Connect with us

Alto Adige

Il Piano sociale provinciale 2030 traccia la rotta per il settore

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

Dopo tre anni di lavori preparatori, è stato presentato oggi (27 luglio) a Bolzano il nuovo Piano sociale provinciale 2030. Per l’assessora provinciale alle politiche sociali, Waltraud Deeg, questo documento è uno dei più importanti di questa legislatura.

Molti hanno partecipato attivamente alla creazione di questo Piano e molti continueranno a lavorarci perché si tratta di un processo in itinere. È necessario un dialogo co costante processo di dialogo in tutti i settori e vogliamo impegnarci in questo senso“.

Anche il presidente della Provincia, Arno Kompatscher, ha sottolineato durante la presentazione: “Il Piano sociale provinciale è una sorta di vademecum che coinvolge, in conformità con i nostri obiettivi nel campo della sostenibilità, tutti gli ambiti politici, come il Piano per il clima. Perché le questioni sociali devono essere tenute in considerazione in tutti gli settore e questo è giustamente l’obiettivo del Piano che evidenzia le opportunità e si svilupperà in maniera dinamica. Perché è necessaria una nuova cooperazione a tutti i livelli per poter vincere insieme le sfide del nostro tempo“.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Obiettivi strategici e misure per cinque aree principali

Elementi centrali del Piano sociale provinciale sono la descrizione, la previsione dei bisogni, i  risultati del sondaggio online e del workshop tematico, nonché gli obiettivi strategici e le misure per le cinque aree centrali del benessere sociale. Queste sono: anziani (accompagnamento, assistenza e cura), assistenza all’infanzia e ai giovani, persone con disabilità, con malattie mentali e con disturbi da dipendenza, inclusione sociale e donne in condizioni di disagio e ruolo del Terzo Settore. Michela Trentini, direttrice della Ripartizione politiche sociali, ha affrontato i punti chiave su questo tema in occasione della conferenza stampa odierna ed ha dichiarato “La gestione delle risorse umane e il fabbisogno di lavoratori qualificati sono temi centrali che riguardano tutti i nostri ambiti di attività”. 

Il Piano comprende anche misure organizzative e nuovi progetti concreti, alcuni dei quali sono già stati attuati. Tra le misure e le strategie concrete indicate nel nuovo Piano sociale provinciale vi sono, ad esempio, la promozione della vita indipendente per le generazioni più anziane attraverso spazi abitativi a misura di anziano o nuove forme di alloggio, il rafforzamento della prevenzione nel settore dell’infanzia e della gioventù attraverso il lavoro di comunità o il lavoro di strada, il sostegno a soluzioni abitative inclusive per le persone con disabilità, con malattie mentali e disturbi da dipendenza attraverso l’assistenza personale o un centro di Competenza per la consulenza abitativa, l’espansione dell’assistenza ai senza fissa dimora nell’area dell’inclusione sociale o la promozione di progetti di empowerment per le donne in situazioni di vita difficili, nonché la promozione della programmazione e della pianificazione congiunte (co-programmazione/co-progettazione) nell’area del Terzo settore.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Un processo partecipativo per il Piano sociale

Queste misure sono, tra l’altro, il risultato di un ampio processo partecipativo che è stato accompagnato scientificamente dall’Istituto di Public Management di Eurac Research. “Non sono state formulate raccomandazioni, ma sono state presentate opzioni di intervento. Il percorso che ha portato al Piano sociale provinciale è stato un processo di pianificazione trasparente e aperto, che è uno standard a livello internazionale”, ha sottolineato il direttore dell’Istituto Kurt Promberger. “Altrettanto importante è stato il coinvolgimento degli operatori pubblici e privati nel campo dei servizi sociali in Alto Adige”, ha aggiunto l’assessora Waltraud Deeg.

La Federazione per il sociale e la sanità ha partecipato attivamente al gruppo di lavoro del Piano sociale provinciale. Il suo direttore, Georg Leimstädtner, ha sottolineato, in occasione della presentazione odierna “Nel sociale dobbiamo sempre essere in grado di reagire ad hoc, di rispondere alle esigenze. Tuttavia, dobbiamo stabilire una direzione per il futuro. Le questioni sociali riguardano tutti, quindi è necessario includere anche altri settori”.

Con il presente Piano è possibile sviluppare ulteriormente il sistema sociale altoatesino –  ha dichiarato l’assessora Deegperché un sistema sociale ben organizzato ed in rete è il presupposto e la garanzia per una società socialmente equilibrata, sostenibile e resiliente alle crisi”.

Il Piano sociale provinciale 2030 è disponibile presso la Ripartizione politiche sociali e può essere consultato online o scaricato.

NEWSLETTER

Oltradige e Bassa Atesina2 settimane fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport2 settimane fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi2 settimane fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Trentino2 settimane fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Eventi2 settimane fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Alto Adige4 settimane fa

Pronti a “pescare” le offerte dei fedeli con metro a nastro e scotch biadesivo in Chiesa: segnalati alle autorità

Alto Adige4 settimane fa

Proseguono a raffica arresti, denunce e tre decreti di espulsione anche in un 25 aprile “tranquillo”

Bolzano4 settimane fa

Tentano la rapina e scatta una rissa. Espulsi tre cittadini marocchini

Alto Adige4 settimane fa

Espulsi madre e figlio per violenze sessuali, riti magici, obbligo del velo e lesioni sulla giovane moglie e nuora

Consigliati3 settimane fa

Scommesse sportive con deposito minimo basso

Bolzano2 settimane fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Bolzano3 settimane fa

Aggressione in discoteca: giovane percosso e contuso. Scattano gli accertamenti di pubblica sicurezza

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crede di trovarsi di fronte ad un’occasione imperdibile, ma è tutta una truffa

Alto Adige2 settimane fa

Giustizia riparativa: Kofler: «uno strumento efficace per la nostra comunità»

Oltradige e Bassa Atesina4 settimane fa

La prima tappa di “Borgo diVino in tour 2024” fa sosta a Egna con un ricco programma

Archivi

Categorie

più letti