Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Vita & Famiglia

Gender. Sondaggio Pro Vita Famiglia: 80% italiani per libertà educativa. Prossimo Governo difenda famiglia e minori

Pubblicato

-

Pubblicità


Pubblicità

No alla teoria gender e alla carriera alias nelle scuole e più partecipazione e libertà educativa per i genitori. La maggioranza degli italiani rifiuta l’indottrinamento ideologico Lgbtqia+ rivolto ai bambini e chiede maggiori tutele.

È il risultato del sondaggio nazionale promosso da Pro Vita & Famiglia e condotto da Noto Sondaggi, presentato oggi al Senato presso la Sala Caduti di Nassirya nel corso della conferenza stampa “Scuola, Gender, Carriera Alias… Parola alle famiglie“.

SCARICA QUI IL SONDAGGIO

Dal sondaggio emerge che il 92% degli italiani ha sentito parlare di teoriegender‘, e l’81% sa ‘molto bene‘ o comunque ‘approssimativamente‘ in cosa consistono. Di questi, solo il 32% concorda con questa teoria, mentre il 48% si dice contrario e il 20% non sa esprimersi.

Il 50% degli intervistati ritiene che non esistano infinite identità sessuali oltre maschile e femminile, come ritiene invece il 26% degli intervistati (il 24% non sa esprimersi). Il 60% degli intervistati ritiene che un uomo che si percepisce donna non possa competere negli sport femminili, e il 51% che non possa usufruire di bagni, spogliatoi, docce e luoghi riservati alle donne (contro il 31% favorevole).

Per quanto riguarda l’impatto della teoria gender in ambito scolastico, il 79% degli italiani difende il diritto dei genitori di scegliere come educare i figli su temi inerenti sessualità e affettività e l’81% ritiene che le scuole debbano preventivamente informare e coinvolgere le famiglie in caso di corsi o progetti su questi temi. Il 58% considera sbagliato sostituire le parolepadre” e “madre” con “genitore 1” e “genitore 2“.

Rispetto alla pratica di recente diffusione della cosiddetta “carriera alias” (tramite cui la scuola si relaziona con uno studente o una studentessa sulla base della sua identità di genere autopercepita e non del sesso biologico), la conoscenza da parte degli italiani è ancora limitata (16%), ma tra chi la conosce il 44% si dichiara contrario e il 37% a favore (il 19% non sa esprimersi).

Infine, la netta maggioranza di italiani (66%) si esprime contro la possibilità di sottoporre un minore incerto sulla propria identità sessuale a terapie di transizione di genere comprensive di farmaci ormonali o interventi chirurgici, e il 75% ritiene invece che, in questi casi, il minore dovrebbe poter ricevere assistenza psicologica per riconciliarsi con il sesso biologico.

«Questi risultati dicono chiaramente che gli italiani non vogliono corsi e progetti Lgbtqia+ nelle scuole, e che, comunque, in caso di attività inerenti i delicati aspetti della sessualità e dell’affettività la scuola deve prima passare dalla famiglia», il commento di Jacopo Coghe, portavoce di Pro Vita & Famiglia.

«Purtroppoprosegue Coghe la nostra esperienza sul campo ci dice che il diritto di priorità dei genitori viene puntualmente eluso dalle scuole: troppo spesso i progetti gender vengono introdotti in classe all’insaputa delle famiglie, e questo è di una gravità assoluta. Chiarissima anche la contrarietà degli italiani all’idea che a un bambino o un adolescente incerto sulla propria identità possa essere proposta una terapia ormonale per bloccare il proprio sviluppo sessuale nell’attesa di ‘scegliere’ a quale sesso appartenere. 

Chiediamo alla politica, e in particolare al Parlamento, al Governo e al Ministro dell’Istruzione che lavoreranno dopo le elezioni del 25 settembre, di prendere atto di questo scenario e di impostare le prossime scelte legislative ed esecutive al fine di impedire l’ingresso dell’ideologia gender nelle scuole e di tutelare i minori da questa vera e propria ‘colonizzazione ideologica’, come l’ha chiamata lo stesso Papa Francesco».

Nota metodologica: Il campione di riferimento è di 1.000 (mille) cittadini italiani disaggregati per sesso, età, area di residenza, con un livello di affidabilità del 95% e un margine di errore di +/- 3%. Le interviste sono state condotte a settembre 2022 con un Panel Tempo Reale e con un tipo di questionario strutturato.

NEWSLETTER

Eventi11 minuti fa

«The In – The Out»: sabato a Salorno la sfilata che mette al centro le storie delle persone

Val Pusteria2 ore fa

Trattore in fiamme a San Lorenzo di Sebato: decisivo l’intervento dei vigili del fuoco

Bolzano4 ore fa

Bolzano, la aspetta sotto casa e tenta di violentarla: le urla mettono in fuga l’aggressore

Alto Adige4 ore fa

Nell’estate del 2022 quasi 7000 giovani, tra i 15 e i 19 anni, hanno svolto un tirocinio

Alto Adige4 ore fa

Coronavirus: un decesso,12 casi positivi da PCR e 567 test antigenici positivi

Politica4 ore fa

Proseguono gli accordi tra Stato e Provincia per attuare il trasferimento delle aree militari dismesse

Alto Adige5 ore fa

Lago di Resia, bimbo di 5 anni cade dalla bici: elitrasportato all’ospedale di Bolzano

Bolzano6 ore fa

Caso Neumair, parla l’ultimo testimone: “Laura faceva preferenze tra i figli, Benno di serie B”

Politica6 ore fa

Commissione speciale stipendi dei politici: il presidente Vettori si è dimesso

Politica19 ore fa

Suedtirol sprezzante verso Fratelli d’Italia. Urzì (FdI): risponde ormai agli ordini di Kompatscher

Alto Adige19 ore fa

In 21 Comuni dell’Alto Adige c’è carenza di alloggi

Alto Adige19 ore fa

Assegno di cura: la Giunta provinciale adegua i criteri

Alto Adige19 ore fa

Giunta provinciale: seduta suppletiva su misure contro il caro-energia

Ambiente Natura20 ore fa

Collettore Framacia-Morin-Pieve: 765.000 euro per il risanamento

Alto Adige21 ore fa

Vaccino contro le punture di zecca? Ora è più semplice!

Val Pusteria4 settimane fa

Pannelli fotovoltaici da balcone per attutire il caro-bollette

Vita & Famiglia3 settimane fa

Peppa Pig. Pro Vita Famiglia: RAI non trasmetta episodio con “due mamme”

Bolzano3 settimane fa

Giorgia Meloni sabato pomeriggio a Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

IPES, insostenibili per le famiglie gli importi delle spese condominiali richieste a partire da settembre

Italia ed estero3 settimane fa

Morta la regina Elisabetta, aveva 96 anni. Fine del regno più lungo della storia

Bolzano3 settimane fa

Benno Neumair in aula: tanta arroganza e poca chiarezza

Bolzano4 settimane fa

Bolzano, crolla un albero secolare nel centro città: un ferito in ospedale – L’IMPRESSIONANTE VIDEO

Alto Adige3 settimane fa

Sanità: formati dodici nuovi medici di medicina generale

Merano3 settimane fa

Il Vice Questore aggiunto Carlo Casaburi è il nuovo dirigente del Commissariato di P.S. di Merano

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, arrestato dalla Squadra Mobile un rapinatore seriale

Alto Adige4 settimane fa

Proporzionale Trentino Alto Adige, sondaggio: PD primo partito, Fratelli d’Italia sorpassa la Lega

Laives2 settimane fa

Tragico scontro auto – moto che prendono fuoco, due morti

Val Pusteria3 settimane fa

Incidente in moto nel tardo pomeriggio di ieri sulla strada tra Brunico e Falzes

Bolzano3 settimane fa

Furto del monopattino elettrico, subito individuati dalla Polizia di Stato ladro e ricettatore

Bolzano4 settimane fa

Incendi in Alto Adige, convalidato l’arresto del presunto piromane: il 21 enne ha fatto scena muta

Archivi

Categorie

di tendenza