Connect with us

Benessere e Salute

Giornata mondiale dell’Alzheimer: gli psicologi ci sono

Pubblicato

-


Oggi, 21 settembre, ricorre la giornata mondiale dell’Alzheimer, istituita nel 1994 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dall’Alzheimer’s Disease International (ADI) a testimonianza della crescita di un movimento internazionale che vuole creare una coscienza pubblica sull’enorme portata sociosanitaria di questa malattia.

La malattia di Alzheimer è una patologia attualmente ancora priva di cure risolutive che anche in Alto Adige affligge circa 13.000 persone con i relativi nuclei familiari. La patologia è solitamente diagnosticata dalla storia del paziente, da osservazioni cliniche, dalla presenza di particolari caratteristiche neurologiche e neuropsicologiche e per l’assenza di condizioni alternative e trova nella figura dello psicologo, o meglio del neuropsicologo, una persona di riferimento, supporto e cura per i diversi stadi della patologia.

Circa le fasi iniziali si ricordi infatti come gli accertamenti neuropsicologici e cognitivi, inclusi i test di memoria ed esecutivi, possono rivelare difficoltà cognitive lievi anche diversi anni prima che una persona soddisfi i criteri clinici per la diagnosi di AD e che negli anni seguenti sono utili a caratterizzarne eventuali progressioni o miglioramenti. 

Pubblicità
Pubblicità

Diverse sono le linee guida diffuse a livello mondiale che sottolineano come, per porre diagnosi di Alzheimer, la presenza di deficit cognitivi debba essere oggettivata da test neuropsicologici standardizzati.

Accanto alla componente testistica è importante per lo psicologo considerare il punto di vista umano e interpersonale del paziente e di chi lo assiste, dato anche che una persona con Alzheimer può essere spesso inconsapevole del suo deficit. Colloqui con i membri della famiglia, i principali tra i cosiddetti “caregiver”, possono infatti fornire importanti informazioni sulla capacità di vita quotidiana e aggiungere quindi validi elementi nella valutazione funzionale della malattia.

Essi si rendono inoltre essenziali nella gestione dei bisogni dei pazienti e a loro va il nostro plauso e la nostra solidarietà. Spesso è infatti il coniuge o un parente stretto a prendersi cura del malato, compito che comporta notevoli difficoltà e oneri. Chi si occupa del paziente può infatti sperimentare pesanti carichi personali che coinvolgono aspetti sociali, psicologici, fisici ed economici.

Fondamentale è infatti per noi psicologi fornire preparazione e supporto informativo e psicologico ai caregiver del paziente. Prepararli a reagire nel modo migliore alla patologia e all’evoluzioni della stessa, stando vicini con amorevole efficacia al loro caro malato ma senza correre il rischio di esaurire così le proprie energie psicofisiche.

Una chiara informazione ai famigliari, una buona alleanza di lavoro con il personale sanitario e la partecipazione a forme di supporto psicologico diretto – spesso attivato tramite specifici gruppi di auto mutuo aiuto tra pari – oltre all’eventuale coinvolgimento in associazioni di famigliari, rappresentano essenziali forme di sostegno per l’attività svolta da questi ammirevoli soggetti.

Tornando invece agli aspetti di cura dei soggetti colpiti, l’evidenza scientifica mostra come sia opportuno integrare le terapie farmacologiche con interventi psicosociali, cognitivi e comportamentali, che hanno dimostrato effetti positivi, sinergicamente all’uso dei presidi farmacologici, nel rallentamento dell’evoluzione dei sintomi e nella qualità della vita dei pazienti e dei caregiver.

Le forme di trattamento non-farmacologico consistono prevalentemente in interventi comportamentali, di supporto psicosociale e di training cognitivo. 

In particolare, i vari programmi di stimolazione cognitiva, eseguiti in sessioni di gruppo o a livello individuale anche presso il domicilio dai caregiver, opportunamente formati da uno psicologo, possono rivestire una significativa utilità nel rallentamento dei sintomi cognitivi della malattia e, a livello di economia sanitaria, presentano un ottimo rapporto tra costi e benefici. La stimolazione cognitiva, oltre a rinforzare direttamente le competenze cognitive di tipo mnestico, attentivo e di pianificazione, facilita anche lo sviluppo di “strategie di compensazione” per i processi cognitivi lesi, e sostiene indirettamente l’efficacia percepita e quindi il tono dell’umore dell’individuo.

A completare l’offerta terapeutica vanno infine forme specifiche di arteterapia, musicoterapia e terapie del movimento offerte da colleghi qualificati e utilizzate per sostenere forme di socializzazione nelle fasi intermedio-avanzate della patologia, basandosi su canali di comunicazione non verbali.

Ecco quindi come non solo in occasione della giornata mondiale dell’Alzheimer gli specialisti dell’area neuro-psicologica, nei più lontani angoli del mondo come qui in Alto Adige possono, vogliono e sanno stare vicino ai nostri cari colpiti da patologie dementigene e a chi di loro amorevolmente si occupa. A tutti loro il nostro sentito ringraziamento.

 

Il contributo per La Voce di Bolzano è del Dr. Michele Piccolin, psicologo, perfezionato in psicologia e neuropsicologia forense, Perito e Consulente Tecnico per la Procura della Repubblica, per il Giudice di Pace e per il Tribunale Civile e Penale di Bolzano e Trento. Consigliere Ordine degli Psicologi della Provincia di Bolzano, Esperto del gruppo Alienazione parentale.it

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • La Nasa lo conferma: sulla Luna c’è acqua ed è accessibile
    Sulla Luna c’è acqua, un annuncio clamoroso ma vero. L’incredibile notizia arriva da due studi della Nasa pubblicati su Nature. Il primo studio coordianato dalla Nasa dimostra la scoperta rilevata dal telescopio volante Sofia della molecola dell’acqua sulla Luna. Grazie al telescopio Sofia, montato a bordo di un boeing 747 ha infatti risolto il mistero […]
  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]

Categorie

di tendenza