Connect with us

Politica

Luminarie pericolose a Bolzano. AANC denuncia: “Fili scoperti in via Roma”

Pubblicato

-

Luminarie attaccate male, difettose, poco luminose e non diffuse in modo omogeneo in tutta la città. A questo ora si aggiunge anche la pericolosità di alcune luci attaccate tutt’altro che a regola d’arte. È il caso dei fili scoperti in Via Roma, all’altezza del semaforo proprio di fronte alla scuola professionale in lingua tedesca.

A denunciarlo è L’Alto Adige nel Cuore.

Si tratta di un problema che riguarda soprattuto la sicurezza in una zona molto frequentata soprattutto dagli adolescenti che frequentano la scuola professionale – sottolinea Rosanna Oliveri, referente scuola de L’Alto Adige nel Cuore – . Mi è capitato purtroppo di notare degli studenti intenti a giocare con i fili, mettendoci le dita e tirandoli ancora più fuori. Negli edifici scolastici si garantisce il massimo della sicurezza ma questa dovrebbe essere garantita anche negli spazi nelle immediate vicinanze.

Pubblicità
Pubblicità

In generale la sicurezza deve essere garantita a tutti i cittadini: ricordiamo che Piazza Ziller, in Via Roma è molto frequentata in tutto l’arco della giornata. Questo non sembra nemmeno essere un caso isolato, nei giorni scorsi i vigili del fuoco sono già dovuti intervenire per dei cavi che penzolavano in Via Resia e in Via Piacenza, i pompieri hanno dovuto riagganciare un cavo elettrico che si era abbassato a due metri dalla carreggiata, con il rischio che venisse tranciato da un autobus”.

Alle critiche sulla sicurezza si associa Alessandro Urzì, consigliere provinciale de L’Alto Adige nel Cuore e di FdI che aggiunge: “Le luminarie quest’anno sono state un disastro su vari aspetti. Quanti soldi sono stati spesi e per ottenere cosa? Adesso le sostituiscono con quelle di un’altra ditta, arrivata seconda ma nel frattempo quanto tempo si è perso?

Per rispondere a tutte queste domande il nostro consigliere comunale Alessandro Forest ha richiesto all’assessore Gennaccaro il rendering complete per accertare le responsabilità del Comune. Vedremo i dati e soprattutto, vedremo come la Giunta comunale intende attivarsi per porre rimedio a tutto questo e quanto tutto questo era prevedibile”.

In foto i fili scoperti in Via Roma, proprio davanti alla scuola professionale.

Politica

Educazione civica, Team K: “Mozione Svp ‘omeopatica’. Ci vuole più coraggio”

Pubblicato

-

L’altro ieri il Consiglio provinciale ha approvato una mozione Svp per realizzare una fiera itinerante per informare i cittadini sull’educazione civica, ma per Köllensperger si tratterebbe “dell’ennesima misura omeopatica della maggioranza per promuovere l’argomento”.

La mozione vorrebbe introdurre il Civibus, una mostra itinerante per fornire al maggior numero possibile di persone le informazioni politiche di base e motivarle a partecipare attivamente alla politica.

Commenta Köllensperger, che da anni si impegna per più educazione civica in provincia: “Abbiamo votato a favore di questa mozione, nonostante non siano chiari né gli obiettivi, né i costi connessi. A noi però interessa sostenere tutte le iniziative per più educazione civica indipendentemente dalla parte politica da cui provengono.

Pubblicità
Pubblicità

Il fatto che ora si presenti questa mozione non giustifica gli anni di ritardi nell’implementazione di quanto già approvato dall’aula. 18 mesi fa è stata approvata l’istituzione in seno al Consiglio provinciale dell’Ufficio di formazione politica“.

Il consigliere provinciale Alex Ploner afferma in merito alla mozione approvata:  “Se si bocciano le concrete e strutturate proposte per l’introduzione della materia ‘educazione civica’ nelle scuole in Consiglio provinciale, queste mozioni hanno più che altro la funzione di alibi per la maggioranza.

Ma a noi non bastano queste azioni che lo stesso Ufficio di presidenza fatica a giustificare in termini di costi e implementazione. Chiediamo che finalmente l’educazione politica diventi una materia scolastica a tutti gli effetti”.

Continua a leggere

Politica

Upad, un’intera giornata di porte aperte per corsi di computer, tablet e smartphone

Pubblicato

-

Martedì 21 gennaio Upad organizza una nuova giornata delle porte aperte dedicata al mondo del computer e allo smartphone nella propria sede di via Firenze 51 a Bolzano: una serie di iniziative gratuite per coinvolgere anche chi ancora non conosce bene i computer e gli smartphone, dispositivi ormai essenziali per numerosi servizi online.

Durante la giornata sarà quindi possibile frequentare delle lezioni gratuite, sia alla mattina che al pomeriggio, dedicate ai nuovi strumenti tecnologici, ma anche avere un’idea più chiara delle nuove forme di comunicazione con la Pubblica amministrazione, come lo SPID, ormai essenziale in numerosi ambiti.

Questo il programma:

Pubblicità
Pubblicità

MATTINA:
9.00 – 10.00: Imparare ad usare il computer (lezione di prova)
10.10 – 11.10: Imparare ad usare il MAC (lezione di prova)
11.20 – 12.20: Imparare ad usare tablet e smartphone (lezione di prova)

POMERIGGIO:
15.00 – 16.00: Pillole di informatica: whatsapp, internet, foto (lezione di prova)
16.15 – 17.15: Imparare ad usare Word ed Excel (lezione di prova)
17.30 – 18.30: SPID e i servizi per i cittadini (conferenza)

Un’occasione senz’altro da prendere al volo anche perché, nell’ambito della White Week Upad, dal 21 al 24 gennaio sarà possibile iscriversi anche ai corsi di informatica con prezzi scontati.

Per informazioni: 0471 921023 / info@upad.it / via Firenze 51, Bolzano

Continua a leggere

Politica

Marco Galateo alla prima Assemblea del Consiglio nazionale ANCI

Pubblicato

-

Oggi a Roma, nel Complesso Monumentale Pio Sodalizio dei Piceni, il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Marco Galateo ha rappresentato il Comune di Bolzano alla prima assemblea del Consiglio nazionale Anci, dopo l’elezione al congresso di novembre ad Arezzo.

Alla presenza del Presidente di Anci, sindaco di Bari Antonio Decaro, e del presidente del consiglio nazionale Enzo Bianco è stato dato il benvenuto ai neoeletti rappresentanti locali e rimarcato il fondamentale ruolo dell’amministrazione locale per il cittadino. 

Con la nuova legge di bilancio verranno sbloccati 560 milioni di euro entro il 2024, che costituiscono un reintegro ai cittadini dopo i tagli degli anni passati. Sono stati affrontati i temi critici principali di tanti Comuni su tutto il territorio.

Pubblicità
Pubblicità

Per esempio è stata affrontata la questione della perequazione orizzontale che determina blocchi della spesa pubblica di un Comune a vantaggio di un altro, ma non sempre il meccanismo di calcolo è razionale – afferma Galateo – .

Dibattuta anche la questione della ristrutturazione del debito, che vede l’accesso a Cassa depositi e prestiti a tassi doppi rispetto ai tassi reali degli istituti privati. In ambito di assunzione del personale invece non è stata ancora recepita la richiesta dei Comuni sullo scorrimento delle graduatorie.

Infatti oggi succede che, una volta che il bando vede dei vincitori, dopo una procedura di assunzione molto complessa, nel caso di rinuncia o successiva interruzione di contratto (ad esempio per dimissionino) non è possibile scorrere la graduatoria dei candidati, ma si rende necessario, far ripartire da zero l’intera procedura, con aggravio sulla struttura e aumento del periodo di vacanza del ruolo. La novità è che con la nuova manovra finanziaria, almeno per i Comuni cosiddetti virtuosi la procedura sarà più flessibile“.

Nell’ordine del giorno era inserita anche l’informativa su edilizia scolastica, riparto Fondo integrato 0/6 anni e ddl Istruzione; il sistema della tutela dei minori con criticità e proposte dei Comuni;l’aggiornamento sul reddito di cittadinanza; l’aggiornamento sul sistema di accoglienza Siproimi e minori stranieri non accompagnati.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza