Connect with us

Politica

Governo Draghi? Da Italexit un secco no. Ecco perché

Pubblicato

-

Direttamente paracadutato da quei ‘poteri sovranazionali spesso non legittimati democraticamente che sono in grado di mettere le democrazie di fronte al fatto compiuto’ (come dichiarò l’ex ministro Orlando il 3 settembre 2016), Mario Draghi è stato incaricato di formare un Governo ancora più asservito dei precedenti agli ukase di Bruxelles per imporre all’Italia quelle “riforme” tanto care alla Troika.

Mario Draghi, il liquidatore dell’industria pubblica italiana definito ‘vile affarista’ dal Presidente Cossiga. Mario Draghi, che nel suo discorso del 2 giugno, 1992 tenuto sul panfilo Britannia, davanti a tutto l’olimpo della finanza angloamericana convenuto in Italia per accaparrarsi le aziende pubbliche e le banche italiane, annunciò il ruolo da “cenerentola” che avrebbe dovuto interpretare la politica, e quindi la democrazia, nei confronti dei “mercati”, annunciando la svendita delle nostre eccellenze pubbliche ai potentati stranieri colà convenuti.

Draghi, neogovernatore della Bce, che, assieme al governatore della Bce uscente Tichet, inviò, il 5 agosto del 2011, una lettera al governo italiano con la quale si imponeva all’esecutivo Berlusconi di intraprendere più dure politiche di austerità sotto il ricatto dello spread, cioè con la minaccia che la stessa Bce non avrebbe acquistato sul mercato secondario i titoli di stato italiani. Sappiamo come è andata a finire, con Mario Monti al governo.

Pubblicità
Pubblicità

Draghi presidente del Consiglio dei ministri rappresenterebbe il capolavoro di Matteo Renzi, che, dopo la riunione del Bilderberg del 2019, alla quale lo stesso Renzi venne invitato per la prima volta, iniziò a lavorare per questo, uscendo dal Pd e formando suoi gruppi parlamentari che avrebbero dovuto fare da ago della bilancia alla bisogna.

Draghi sarebbe incaricato non solo di gestire i denari del Recovery fund, ma soprattutto di infliggere agli italiani quelle “riforme” (leggere buggerature) che mamma Europa ci chiede per concederci tali denari.

Facciamo solo 4 esempi di tali riforme/fregature:

Pubblicità
Pubblicità

riforma pensionistica con un drastico ritorno alla legge Fornero;

riforma del lavoro, che significa ulteriore flessibilizzazione e precarizzazione del lavoro stesso;

riforma della giustizia civile, che significa favorire le banche nella gestione dei crediti deteriorati, con la resa più veloce per gli istituti di credito dell’escussione delle garanzie (case fabbriche, terreni, patrimoni, ecc.);

– ulteriore incremento dell’avanzo primario (l’Italia è da trent’anni in avanzo primario), che vuol dire più tasse che spesa pubblica, cioè tagli, tagli e ancora tagli.

Pubblicità
Pubblicità

Ora ci chiediamo, perché invece di legarci intorno al collo il nodo scorsoio del Recovery fund non finanziamo il nostro debito con l’emissione di titoli di stato che ultimamente hanno interessi negativi? Per l’acquisto dei quali, in questa situazione di emergenza sanitaria, la Bce ha introdotto il Pepp (pandemic emergency purchase programme) che ad oggi ammonta a ben 1850 miliardi di euro.

Italexit, grida forte e chiaro il suo no ad un eventuale governo presieduto da Mario Draghi e auspica che siano immediatamente sciolte le Camere e indette nuove elezioni, dando finalmente la parola al popolo sovrano“.

NEWSLETTER

Alto Adige7 giorni fa

Indennità per i pendolari, in corso la revisione del sistema

Bolzano4 settimane fa

Pensionato le da un passaggio e lei lo rapina: 29enne bolzanina denunciata a Bolzano

Sport4 settimane fa

Foxes all’ultimo match casalingo del 2021: al Palaonda arriva l’Innsbruck

Economia e Finanza4 settimane fa

Tatuaggi e trucco permanente, rivoluzione da gennaio. Bonaldi: “No agli abusivi anche in Alto Adige”

Alto Adige4 settimane fa

Bolzano, i problemi cardiaci gli impediscono di lavorare. Crowdfunding per Giancarlo

Politica2 settimane fa

Il comandante degli Alpini da Kompatscher: Protezione civile e Covid

Società4 settimane fa

Centro ASDI, Cirimbelli lascia la direzione dopo 36 anni

Società4 settimane fa

Messa di Natale, Muser: “Un Natale per ritrovare il senso di comunità”

Alto Adige3 settimane fa

Incidente con due macchine coinvolte in Valle Isarco: intervengono i vigili del fuoco

Bolzano3 settimane fa

Minaccia i passanti con forbici e martello: straniero bloccato in centro a Bolzano

Sport4 settimane fa

Il Val Pusteria espugna il Palaonda in rimonta: Foxes battuti 3 a 2

Bolzano4 settimane fa

Daniela Mengoni è la nuova vicaria del Questore di Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

Val Badia: auto cade in un fossato. Vigili del fuoco in intervento

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: oggi 3 gennaio 39 casi positivi da PCR e 404 test antigenici, un decesso

Alto Adige2 settimane fa

Labers: cede il freno a mano e la macchina precipita. Salvo il cagnolino rimasto intrappolato all’interno

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le…

Il 2022 ribattezzato “l’anno dei weekend lunghi”: quali giorni approfittare per una gita fuori porta

Per gli amanti dei viaggi e delle gite fuori porta, il 2022 è stato ribattezzato come “ l’anno dei weekend lunghi”. Infatti, nei prossimi 12 mesi…

Alpe Cimbra: il drago nato da Vaia è già un #must da vedere

La Tempesta Vaia che ha colpito il nord Italia e l’arco alpino alla fine del 2018 ha lasciato senza ombra di dubbio enormi cicatrici su tutto…

Archivi

Categorie

Benessere Economico

RSS Error: A feed could not be found at `https://www.benessereconomico.it/feed`; the status code is `200` and content-type is `text/html`

di tendenza