Connect with us

Italia ed estero

L’addio ad Antonio – I funerali in diretta

Pubblicato

-

Ore 15.44  – È iniziato il corteo che porterà al cimitero di Trento Antonio Megalizzi.

Ore 15.40 – Dopo la fine della messa al passaggio del feretro di Antonio Megalizzi portato dai corazzieri è scattato un lungo applauso.

Ore 15.30 Particolarmente commovente l’intervento dell’amico e collega Andrea Fioravanti. I presenti hanno applaudito.

Ore 14.56«In Gesù parola e vita coincidono. Non c’è distanza, vita e parola si identificano. In quest’epoca in cui le parole rischiano di non essere abitate, di essere svuotate, o addirittura utilizzate per trame di morte e per immettere nel cuore degli uomini odio e rancore, ti diciamo grazie, Antonio. Grazie per aver creduto nella forza della parola che s’interroga, si pone domande e rinuncia a facili risposte. La parola che non s’impossessa di un microfono, ma offre voce agli altri e gode della loro ricchezza. Un pezzo di cielo è sceso in terra e ora vi fa ritorno. Per tutto e per sempre, grazie Antonio!» Termina così l’omelia dell’arcivescovo Tisi

Ore 14.55 – Una giovane donna è stata colta da malore, intervengono i soccorsi.

Ore 14.49 – «Una violenza cieca e assurda, ancora una volta, ha decapitato una giovane vita, colpito al cuore per sempre una famiglia, tramortita una comunità. “Le grandi acque non possono spegnere l’amore”(Ct 8, 7), ci ha ricordato il testo del Cantico. La vita di Antonio lo conferma con forza.  In tanti stanno testimoniando da giorni le sue doti di umanità, intelligenza, simpatia, generosità e altruismo non comuni. Figlio della terra italiana, in lui riunita, non solo idealmente, dalla Calabria al Trentino, dal Sud al Nord della Nazione, egli si è formato in questa città, alla quale la Storia ha consegnato la vocazione ad essere “ponte” con l’Europa. Nella terra che ha dato i natali a uno dei Padri fondatori del sogno europeo, Antonio ha immaginato con grande libertà ed entusiasmo, ma anche con profondo realismo, un’Europa senza confini e senza pregiudizi, alla quale non vedeva alternative» – Comincia con queste parole l’omelia dell’Arcivescovo Lauro Tisi

Ore 14.38 – Anche fuori del Duomo Piazza d’Arogno si sta riempendo davanti al maxi schermo.

Ore 14.36 – L’arcivescovo Lauro Tisi inizia la messa salutando i fedeli

Ore 14.30 – Con la massima puntualità inizia la messa. Chiesa gremita

Ore 14.27 – Dopo le condoglianze alla famiglia le personalità politiche hanno preso posto in attesa dell’inizio della messa (immagini Raiuno)

Ore 14.23 – È arrivato il presidente della Provincia Autonoma di Trento Maurizio Fugatti e il Sindaco di Trento Alessandro Andreatta

Ore 14.21 – È arrivato il Capo dello Stato Sergio Mattarella

Ore 14.20 –  È arrivato il premier Giuseppe Conte

Ore 14.13 – È arrivato Antonio Tajani presidente del parlamento Europeo. È stato acceso il grande schermo vicino al Duomo, per chi non è riuscito ad entrare della chiesa.

Ore 14.07 – Il commento liturgico della diretta Rai sarà curato da don Cristiano Bettega, delegato dell’area testimonianza della Diocesi ed ex collaboratore pastorale a Trento Nord, legato alla famiglia Megalizzi. La messa sarà celebrata dall’Arcivescovo Lauro Tisi.

Ore 14.00 – La chiesa è stracolma in ogni ordine di posti ed addobbata con numerosi stendardi fra cui quelli di «Trentino Europa italia», «Università di Trento», «Città di Reggio Calabria», del Procuratore della Repubblica Sandro Raimondi, di Walter Kaswalder, Ugo Rossi e il presidente del consiglio regionale Roberto Paccher.

All’entrata i fedeli, in nome dell’Europa, hanno potuto ascoltare L’inno alla gioia di Beethoven.

Ore 13.55 – Piazza del Duomo è tappezzata di foto che raffigurano il reporter Trentino ucciso dal terrorista a Strasburgo. Intorno alla Piazza blindata dalle forze di Polizia c’è in silenzio assordante, lo sgomento, il dolore e l’indignazione di chi ha deciso di portare l’ultimo saluto ad Antonio.

ore 13.47 – Piazza Duomo completamente blindata in attesa delle autorità. Certa la presenza del primo ministro Conte e del capo dello Stato Sergio Mattarella.

Ore 13.30 la bara arriva in Duomo fra due ali di folla.

Ore 13.15 in leggero ritardo sul programma il feretro di Antonio Megalizzi parte dalla Chiesa di Cristo re dove era stata allestita la camera ardente. È scortata dalle forze dell’ordine che al momento dell’uscita della bara dal piazzale della chiesa hanno bloccato il traffico.

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Italia ed estero

Cina: auto contro la folla uccide sei persone

Pubblicato

-

Un’auto piomba a tutta velocità sulla folla e uccide sei persone: è successo questa mattina intorno alle sei (ora locale, le 23 di giovedì in Italia) a Zaoyang, nella provincia dell’Hubei in Cina.

Dalle prime informazioni sarebbero invece almeno sette le persone ferite.

Il portale Thepaper.cn ha mostrato in un video alcune persone distese in un’area pedonale in attesa dell’arrivo dei soccorsi.

Solo ipotesi per ora sul movente che avrebbe spinto l’uomo alla guida dell’auto, poi ucciso dalla polizia, a compiere il folle gesto.

Forse una vendetta, come già accaduto non molti giorni fa a Tangshan, nella provincia dell’Hebei, dove un altro uomo ha ferito a coltellate alcuni studenti dell’Istituto che lo aveva licenziato.

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Vienna: trovato morto l’attore altoatesino Matthias Messner

Pubblicato

-

Era scomparso domenica pomeriggio (17 marzo) a Vienna l’attore altoatesino Matthias Messner: oggi (20 marzo) l’uomo è stato ritrovato morto in un terreno privato, non molto lontano dalla sua abitazione a Perchtoldsdorf, zona a sud della capitale austriaca.

Sul corpo senza vita del 42enne di Anterselva nessun segno di violenza.

Messner, che da 15 anni vive a Vienna, era uscito di casa nel pomeriggio di domenica, dicendo ai suoi coinquilini che sarebbe andato a fare una passeggiata, ma non ha più fatto ritorno.

Le ricerche erano state eseguite anche con l’elicottero. A trovarlo un gruppo di amici che si erano organizzati per cercarlo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Ohio, suona i Queen in un video: bimbo cieco di sei anni fa il giro del mondo

Pubblicato

-

Si chiama Avett Ray Maness, ha solo sei anni, è cieco ma suona e canta al piano Bohemian Rhapsody e molte altre canzoni.

In America è già molto popolare sui social e in televisione questo “piccolo Mozart” dell’Ohio, che secondo il racconto dei genitori già all’età di 11 mesi si è portato verso il piano e ad orecchio ha cominciato a suonare ‘Twinkle Twinkle Little Star’ (famosa ninnananna inglese).

Nessuna sorpresa dunque se il video che vedete qui sopra sia diventato virale oltre al filmato in cui chiede alla madre di mandare ad Adele, la cantautrice britannica suo idolo, le sue canzoni.

Il piccolo è nato con retinopatia del prematuro, una malattia vascolare della retina che lo rende completamente cieco ad un occhio e quasi totalmente cieco dall’altro.

Oggi, le richieste per esibizioni in pubblico del giovanissimo Avett cominciano a fioccare: il piccolo ha già suonato in una scuola dell’Ohio davanti a oltre 900 persone, mentre  in aprile suonerà per un evento di raccolta fondi.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Metti un like

Archivi

Categorie

di tendenza