Connect with us

Merano

Mensa per anziani a Merano: due nuovi locali operativi da maggio

Pubblicato

-

Per il servizio di refezione alla mensa per anziani del Comune di Merano sono stati individuati nuovi locali: in futuro i seniores potranno consumare il loro pasto nella mensa della scuola elementare Albert Schweitzer e presso la clinica Sant’Antonio di via Cavour.

In media sono circa una trentina i/le meranesi che utilizzano il servizio.

Negli ultimi mesi ci siamo impegnati a fondo per trovare una soluzione – ha spiegato l’assessore ai servizi sociali Stefan Frötscher – . Dal momento che il servizio mensa è stato regolarmente assegnato tramite bando di gara assieme al servizio ‘pasti a domicilio’, successive modifiche degli accordi non sono così semplici sotto il profilo giuridico“.

Pubblicità
Pubblicità

L’attuale locale, preso in affitto dall’impresa Arma/Cirfood, risponde infatti ai requisiti fissati nel bando di gara. Il Comune di Merano ha potuto però presto constatare, col pieno consenso di tutte le parti interessate, che la situazione logistica va migliorata.

Le due possibili alternative per ospitare la mensa anziani, prese in considerazione nei mesi scorsi, si sono rivelate impraticabili nel corso delle trattative.

La soluzione l’abbiamo trovata circa due settimane fa: la refezione per gli/le anziani/e in futuro verrà garantita cinque giorni alla settimana (lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica) presso la mensa della scuola elementare Albert Schweitzer in via XXX Aprile. Il martedì e il giovedì – giorni in cui la mensa è utilizzata dagli scolari – i/le seniores potranno invece pranzare presso la clinica Sant’Antonio in via Cavour. In entrambi i casi si tratta di spazi ideali in quanto già adibiti a mensa/sala pranzo e facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici“, ha sottolineato Frötscher.

L’operazione non comporterà ulteriori oneri per il Comune. Ora per il trasloco vero e proprio ci vorrà tuttavia un po’ di pazienza.

Il contratto di locazione deve essere disdetto e si devono assolvere diverse incombenze. Con ogni probabilità le due nuove mense per anziani saranno operative in maggio o al più tardi in giugno“, ha assicurato Frötscher.

Le due nuove soluzioni verranno testate almeno fino alla fine di quest’anno, prima che venga presa una decisione con effetti lungo termine.

Pubblicità
Pubblicità

Merano

Merano, Palais Mamming: nuova attività per la seconda lingua

Pubblicato

-

Proseguono nell’anno scolastico 2019/20 le proposte didattiche di Palais Mamming Museum. Una nuova attività è stata ideata appositamente per la seconda lingua (L2).

Il Palais Mamming Museum, che deriva il suo nome dal palazzo seicentesco situato in piazza Duomo, offre un’ampia panoramica sullo sviluppo storico della città e del Burgraviato. Il Museo ha ripreso la sua fruttuosa collaborazione con le scuole; i programmi didattici del Museo sono stati sinora utilizzati soprattutto da classi scolastiche del Burgraviato, della Val Venosta e di Bolzano.

Palais Mamming Museum offre proposte di mediazione didattica per tutte le età: dalla scuola materna alle scuole superiori. Bambini e ragazzi possono essere introdotti nelle maniere più disparate alle tematiche affrontate dal Museo e coinvolti in un confronto attivo.

Pubblicità
Pubblicità

A poco Palais Mamming Museum è diventato anche luogo per l’impiego spontaneo della seconda lingua. Il laboratorio “Veduta cittadina” crea un’atmosfera rilassata per favorire l’utilizzo pratico, divertente e spontaneo della seconda lingua (tedesco). Il ventaglio delle offerte è ampio: durante la “Passeggiata” all’interno del Museo alle alunne e agli alunni viene illustrata la storia della città di Merano.

Il laboratorio “Che cos’è un museo?”, destinato a bambine/i fino a 7 anni (scuola materna/prima elementare), intende introdurre ai compiti di un museo. “Un tuffo nella Merano medievale” è un percorso rivolto alle classi delle scuole medie. Le alunne e gli alunni si possono immergere recitando nella vita della Merano medievale e conosceranno così personalmente i tratti distintivi di una città in un’epoca complessa. “Alla ricerca della superstar di Merano!”: si tratta di un percorso museale in forma ludica per bambini della scuola elementare, con diversi personaggi della storia della città. Coloro che li impersonano ne raccontano la vita e le gesta.

Nel laboratorio “Tracce di storia meranese” per le scuole superiori, i giovani ricercheranno testimonianze storiche lungo le vie del centro di Merano ed elaboreranno così autonomamente elementi di storia cittadina.

Il lungo XIX secolo a Merano” è una passeggiata di 90 minuti avente per tema il periodo storico compreso tra la Rivoluzione Francese e la Prima guerra mondiale: un periodo di modernizzazione, industrializzazione ed urbanizzazione, i cui eventi ebbero influssi visibili sulla storia di Merano.

Il laboratorio “La guerra ha un volto”, destinato alle scuole medie e superiori, tratta la vita durante la Prima guerra mondiale: alle alunne e agli alunni vengono presentati gli avvenimenti che caratterizzarono la storia locale durante il periodo bellico, mettendoli a confronto con la propaganda dell’epoca, le difficoltà di approvvigionamento, il ruolo della donna ed altre tematiche strettamente legate alla Prima guerra mondiale.

Per informazioni e prenotazioni è possibile chiamare, durante gli orari di apertura del Museo, il numero 0473 270038 ovvero scrivere a palaismamming@gmail.com o museo@comune.merano.bz.it. Per bambini e ragazzi fino ai 18 anni l’ingresso è gratuito. Il costo delle guide e delle offerte didattiche ammonta ad € 3,00 o € 4,00 pro alunna/o.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Merano

Circonvallazione nord ovest di Merano, confermata l’aggiudicazione

Pubblicato

-

La costruzione di una delle infrastrutture più importanti e attese in Alto Adige diventerà presto realtà. Per la realizzazione del secondo lotto della circonvallazione di Merano la Ripartizione infrastrutture della Provincia ha infatti confermato, a due anni di distanza dalla prima aggiudicazione, l’assegnazione dei lavori all’associazione temporanea di imprese Carron Bau Srl (nuova azienda capofila), Mair Josef & Co. KG di Mair Klaus, Di Vicenzo Dino & C. Spa. La CMC di Ravenna, che inizialmente guidava l’Ati, come reso possibile dalla legge provinciale n.2 del 29 aprile 2019, è nel frattempo stata esclusa in quanto si trova in concordato preventivo.

Trascorso il termine dilatorio previsto dal codice degli appalti si potrà procedere con la stipula del contratto e verosimilmente prevedere la consegna dei lavori all’inizio del 2020.

La circonvallazione nord ovest di Merano – spiega l’assessore Daniel Alfreider – è un progetto molto importante per la città di Merano e per tutta la val Passiria, in quanto permetterà un notevole miglioramento dei flussi di traffico e della qualità della vita degli abitanti di tutto il Burgraviato”. A causa di vari ricorsi, il tunnel “si fa attendere da troppo tempo, ed è importante pertanto che i lavori comincino al più presto”, afferma Alfreider.

Pubblicità
Pubblicità

Il secondo lotto della circonvallazione nord ovest di Merano rappresenta la prosecuzione del primo lotto ultimato nell’autunno 2013.

Allacciandosi alla galleria della MeBo presso la stazione ferroviaria di Merano, il secondo lotto prevede una galleria sotto via Goethe e Monte Zeno fino alla zona artigianale di Tirolo, dove è prevista una rotatoria con delle strade di collegamento in direzione Val Passiria, Tirolo e Maia Alta. Nel corso dei lavori è anche previsto il rinnovo e l’abbassamento del ponte sotto al Monte Zeno sopra il torrente Passirio.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Merano

Alla scoperta dell’architettura razionalista a Merano

Pubblicato

-

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio l’assessorato alla cultura del Comune di Merano organizza una conferenza e visite guidate ad alcuni edifici realizzati in stile razionalista a Merano.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina in conferenza stampa dal sindaco Paul Rösch e dal vicesindaco Andrea Rossi.

Le Giornate europee del Patrimonio, istituite nel 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione europea, hanno lo scopo di far conoscere e apprezzare la ricchezza e la varietà del patrimonio culturale, incoraggiando la partecipazione attiva per la sua salvaguardia e la trasmissione alle nuove generazioni. Ogni anno l’iniziativa propone un tema di approfondimento diverso.

Pubblicità
Pubblicità

“Quest’anno l’obiettivo è far conoscere, contestualizzare, spiegare gli edifici che sorsero nel Ventennio fascista, nel periodo dell’Alpenvorland e nel primo decennio della ricostruzione postbellica. A questo scopo l’assessorato alla cultura organizza  una conferenza sul tema e diverse visite guidate. Queste nuove architetture in parte modificarono il volto della città di cura portandola a divenire una città dello sport, del benessere, dell’eleganza e del turismo”, ha spiegato Rösch.

Il programma:

Mercoledì, 18 settembre, ore 20:30, Palais Mamming, piazza Duomo 6 – Conferenza sul tema “Urbanistica e architettura razionalista in Europa e in Alto Adige. Con gli architetti Alexander Zoeggeller e Carlo Azzolini.
Sabato, 21 settembre, ore 10:30 – Visita guidata all’architettura razionalista a Maia Bassa. Con gli architetti Alexander Zoeggeler e Carlo Azzolini. Punto di ritrovo: circolo tennis di via Piave.
Domenica, 22 settembre, ore 10:30 – visita guidata al municipio, via Portici 192.
Domenica, 22 settembre, ore 11:30 – Visita guidata all’ex Casa Littoria, via Roma 1.
Domenica, 22 settembre, ore 12:30 – Visita guidata all’ippodromo e a Borgo Andreina. Punto di ritrovo: ingresso principale dell’ippodromo.

La partecipazione agli eventi è gratuita e non è necessaria la prenotazione.

Per sviluppare il turismo culturale attorno a una nuova tematica, quella del patrimonio urbano e architettonico dei regimi totalitari del XX secolo, nel 2018 il Comune di Merano ha aderito – dando seguito a una specifica delibera adottata dal Consiglio comunale – alla Rotta culturale Atrium (Architecture of Totalitarian Regimes of the XX Century in Europe’s Urban Memory). Dell’associazione fanno parte dodici città italiane, fra le quali appunto Merano, e otto città dell’Albania, della Bulgaria, della Croazia e della Romania.

“La partecipazione della nostra città a questo progetto si inserisce in un percorso che è già iniziato con l’adesione alla Rete italiana delle città della cultura e con la partecipazione al concorso di Capitale italiana della cultura 2020″, ha spiegato il vicesindaco Andrea Rossi. “Il nostro obiettivo è collocare Merano, la sua storia, il suo patrimonio culturale, artistico e paesaggistico in un contesto di più ampio respiro, tra ricerca, produzione culturale e promozione turistica“.

Foto stampa

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza