Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Italia ed estero

Coronavirus, il decreto: ‘chiuse’ 14 province tra Lombardia, E Romagna, Piemonte e Marche

Pubblicato

-

E’ stata firmata nella notte tra sabato e domenica dal premier Conte la versione definitiva del decreto che da oggi e fino al prossimo 3 aprile imporrà restrizioni preventive del contagio da Coronavirus.

Le misure, che convolgeranno in totale oltre un quarto della popolazione italiana, riguardano le regioni Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Piemonte. Rispetto alla bozza presentata ieri (7 marzo) in serata, si allargano a 14 province le limitazioni in entrata e in uscita.

Parliamo delle province di Parma, Piacenza, Rimini, Reggio-Emilia, Modena, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Alessandria, Verbano-Cusio-Ossola, Novara, Vercelli e Asti.

L’ingresso e l’uscita dai territori sopra menzionati è consentita solamente per motivi gravi e giustificati. Gli spostamenti interni sono permessi solo se sono “indifferibili”, ovvero se si tratta di “spostamenti motivati da indifferibili esigenze lavorative o situazioni di emergenza».

Tra le altre misure, vi è la chiusura alle 18 per bar e ristoranti (apertura alle 6), rispettando la misura di un metro pena la sospensione dell’esercizio pubblico.

Distanza di un metro obbligatoria anche per i clienti di negozi, mercati e TUTTE le attività commerciali. Se questo non fosse possibile per motivi di metri quadri o strutturali, verrà ordinata la chiusura dell’attività per tutto il periodo previsto di restrizione.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

L’obbligo di vietare assembramenti di persone è una conseguenza naturale da rispettare, quindi niente eventi, incontri, spettacoli, dai cinema ai musei alle attività sportive; le attività di pub, discoteche, sale bingo, sale giochi.

Chiusi anche palestre, piscine, centri benessere e termali, musei, teatri, centri sociali e culturali, centro ricreativi. Stop anche alle lezioni scolastiche e universtarie e ai concorsi pubblici (esclusi quelli telematici e per il personale sanitario).

Vietate le riunioni di lavoro da sostituire nell’eventualità con lo smart working. I luoghi di culto potranno restare aperti, purché siano in grado di garantire che non ci siano «assembramenti di persone».

Restano altresì sospesi gli eventi sportivi e competizioni di ogni ordine e disciplina ma il loro svolgimento rimane permesso assieme agli allenamenti degli atleti agonisti, purché essi si svolgano a porte chiuse e, se all’aperto, in assenza di pubblico.

L’accesso a ospedali, Rsa, hospice, strutture residenziali per anziani e Pronto soccorso da parte di parenti e visitatori è “limitato ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura“, che è “tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione“.

Sono «sospesi» i congedi ordinari del personale sanitario e tecnico, nonché del «personale le cui attività siano necessarie a gestire le attività richieste dalle unità di crisi costituite a livello regionale».

Nel caso del manifestarsi di una «sintomatologia da infezione respiratoria e febbre maggiore di 37,5° C» si raccomanda di rimanere a casa e contattare il proprio medico, limitando da subito tutti i contatti sociali.

NEWSLETTER

Benessere e Salute4 settimane fa

Sanità, dal 1 gennaio 2023 nuove regole per l’accesso agli ospedali

Alto Adige3 settimane fa

Partirà una class action contro la Volksbank (Banca Popolare dell’Alto Adige)

Bolzano4 settimane fa

Muore a 42 anni Chiara Cantaloni, ricercatrice senior all’Eurac di Bolzano

Politica3 giorni fa

La moneta regionale dell’Alto Adige è sempre più vicina

Alto Adige4 settimane fa

Morta Paola Zani, commissario capo della Questura di Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

Pedone investito da scooter in via Palermo, Repetto: «Giunta litiga invece di trovare soluzioni»

Bressanone4 settimane fa

Bressanone: corteo storico per l’Epifania

Alto Adige4 settimane fa

Capodanno, i Vigili del Fuoco avvisano: “Festeggiamo senza rischiare, usiamo correttamente i fuochi d’artificio”

Alto Adige3 settimane fa

Valanga in Val Gardena, gravissimo un carabiniere

Alto Adige3 settimane fa

Resoconto attività 2022 della Polizia Postale e delle Comunicazioni e dei Centri Operativi Sicurezza Cibernetica

Merano2 settimane fa

Nuova raccolta dell’umido, falsa partenza, Zampieri (FdI): sulla gestione rifiuti Comune imbarazzante

Bolzano3 settimane fa

Sono ancora gravissime le condizioni di Giovanni Andriano, il 49 enne travolto ieri da una valanga il Val Gardena

Laives3 settimane fa

Laives, auto ibrida prende fuoco mentre è in carica: i vigili del fuoco evitano il peggio

Alto Adige4 settimane fa

Termeno, crolla un pezzo dell’autolavaggio sulla macchina: intervengono i vigili del fuoco

Politica1 settimana fa

Parcheggio Cimitero sud a Oltrisarco, approvata la proposta di privatizzazione dell’area sosta camper

Archivi

Categorie

di tendenza