Connect with us

Bressanone

Bressanone, deposito di bici rubate in garage. Denunciato ricettatore

Pubblicato

-

Nella giornata di ieri, durante il turno perlustrativo del territorio, i carabineri di Bressanone hanno notato un giovane del posto, già conosciuto alle forze dell’ordine, a bordo di una bicicletta di notevole valore, che alla vista dei militari ha invertito la marcia, provando ad eludere un eventuale controllo.

Dopo un breve inseguimento avvenuto a piedi sulla ciclabile, il ventenne è stato fermato ed alla domanda su dove avesse preso la bicicletta, non ha saputo dare una spiegazione convincente.

I militari dell’Arma hanno quindi deciso di fare luce sulla faccenda e dopo alcuni accertamenti sono riusciti a risalire a un garage privato, nella disponibilità del ventenne, che una volta aperto è risultato essere un vero e proprio nascondiglio.

Pubblicità
Pubblicità

Sono state infatti trovate altre nove biciclette di discreto valore (oltre i 10.000 euro), tutte ingiustificatamente in possesso del giovane fermato.

I mezzi sono stati subito recuperati e portati presso gli uffici di via Tratten a Bressanone. Dalle prime verifiche molte biciclette risultano recentemente rubate nella città vescovile e nella vicina cittadina di Brunico.

Per il ventenne ne è di conseguenza scaturita una denuncia a piede libero per ricettazione. Sono in corso le operazioni di riconoscimento e restituzione dei mezzi ai legittimi proprietari.

I Carabinieri di Bressanone invitano chi avesse subito recentemente un furto di bicicletta, a visionare l’allegata fotografia ed eventualmente mettersi in contatto con il Comando di via Tratten per informazioni in merito.

Bressanone

Giornata dei diritti dei minori: rafforzare i legami emotivi

Pubblicato

-

Il convegno che si è tenuto il 20 novembre presso il Seminario Maggiore a Bressanone dall’Agenzia per la famiglia ed intitolato “Il legame fa la forza” ha voluto porre l’accento sul tema del legame emotivo per il benessere dei bambini e degli adolescenti.

L’evento si è svolto in concomitanza con il 30° anniversario della firma della Convenzione internazionale dei diritti dei minori, sottoscritta il 20 novembre del 1989 dalle Nazioni Unite.

Nel corso del convegno l’assessora provinciale alla famiglia, Waltraud Deeg, ha sottolineato che “la famiglia è il primo contesto nel quale vengono appresi i valori, e dove si instaurano i primi legami emotivi. È importante che i giovani crescano in un buon clima emotivo nell’ambito famigliare per sviluppare appieno la loro personalità e contribuire allo sviluppo futuro della società”.

Pubblicità
Pubblicità

Analoghi concetti sono stati sottolineati dall’assessore provinciale Philipp Achammer il quale ha posto l’accento sull’importanza che le istanze dei giovani trovino ascolto e vengano prese sul serio dagli adulti.

La tematica al centro del convegno è stata quindi sviluppata da una serie di relatori ed approfondita nell’ambito di una tavola rotonda.

Continua a leggere

Bressanone

Legami emotivi di bambini e adolescenti, convegno il 20 novembre

Pubblicato

-

Il sostegno precoce alle famiglie rappresenta uno dei pilastri della politica provinciale a favore della famiglia che trova la propria base giuridica nella legge nr. 8 del 2013.

Nello spirito di questa legge l’Agenzia per la famiglia sostiene e promuove misure di prevenzione in diversi settori e tra questi vi è anche la sensibilizzazione nei confronti di specifiche problematiche.

Il tema del legame emotivo non trova quasi mai eco nell’opinione pubblica, anche se svolge un ruolo fondamentale nell’ambito dei rapporti famigliari.

Pubblicità
Pubblicità

Il convegno organizzato dall’Agenzia per la famiglia e intitolato “Il legame fa la forza” vuole porre l’accento sul tema del legame emotivo per il benessere dei bambini e degli adolescenti.

L’evento si svolgerà mercoledì 20 novembre 2019 dalle ore 8.30 alle 13, nel Seminario maggiore in Piazza del Seminario 4, a Bressanone.

Oltre all’assessora alla famiglia, Waltraud Deeg, interverranno la decana della facoltà di psicologia e scienze dello sport dell’Università di Innsbruck, Anna Buchheim, il filosofo Sandro Tarter, e lo psicoterapeuta Andrea Mantovani.

Seguirà una tavola rotonda con alcuni esperti del settore.

Invito al convegno “Il legame fa la forza” organizzato dall’Agenzia per la famiglia

Continua a leggere

Bressanone

Best of Soliman’s Dream: a Bressanone, un’interpretazione magica di una storia vera

Pubblicato

-

Torna nella Hofburg dal 22 novembre 2019 per 44 giorni il più magico ed emozionante show multimediale in Italia.

L’elefante Soliman” resterà al Palazzo Vescovile di Bressanone, e racconterà della sua storia e delle sue più entusiasmanti avventure. L’elefante indiano era una figura senza voce nella trilogia. Nel nuovo best-of-show, egli stesso racconta del suo lungo viaggio, dei suoi sogni e del suo soggiorno a Bressanone.

La voce narrante dell’elefante è interpretata dall’attore brissinese Peter Schorn. Gli artisti della luce “Spectaculaires – Allumeurs d’Images” animeranno nuovamente le facciate della Hofburg con moderne tecniche di video mapping, creando così un’atmosfera unica e magica all’interno delle mura storiche. Best of Soliman’s Dream mostra il meglio della trilogia di Soliman.

Pubblicità
Pubblicità

L’elefante a cui è dedicato lo scintillante spettacolo di luci è stato uno degli ospiti più curiosi che abbia mai visitato Bressanone. L’animale esotico era un autentico regalo reale, che nel 1551, all’inizio del primo periodo moderno, veniva donato ad un uomo di spicco: L’elefante Soliman era un dono del re portoghese Giovanni III al nipote Massimiliano II d’Austria, che era stato governatore della Spagna dal 1548 al 1551.

Alla sua partenza suo zio gli regalò il pachiderma, che fece un lungo viaggio dalle colonie indiane del Portogallo all’Italia settentrionale passando per la Spagna. In una fredda giornata del dicembre 1551 l’elefante raggiunse finalmente Bressanone, dove Soliman soggiornò per diversi giorni.

Dopo aver attraversato il Brennero in inverno, l’elefante attraversò l’Inn fino a Vienna, dove si concluse il suo lungo viaggio.

Il viaggio dell’elefante Soliman e la sua leggendaria vita a Bressanone, in Tirolo e nell’Europa centrale hanno sempre ispirato l’immaginazione e lo spettacolo di luci prodotto per lui è senza dubbio il più spettacolare omaggio all’immortale “Soliman”.

Oltre 155.000 spettatori entusiasti hanno già assistito allo show. Poco più di venti minuti tra fantasia e tecnologia, curati dagli artisti della luce “Spectaculaires – Allumeurs d’Images”, con una sceneggiatura semplice e immediata e con effetti di luce che lasciano a bocca aperta adulti e bambini.

Per il lancio di Best of Soliman’s Dream si inizia con una Soliman Black Week: dal 22 al 28 novembre, il pubblico può vivere l’incredibile spettacolo al prezzo speciale di €7 per adulti (invece di €10).

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza