Connect with us

Italia ed estero

Gigantesco rogo in azienda di Brendola: il video della paura

Pubblicato

-

Ancora allerta ambientale per il violentissimo rogo che oggi pomeriggio (1 luglio) ha causato l’espansione di una gigantesca nube di fumo tossico a Brendola, in provincia di Vicenza.

“Tenete chiuse le finestre“ è stato l’appello del sindaco di Brendola Bruno Beltrame ai suoi concittadini e agli abitanti dei Comuni limitrofi di Montecchio Maggiore, Creazzo, Sovizzo e Altavilla Vicentina.

L’incendio ha devastato lo stabile industriale locale della Isello, azienda produttrice di vernici. In questo servizio il video della nube visibile anche a molti chilometri di distanza dalla struttura.

Sul posto i tecnici dell’Arpa e decine di vigili del fuoco che con una ventina di automezzi hanno lavorato per ore per domare le fiamme.

È stato richiesto anche l’intervento del nucleo NBCR (nucleare biologico chimico radiologico) dei vigili del fuoco di Mestre.

Non risultano feriti tra gli operai della fabbrica né tra le persone residenti nell’area interessata dal rogo.

Italia ed estero

Monza, 100 tombe di bimbi morti sparite dal cimitero. Lo shock dei genitori: “Esumati senza preavviso”

Pubblicato

-

Si erano recati al cimitero, come sempre, per pregare sulla tomba del loro bimbo. Al posto della tomba, però, l’amara sorpresa: uno scatolone con dentro un peluche e della lapide nessuna traccia. Un pezzo di terreno spoglio e vuoto, senza più un segno, una croce, o la fotografia del piccolo. 

E’ successo al cimitero di Monza. Protagoniste dell’assurdo fatto diverse famiglie i cui figli erano sepolti nei campi 8 e 90, aree del camposanto dedicate all’inumazione dei piccoli da zero a dieci anni.

La spiegazione da parte del Comune ha lasciato tutti sbaorditi: i resti erano stati spostati in un ossario senza preavviso per un errore del software informatico che ha escluso le famiglie interessate dalla lista pubblicata sul sito del Comune. L’operazione riguardato 130 minuscole salme.

La procedura è stata eseguita come da regolamento – hanno affermato dall’amministrazione cittadina – che comprendeva anche l’affissione di cartelli all’interno del cimitero. Tuttavia, alcune famiglie non sono state avvertite per errore“.

Nel frattempo sulla vicenda è stata presentata un’interrogazione da parte del consigliere comunale ed ex sindaco di Monza Roberto Scanagatti che afferma: “Una lettera ad ogni famiglia sarebbe stata doverosa. Numerosi genitori si sono accorti dell’eliminazione delle tombe proprio in questi giorni e hanno chiesto apiegazioni. Una nonna si è anche sentita male arrivando in cimitero e scoprendo che la tomba del nipotino non esiste più.  Per quanto riguarda la destinazione dei resti organici inoltre, nessuno ha ricevuto informazioni esaustive“.

Sotto una tettoia in un area defilata del campo 8, altri scatoloni con angioletti, orsacchiotti, pupazzetti e macchinine colorate.

“Rimuovere un centinaio di tombe senza effettiva necessità e per realizzare un’aiuola e in più nell’immediata vicinanza delle festività dei defunti lascia davvero sbalorditi”, sottolinea ancora Scanagatti.

Spiegano dal cimitero: “Le salme non reclamate entro i termini, una volta scaduti i dieci anni, si trovano custodite in un apposito magazzino e comunque conservate in un ossario provvisorio”.

Continua a leggere

Italia ed estero

Ruba un’ambulanza e si lancia contro la folla a Oslo: ferita anche una mamma e due gemelli di sette mesi

Pubblicato

-

Ha rubato un’ambulanza e si è lanciato sulla folla nel centro di Oslo travolgendo diversi passanti tra cui due persone anziane e una madre con i suoi due gemelli di sette mesi.

Secondo la polizia norvegese, che lo ha fermato e arrestato, l’uomo non aveva agito da solo. Infatti, dopo una caccia durata diverse ore è stata fermata anche una donna di 25 anni, sospettata di essere coinvolta nell’attacco.

L’attentatore, un ex funzionario di polizia di 32 anni, è stato invece colpito dai proiettili degli agenti che hanno aperto il fuoco, ma non sarebbe in gravi condizioni. Secondo alcune testimonianze, la polizia avrebbe sparato contro gli pneumatici dell’ambulanza e lui avrebbe risposto al fuoco.

Sul posto anche un elicottero per monitorare l’area, un quartiere residenziale di Torshov, nella parte nord della capitale norvegese.

Smentita dall’avvocato dell’uomo e da persone vicine all’accusato, l’ipotesi di legami con l’estrema destra, come era emerso invece inizialmente dai media norvegesi.

Continua a leggere

Italia ed estero

Violento frontale con un furgone a Vicenza: donna meranese morta tra le lamiere

Pubblicato

-

Ha perso la vita oggi in un incidente stradale tra Montegaldella e Villaganzerla (Vicenza) una donna meranese di 68 anni: per cause ancora in via di accertamento la sua auto, secondo una prima ricostruzione, si sarebbe scontrata con un furgone che proveniva in senso opposto.

Un frontale violentissimo al quale l’anziana, alla guida della sua Hyundai, non è sopravvissuta.

Sul posto i carabinieri e i sanitari del Suem 118, che non hanno potuto fare altro che constatarne la morte, dopo l’estrazione dalle lamiere.

Ferito ma non in pericolo di vita il conducente dell’altro mezzo, che dopo l’urto è finito fuori strada.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza