Connect with us

Politica

Governo Draghi? Da Italexit un secco no. Ecco perché

Pubblicato

-

Direttamente paracadutato da quei ‘poteri sovranazionali spesso non legittimati democraticamente che sono in grado di mettere le democrazie di fronte al fatto compiuto’ (come dichiarò l’ex ministro Orlando il 3 settembre 2016), Mario Draghi è stato incaricato di formare un Governo ancora più asservito dei precedenti agli ukase di Bruxelles per imporre all’Italia quelle “riforme” tanto care alla Troika.

Mario Draghi, il liquidatore dell’industria pubblica italiana definito ‘vile affarista’ dal Presidente Cossiga. Mario Draghi, che nel suo discorso del 2 giugno, 1992 tenuto sul panfilo Britannia, davanti a tutto l’olimpo della finanza angloamericana convenuto in Italia per accaparrarsi le aziende pubbliche e le banche italiane, annunciò il ruolo da “cenerentola” che avrebbe dovuto interpretare la politica, e quindi la democrazia, nei confronti dei “mercati”, annunciando la svendita delle nostre eccellenze pubbliche ai potentati stranieri colà convenuti.

Draghi, neogovernatore della Bce, che, assieme al governatore della Bce uscente Tichet, inviò, il 5 agosto del 2011, una lettera al governo italiano con la quale si imponeva all’esecutivo Berlusconi di intraprendere più dure politiche di austerità sotto il ricatto dello spread, cioè con la minaccia che la stessa Bce non avrebbe acquistato sul mercato secondario i titoli di stato italiani. Sappiamo come è andata a finire, con Mario Monti al governo.

Pubblicità
Pubblicità

Draghi presidente del Consiglio dei ministri rappresenterebbe il capolavoro di Matteo Renzi, che, dopo la riunione del Bilderberg del 2019, alla quale lo stesso Renzi venne invitato per la prima volta, iniziò a lavorare per questo, uscendo dal Pd e formando suoi gruppi parlamentari che avrebbero dovuto fare da ago della bilancia alla bisogna.

Draghi sarebbe incaricato non solo di gestire i denari del Recovery fund, ma soprattutto di infliggere agli italiani quelle “riforme” (leggere buggerature) che mamma Europa ci chiede per concederci tali denari.

Facciamo solo 4 esempi di tali riforme/fregature:

riforma pensionistica con un drastico ritorno alla legge Fornero;

riforma del lavoro, che significa ulteriore flessibilizzazione e precarizzazione del lavoro stesso;

riforma della giustizia civile, che significa favorire le banche nella gestione dei crediti deteriorati, con la resa più veloce per gli istituti di credito dell’escussione delle garanzie (case fabbriche, terreni, patrimoni, ecc.);

– ulteriore incremento dell’avanzo primario (l’Italia è da trent’anni in avanzo primario), che vuol dire più tasse che spesa pubblica, cioè tagli, tagli e ancora tagli.

Ora ci chiediamo, perché invece di legarci intorno al collo il nodo scorsoio del Recovery fund non finanziamo il nostro debito con l’emissione di titoli di stato che ultimamente hanno interessi negativi? Per l’acquisto dei quali, in questa situazione di emergenza sanitaria, la Bce ha introdotto il Pepp (pandemic emergency purchase programme) che ad oggi ammonta a ben 1850 miliardi di euro.

Italexit, grida forte e chiaro il suo no ad un eventuale governo presieduto da Mario Draghi e auspica che siano immediatamente sciolte le Camere e indette nuove elezioni, dando finalmente la parola al popolo sovrano“.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Rivoluzione demografica, la tendenza si sposta verso la Silver Economy
    Negli ultimi decenni la struttura demografica e sociale dell’Europa e del mondo è cambiata in profondità e questa dinamica continuerà a prestare i suoi effetti anche in futuro. Per questo motivo, le istituzioni comunitarie devono... The post Rivoluzione demografica, la tendenza si sposta verso la Silver Economy appeared first on Benessere Economico.
  • Cambiamento climatico come opportunità di investimento: i settori più richiesti nei prossimi anni
    Con le esigenze dei Paesi costretti ad evolversi per adattarsi ai tempi e al mondo che si trasforma, il cambiamento climatico diventa un’opportunità di investimento a lungo termine. Un occasione per tutti di cogliere questo... The post Cambiamento climatico come opportunità di investimento: i settori più richiesti nei prossimi anni appeared first on Benessere Economico.
  • Rivoluzione nel mondo dello sport, nasce il lavoratore sportivo: più tutele e diritti
    Dopo lo shock delle chiusure e la rabbia per essere stati una delle categorie invisibili agli occhi del Governo, i lavoratori del mondo dello sport possono gioire per il primo contratto con tutele, contributi e... The post Rivoluzione nel mondo dello sport, nasce il lavoratore sportivo: più tutele e diritti appeared first on Benessere Economico.
  • Cartelle esattoriali 2021: dal 1 maggio riparte la riscossione
    In molti si aspettavano un allungamento dei tempi, ma la macchina di notifica e riscossione delle cartelle esattoriali sospese ripartirà il 1 maggio 2021. La notificazione degli atti riguarderanno anche pignoramenti e avvisi di accertamento,... The post Cartelle esattoriali 2021: dal 1 maggio riparte la riscossione appeared first on Benessere Economico.
  • Torna l’albergo ad ore che fa audience
    Gli ultimi mesi hanno costretto in molti alla necessità di ridefinire il proprio approccio alla quotidianità, con l’evoluzione di diversi modelli di business soprattutto nel settore turistico. Molti imprenditori del settore, spinti dalla necessità di... The post Torna l’albergo ad ore che fa audience appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza