Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Società

Persone senza fissa dimora, necessario rafforzare la rete sociale

Pubblicato

-

La rete sociale provinciale a favore delle persone senza fissa dimora va rafforzata“. Lo ribadisce l’assessora alle politiche sociali Waltraud Deeg che punta tra l’altro sul progetto Housing First.

La politica sociale attuata in Alto Adige e le misure poste in atto in questo settore rappresentano da anni un efficace strumento per la lotta alla povertà. Lo ribadisce l’assessora alle politiche sociali, Waltraud Deeg, sottolineando che l’importante ruolo svolto in quest’ambito dal reddito minimo sociale.

Già dagli anni ’70 (diversamente da quanto avviene a livello nazionale) grazie a questo strumento si provvede al sostegno economico di persone che, anche in base alla composizione del loro nucleo famigliare, hanno un reddito inferiore ad un determinato livello. Ciononostante anche in Alto Adige vi sono settori nei quali la Provincia in futuro intende ulteriormente ampliare il proprio sostegno. Tra questi vi è il tema delle persone senza fissa dimora.

Sulla base di esperienze di best practice si intende integrare l’attuale modello di intervento e sono in programma ulteriori sviluppi. A questo proposito in dicembre Daniela Unterholzner, direttrice dell’organizzazione sociale “neunerhaus” di Vienna, ha illustrato il programma della propria organizzazione e le misure adottate nella capitale austriaca per far fronte alla problematica dei senza fissa dimora.

In quest’ambito l’Istituto provinciale per l’edilizia sociale (Ipes) è già attivo da anni, ma sarebbe necessario adottate ulteriori misure mirate a favore delle persone prive di alloggio. In merito  l’assessora Waltraud Deeg ha dichiarato “è necessario elaborare progetti nel medio e lungo periodo allo scopo di aiutare le persone che vivono sulla strada a reinserirsi nella società ed a ritrovare una loro autonomia abitativa”.

In Alto Adige vi è un modello progressivo di prestazioni e di misure a favore delle persone senza fissa dimora che, grazie alla collaborazione tra volontariato ed operatori sociali, spaziano dalla prevenzione sino all’accoglienza in strutture abitative ed al sostegno economico delle persone in difficoltà. Attualmente sono operative dieci strutture aperte tutto l’anno a Bolzano, Merano, Brunico e Bressanone, oltre a due strutture per l’emergenza freddo a Bolzano specificatamente per persone senza fissa dimora.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Inoltre nel 2018 è stato avviato nel Burgraviato e a Bolzano , il progetto pilota “Housing First” attraverso il quale persone senza dimora vengono accompagnate e sostenute nel loro percorso verso una vita autonoma ed indipendente.  Nel 2020 complessivamente 20 persone hanno soggiornato in un appartamento del progetto pilota.

Ora si intende ampliare ulteriormente questo settore. “L’attuale crisi di ampie proporzioni – commenta Waltraud Deeg – purtroppo crea ulteriori difficoltà anche sotto il profilo finanziario. È nostra intenzione offrire, oltre ad un sostegno economico, anche un aiuto strutturale rafforzando ulteriormente il progetto ‘Housing First’. L’obiettivo è quindi quello di sviluppare ed ampliare il modello progressivo esistente attraverso una crescita strutturale di tutti i servizi e tutte le strutture esistenti”.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Benessere e Salute4 settimane fa

Sanità, dal 1 gennaio 2023 nuove regole per l’accesso agli ospedali

Alto Adige3 settimane fa

Partirà una class action contro la Volksbank (Banca Popolare dell’Alto Adige)

Bolzano3 settimane fa

Muore a 42 anni Chiara Cantaloni, ricercatrice senior all’Eurac di Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

Morta Paola Zani, commissario capo della Questura di Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Pedone investito da scooter in via Palermo, Repetto: «Giunta litiga invece di trovare soluzioni»

Bressanone3 settimane fa

Bressanone: corteo storico per l’Epifania

Alto Adige4 settimane fa

Capodanno, i Vigili del Fuoco avvisano: “Festeggiamo senza rischiare, usiamo correttamente i fuochi d’artificio”

Politica15 ore fa

La moneta regionale dell’Alto Adige è sempre più vicina

Alto Adige2 settimane fa

Valanga in Val Gardena, gravissimo un carabiniere

Alto Adige4 settimane fa

A gennaio arriva “Joe il film”: è il primo roadmovie al 100% altoatesino

Alto Adige3 settimane fa

Resoconto attività 2022 della Polizia Postale e delle Comunicazioni e dei Centri Operativi Sicurezza Cibernetica

Bolzano4 settimane fa

Addetto alle pulizie trova una borsa con 500 euro in contanti e la riconsegna alla proprietaria

Merano2 settimane fa

Nuova raccolta dell’umido, falsa partenza, Zampieri (FdI): sulla gestione rifiuti Comune imbarazzante

Bolzano2 settimane fa

Sono ancora gravissime le condizioni di Giovanni Andriano, il 49 enne travolto ieri da una valanga il Val Gardena

Alto Adige4 settimane fa

Termeno, crolla un pezzo dell’autolavaggio sulla macchina: intervengono i vigili del fuoco

Archivi

Categorie

di tendenza