Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Società

Muser: “Pasqua ci doni il desiderio di pace, di unità nella diversità”

Pubblicato

-

Non esistono vittorie ottenute attraverso la guerra, il nazionalismo, il disprezzo di altri popoli. Nella prospettiva di speranza che la Pasqua ci assicura, chiediamo il dono dell’unità nella diversità, qui in Alto Adige come in un’Europa comune”: è un passaggio dell’omelia del vescovo Ivo Muser, che nella solennità di Pasqua ha celebrato domenica 17 aprile il pontificale trilingue a Bolzano.

Il vescovo ha invocato la pace, “da costruire e rafforzare giorno per giorno. La pace è l’eredità che dobbiamo lasciare ai nostri giovani perchè la trasformino in un bene duraturo”.

Nel duomo di Bolzano gremito di fedeli il vescovo Ivo Muser ha raccontato dell’incontro con alcune donne ucraine fuggite dalla guerra e accolte con i figli nella Casa diocesana a Sarnes di Bressanone: “Ho chiesto a una di loro cosa pensava quando è salita sull’autobus che l’avrebbe portata via dalla sua patria. Mi ha risposto: la Pasqua tornerà sicuramente, per noi e per il nostro Paese, questa è la mia forza ed è ciò a cui mi aggrappo con i miei due bambini“. 

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

La Pasqua, ha dunque ricordato monsignor Muser nell‘omelia, è il messaggio centrale per l‘umanità: “Dio non ha abbandonato alla morte Gesù crocifisso. L’evento pasquale è la buona notizia per eccellenza: dà un senso ultimo alla vita, nonostante tutto e attraverso tutto.“ Ciò che accadde la prima mattina di Pasqua a Gerusalemme, ha sottolineato il vescovo, “rimane la scintilla iniziale e il fondamento della fede cristiana: nel vivere, nel morire e oltre questo mondo.“

In questo tempo così difficile, il vescovo ha ribadito ai fedeli che “la Pasqua non si arrende all‘esperienza del Covid né davanti al terrore della guerra in Ucraina. La speranza è la prospettiva della Pasqua. Sperare significa oltrepassare limiti, non essere assorbiti nel qui e ora, non restare fermi semplicemente a una dimensione solo umana, intramondana. La speranza mantiene l’orizzonte aperto al futuro.“ 

Un segno concreto della speranza pasquale, ha aggiunto Muser, “lo vediamo anche nella grande solidarietà degli altoatesini come risposta allo scoppio della guerra il 24 febbraio. Le offerte alla Caritas diocesana hanno superato il milione di euro. Sono stati realizzati tanti altri segni, progetti, raccolte e iniziative di vicinanza e di generosità.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Di tutto questo possiamo essere fieri e nel giorno di Pasqua, nel giorno solenne della nostra speranza, dico a tutti un sentito e commosso grazie.” Tra i concelebranti in duomo c’era anche don Vasyl Demchuk, sacerdote della Chiesa greco-cattolica di Ucraina, nato a Leopoli e che vive a Bolzano dove insegna religione.

Ancora una volta il vescovo ha invitato a non dimenticare mai che la guerra non inizia sui campi di battaglia, ma sempre nei pensieri, nei sentimenti e nelle parole delle persone: “I nostri pensieri non sono mai neutrali e il nostro linguaggio rivela sempre ciò che pensiamo.

E quando una guerra finisce, “ci sono sempre e solo sconfitti. Non esistono vittorie ottenute attraverso la guerra, il nazionalismo, il disprezzo di altri popoli, lingue e culture”, ha rimarcato Muser. La richiesta che facciamo oggi, “è che ci venga donato il desiderio dell’unità nella diversità, qui in Alto Adige come in un’Europa comune, dove culture diverse si incontrano e si arricchiscono a vicenda.

Al centro dell’augurio finale il vescovo ha messo la pace,che è sempre dono, ma dev’essere anche voluta e preparata. È un obiettivo da costruire e rafforzare giorno per giorno, è l’eredità che gli anziani e gli adulti consegnano ai bambini e ai giovani affinché la trasformino in un bene comune duraturo.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

dav

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige4 settimane fa

Referendum sulla democrazia diretta: il no stravince con il 76% dei voti

Politica4 settimane fa

Referendum, Urzì: sopravvive anche la clausola di garanzia per Bolzano e Laives voluta da Fdi, sconfitta di Svp/Lega/FI

Bolzano4 settimane fa

Tamponamento nella notte in A22: più veicoli coinvolti

Bolzano2 settimane fa

Incendio in centro a Bolzano: rogo causato dal malfunzionamento di una lavatrice

Bolzano4 settimane fa

Appiano, incidente tra due veicoli all’uscita della Mebo: una donna incastrata tra le lamiere

Bolzano2 settimane fa

Tragico scontro frontale in A 22, muore una donna bolzanina 77 enne. Gravi il marito e un bambino di 10 anni

Alto Adige3 settimane fa

Gli ospedali dell’Alto Adige sono ora cliniche universitarie

Alto Adige3 settimane fa

Rimorchio si stacca dal camion e blocca la strada del Renon

Alto Adige3 settimane fa

Ponte di Pentecoste: arrestati due stranieri, una denuncia e centinaia di verifiche durante i controlli del Commissariato di P.S. di Brennero

Merano3 settimane fa

Auto esce di strada e si ribalta su un sentiero forestale: una persona all’ospedale in gravi condizioni

Italia ed estero4 settimane fa

Codici: dietrofront di Costa sulle regole di imbarco, ora proceda anche a risarcire i crocieristi

Alto Adige4 settimane fa

Auto esce di strada e finisce in una scarpata: una persona viene trasportata in ospedale

Alto Adige4 settimane fa

Il Gruppo Volontarius cerca volontari per l’Emporio solidale di Piazza Mazzini a Bolzano ed a Merano

Alto Adige4 settimane fa

Coronavirus: 4 casi positivi da PCR e 45 test antigenici positivi, un decesso

Merano3 settimane fa

Merano, fuoriuscita di perossido di idrogeno nella lavanderia della Croce Rossa: allertati i Vigili del Fuoco

Archivi

Categorie

di tendenza