del Ministro – afferma Piero Cavallaro, referente CNA Fita Trentino Alto Adige – non possiamo che raccogliere le preoccupazioni degli operatori del settore, che chiedono con determinazione l’applicazione delle regole, dei tempi di pagamento e dei costi che garantiscono la sicurezza dei servizi di trasporto.

Ovviamente seguiremo con attenzione gli sviluppi dei lavori parlamentari per verificare che le provviste economiche indicate nel protocollo siano confermate”.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza