Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Società

Lavoro, focus sul rapporto fra donne e lavoro dopo la gravidanza

Pubblicato

-

Ogni anno, da 600 a 700 donne in Alto Adige si dimettono durante la gravidanza o durante il primo anno di vita del loro bambino, e la tendenza è in aumento. Le analisi del periodo 2015-17 svolte dall’Osservatorio del mercato del lavoro della Ripartizione provinciale Lavoro mostrano che 6 donne su 10 sono tornate al lavoro 3 anni dopo aver chiesto il congedo.

Questa è la cifra più alta mai registrata. L’ultima edizione di Mercato del Lavoro News fornisce informazioni sulle ragioni addotte dalle lavoratrici per risoluzione del loro rapporto di lavoro, quando le donne rientreranno nel mercato del lavoro e quali cambiamenti possono aspettarsi.

Nessuna uscita permanente dal mercato del lavoro

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

In Alto Adige, le dimissioni volontarie per maternità non significano un’uscita definitiva dal mercato del lavoro: delle poco più di 1.500 donne che hanno dato le dimissioni nel periodo dal 2015 al 2017, il 60% è già tornato al lavoro entro la fine del 2019.

È il valore più alto da quando sono iniziate le rilevazioni di questi dati” conferma Stefan Luther, direttore della Ripartizione lavoro della Provincia. Luther spiega: “I dati mostrano che le donne laureate tornano al lavoro prima. Dopo solo un anno, il 40% di questo gruppo femminile è di nuovo al lavoro. Per contro, le cifre relative alle donne che hanno conseguito il diploma di maturità, la scuola professionale e la scuola secondaria sono comprese tra il 20 e il 30%.

Tre anni dopo le dimissioni, la situazione è simile, ma con un’eccezione degna di nota: il tasso più basso di donne che tornano al lavoro è tra quelle con un diploma di scuola secondaria, poco meno del 53%“.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

I dati mostrano che 9 donne su 10 che hanno dato le dimissioni volontarie nel periodo 2015-2017 avevano un contratto a tempo indeterminato; inoltre, predominava il lavoro a tempo pieno. Uno sguardo ai settori mostra che più della metà delle donne erano impiegate nel settore del commercio e dei servizi.

A quanto pare, un tempo più lungo per raggiungere il posto di lavoro ha anche un effetto scoraggiante: due terzi delle donne interessate non erano occupate nel loro Comune di residenza al momento della cessazione del rapporto di lavoro.

Manca il supporto familiare

I motivi delle dimissioni volontarie vengono convalidati dall’ispettorato del lavoro. Nel periodo 2016-2019, il 41% delle madri ha dichiarato di non potersi affidare a parenti di supporto e di essersi dunque dedicate esclusivamente alla cura dei figli. Un ulteriore 21% ha citato la mancata concessione di un lavoro a tempo parziale o di un orario di lavoro flessibile come motivo di dimissioni.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

L’assenza o il costo elevato delle strutture di assistenza all’infanzia (9%) e la distanza eccessiva dal luogo di lavoro o il cambio di residenza (6%) giocano un ruolo meno importante. Per le donne con un’istruzione accademica, il passaggio a un’altra azienda è un motivo di licenziamento molto più frequente rispetto alle donne senza un diploma accademico.

Rientro spesso associato a cambiamenti

Il ritorno al mercato del lavoro è certamente associato a notevoli cambiamenti per le donne“, sottolinea il direttore della Ripartizione Luther utilizzando i seguenti esempi: circa la metà di loro trova lavoro in un nuovo settore, soprattutto nel settore alberghiero e nel pubblico.

Si può prevedere un aumento del tasso di part-time (fino all’86%) e un avvicinamento del posto di lavoro a casa. Luther fa notare che il rientro porta anche ad un aumento dei contratti a tempo determinato: “Prima della risoluzione volontaria, l’11% era impiegato con questa forma di contratto, dopo il rientro è il 41%. Ciò è dovuto anche al fatto che il settore alberghiero e della ristorazione e il settore pubblico sono settori in cui esistono relativamente molti contratti a tempo determinato“.

Negli anni 2016-19, anche circa 580 uomini hanno dato volontariamente le dimissioni. Appena due mesi dopo, più della metà di questi uomini sono tornati al lavoro, per le donne ci vogliono tre anni per raggiungere lo stesso valore.

Achammer: donne e lavoro, conciliazione importante

I dati elaborati nell’attuale Mercato del Lavoro News sono visti dall’assessore provinciale al Lavoro Achammer come un’opportunità per porre il sempre maggiore e rapido reinserimento delle donne nel mercato del lavoro come una delle principali priorità della politica del lavoro.

L’attuale situazione eccezionale rende evidente quanto sia importante trovare modi per conciliare la vita lavorativa e la vita familiare. Un migliore reinserimento delle donne nel mercato del lavoro contribuisce in modo significativo a garantire che le donne non subiscano svantaggi nel loro sviluppo professionale a causa della maternità e dell’educazione dei figli.

A tal fine, nei prossimi mesi forniremo maggiori informazioni e consigli alle donne e alle aziende. Ci sono anche opportunità di azione nell’ambito della conciliabilità all’interno delle aziende e dei settori economici che possono essere utilizzate” ha detto Achammer.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Italia ed estero6 ore fa

Codici: da opportunità a incubo, la pericolosa parabola del Superbonus 110%. Attivato un servizio per assistere i cittadini in difficoltà con i lavori

Bressanone17 ore fa

“Alpen flair” a Naz Sciaves: stuprata una minorenne

Alto Adige1 giorno fa

Statale del Brennero: al via i lavori di ampliamento a Colma

Ambiente Natura1 giorno fa

San Candido: allo studio una protezione innovativa dalle inondazioni

Salute1 giorno fa

GARLIVE®, un concentrato di salute dalle olive del lago di Garda

Economia e Finanza2 giorni fa

Pensplan: oltre 280 mila posizioni presso i fondi pensione istituiti in Regione

Sport2 giorni fa

FC Südtirol, i primi appuntamenti della nuova stagione

Benessere e Salute2 giorni fa

Ondate di calore estivo: consigli per gli anziani, ma non solo

Salute2 giorni fa

Uno psicologo di base gratuito e di facile accesso

Alto Adige2 giorni fa

Oggi a Palazzo Widmann la prima riunione del progetto di ricerca avviato da Eurac Research

Alto Adige2 giorni fa

Arge Alp: Schuler alla campagna di piantumazione degli alberi

Valle Isarco2 giorni fa

Ritrovato il corpo senza vita dell’escursionista disperso a Racines: precipitato a Malga Calice a 1.500 m slm

Alto Adige2 giorni fa

Coronavirus: 25 casi positivi da PCR e 391 test antigenici positivi

Arte e Cultura2 giorni fa

Dai quadri una concreta solidarietà: con il Lions Club Bolzano Laurin e Artpilot21 la mostra collettiva a sfondo benefico

Arte e Cultura2 giorni fa

La Maschera di Bolzano: dal 2 al 14 luglio nelle piazze della città arriva «Northell»

Alto Adige4 settimane fa

Referendum sulla democrazia diretta: il no stravince con il 76% dei voti

Bolzano4 settimane fa

Tamponamento nella notte in A22: più veicoli coinvolti

Politica4 settimane fa

Referendum, Urzì: sopravvive anche la clausola di garanzia per Bolzano e Laives voluta da Fdi, sconfitta di Svp/Lega/FI

Bolzano2 settimane fa

Incendio in centro a Bolzano: rogo causato dal malfunzionamento di una lavatrice

Bolzano4 settimane fa

Appiano, incidente tra due veicoli all’uscita della Mebo: una donna incastrata tra le lamiere

Bolzano2 settimane fa

Tragico scontro frontale in A 22, muore una donna bolzanina 77 enne. Gravi il marito e un bambino di 10 anni

Alto Adige3 settimane fa

Gli ospedali dell’Alto Adige sono ora cliniche universitarie

Alto Adige2 settimane fa

Rimorchio si stacca dal camion e blocca la strada del Renon

Bolzano4 settimane fa

Drammatico incidente in A22, muore 36 enne residente a Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

Auto esce di strada e finisce in una scarpata: una persona viene trasportata in ospedale

Alto Adige3 settimane fa

Ponte di Pentecoste: arrestati due stranieri, una denuncia e centinaia di verifiche durante i controlli del Commissariato di P.S. di Brennero

Italia ed estero4 settimane fa

Codici: dietrofront di Costa sulle regole di imbarco, ora proceda anche a risarcire i crocieristi

Merano3 settimane fa

Auto esce di strada e si ribalta su un sentiero forestale: una persona all’ospedale in gravi condizioni

Alto Adige4 settimane fa

Il Gruppo Volontarius cerca volontari per l’Emporio solidale di Piazza Mazzini a Bolzano ed a Merano

Alto Adige4 settimane fa

Coronavirus: 4 casi positivi da PCR e 45 test antigenici positivi, un decesso

Archivi

Categorie

di tendenza