Connect with us

Società

Muser a Natale: “Senza la speranza del cielo, si crea la religione in base alle proprie aspettative”

Pubblicato

-

Lasciamoci prendere dal dialogo tra cielo e terra nella vita di ogni giorno“: è l’augurio del vescovo Ivo Muser nella celebrazione del Natale di ieri, 25 dicembre, nel duomo di Bolzano.

L’incontro tra cielo e terra nella notte di Betlemme è stato al centro dell’omelia di Muser nel pontificale trilingue di Natale celebrato a Bolzano in un duomo gremito.

Se da un lato c’è chi pensa di farcela senza Dio, quindi senza la speranza del cielo, e si crea la propria religione in base alle sue aspettative e ai suoi desideri, dall’altro, secondo Muser, non c‘è maggior solitudine e paura del futuro che dentro a una società nella quale tutto è concesso e tutto è indifferentemente giusto e buono.

Pubblicità
Pubblicità

“… Non il cielo creato da noi, ma il cielo che solo Dio ci può donare, il cielo che nella notte di Betlemme ha toccato per sempre la nostra terra – ha sottolineato il vescovo citando san Giovanni Bosco – . Camminate con i piedi per terra e con il cuore abitate in cielo.“ E ha esortato la società a non rubare ai giovani questa speranza.

Questo impegno natalizio – ha spiegato il vescovo – … ha a che fare con le nostre scuole e strutture di formazione, con i nostri ospedali e le case di riposo, con la realtà del carcere, con le aree di crisi e di guerra nel mondo“.

Infine l’augurio di monsignor Muser alla comunità altoatesina per il Natale 2019: “Lasciamoci prendere nel dialogo tra cielo e terra, a tutti i livelli della nostra vita personale e comunitaria, e che questo dialogo non venga precluso da un clima neutrale verso la religione o addirittura avverso ad essa“.

 

 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza