Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

Prevenzione della violenza: la Giunta approva il disegno di legge

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Ieri, la Giunta provinciale ha approvato la bozza della nuova legge sulla prevenzione della violenza  presentata dall’assessora Waltraud Deeg.

Con la legge provinciale “Interventi di prevenzione e contrasto della violenza di genere e di sostegno alle donne e ai loro figli e figlie”, vengono rafforzati e ampliati i servizi esistenti per l’accompagnamento e la consulenza alle donne vittime di violenza. Per l’assessora alle politiche sociali e alla famiglia, Waltraud Deeg, si sta compiendo un passo importante per poter tutelare meglio le vittime di violenza.

Anche se l’ambito della nostra competenza provinciale è limitato, come è noto la giurisdizione penale è di competenza dello Stato, laddove possibile vogliamo dare il nostro contributo. Si tratta, in primo luogo, della prevenzione, dell’accompagnamento e del sostegno. La violenza non è mai una questione privata, ogni vittima di violenza ha diritto a sostegno e aiuto”. Da parte sua il presidente Arno Kompatscher ha sottolineato che  la violenza, soprattutto nei confronti delle donne, in Alto Adige non è un evento raro ed è un problema che deve essere affrontato.

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Con questa nuova legge, che prosegue ora il proprio iter di approvazione, vogliamo realizzare uno strumento in grado di offrire misure concrete per aiutare le donne che si trovano in condizioni di violenza e nel contempo promuovere la prevenzione”. Il disegno di legge è già stato valutato positivamente dalla Consulta dei Comuni, dalla Garante dell’infanzia e della gioventù, dall’Agenzia per la famiglia e dall’Avvocatura della Provincia. Il testo sarà sottoposto all’esame del Consiglio provinciale.

Tutela delle vittime di violenza: referenti anche a livello comunale, introduzione di un fondo di solidarietà

Attualmente in Alto Adige operano cinque Case delle donne (a Bolzano, Merano, Brunico e Bressanone). Queste sono state istituite dalla legge provinciale n. 10/1989 e in quel momento hanno assunto un ruolo pionieristico a livello nazionale. Nel 2020 la Provincia ha sostenuto finanziariamente le Case delle donne con 2,2 milioni di euro attraverso l’Ufficio per la protezione dell’infanzia e della gioventù e l’inclusione sociale.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Nel 2019 complessivamente 580 donne si sono rivolte a un consultorio, 135 donne e 164 minori sono stati collocati nelle Case o hanno trovato rifugio in Alloggi protetti (i dati per il 2020 non sono ancora disponibili). Dal 1989 i servizi sono stati costantemente ampliati e sviluppati e sono state anche prese iniziative nell’area della prevenzione e del sostegno. Ad esempio, alla fine del 2020, il protocollo Erika, con il quale le vittime di violenza che giungono al Pronto soccorso ricevono un aiuto mirato in un ambiente protetto, è stato esteso da Bolzano a tutta la provincia.

Con la nuova legge provinciale, che è stata elaborata a partire dal 2019 nell’ambito di un processo partecipativo coordinato dall’Ufficio per la protezione dell’infanzia e della gioventù e l’inclusione sociale, vi saranno ulteriori misure per proteggere e sostenere le vittime di violenza e i loro figli.

Ciò include, tra l’altro, l’istituzione di un tavolo di coordinamento permanente all’interno del Dipartimento per le politiche sociali della Provincia e l’introduzione di un “fondo di solidarietà per l’assistenza legale alle donne vittime di violenze e abusi”. Il fondo è destinato alla copertura delle spese di assistenza legale in materia penale e civile. Inoltre, i punti di contatto territoriali presso i Servizi sociali sono attivi a livello locale al fine di fornire una migliore consulenza e supporto alle donne che si trovano o si sono trovate in situazioni di violenza. Una rete antiviolenza territoriale è destinata ad ampliare e rafforzare la cooperazione ai vari livelli. Inoltre, in ogni Comune dell’Alto Adige dovrà essere nominato un referente per la violenza di genere.

Rafforzare la prevenzione della violenza: formazione antiviolenza per i colpevoli, avvio di attività di sensibilizzazione precoce e sostenibile

Oltre ad accompagnare, consigliare e sostenere le vittime di violenza, la nuova legge statale si concentra anche sull’area della prevenzione della violenza. Dovranno essere previste anche misure per i colpevoli sotto forma di formazione antiviolenza. L’obiettivo è quello di prevenire nuove violenze e modificare i modelli di comportamento violento a lungo termine. L’attività di prevenzione deve estendersi anche ad altri ambiti: in futuro verranno sostenute iniziative e progetti nelle scuole, nei luoghi educativi e di incontro, nonché nei settori culturale, sportivo e del tempo libero, che si occupano di violenza di genere. Le misure saranno coordinate dall’Ufficio donna.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige4 ore fa

Termovalorizzatore di Bolzano, in visita la terza commissione

Merano5 ore fa

PM rimuove le accuse di lesioni costali nel caso Gruber

Trentino5 ore fa

Il governo non impugnerà la legge trentina sugli orsi

Val Pusteria6 ore fa

Confindustria Alto Adige: l’assemblea in Val Pusteria ha confermato Peter Rech rappresentante comprensoriale

Oltradige e Bassa Atesina7 ore fa

La prima tappa di “Borgo diVino in tour 2024” fa sosta a Egna con un ricco programma

Laives8 ore fa

Il sottopasso al contrario: “Barriera architettonica che non protegge i più deboli”

Val Pusteria8 ore fa

Rio Pusteria, l’incontro tra i Carabinieri e il Sindaco Heinrich Seppi

Oltradige e Bassa Atesina8 ore fa

Lamentele per impennate, derapate, guida a folle velocità. Aumentano i controlli al ponte Ischia Frizzi

Bolzano9 ore fa

Tentano la rapina e scatta una rissa. Espulsi tre cittadini marocchini

Val Pusteria23 ore fa

Patenti di guida irregolari in Val Pusteria. I controlli dei Carabinieri

Valle Isarco23 ore fa

Vipiteno, un inverno in crescita e il lancio della nuova ActivCard

Merano1 giorno fa

Quattro giorni d’immersioni nella bellezza del verde con “Merano Flower Festival”

Merano1 giorno fa

La cooperativa sociale Ginko pensa all’apertura del negozio nel rione Maria Assunta a Merano

Val Pusteria1 giorno fa

Denunciata falsa operatrice dell’assistenza domiciliare che ha tentato di rubare in casa di persone anziane

Alto Adige1 giorno fa

Sezione Legno di Confindustria Alto Adige: Armin Pixner confermato Presidente

Alto Adige4 settimane fa

Hotel altoatesini bersaglio di truffe seriali, denunciato un 46enne napoletano

Alto Adige4 settimane fa

Carabinieri di Bolzano lanciano una campagna di sensibilizzazione contro le truffe agli anziani

Bolzano4 settimane fa

Scoperto mezzo chilo di hashish nascosto in una siepe a Bolzano

Bolzano4 settimane fa

Rissa al Druso: quattro daspo emessi dal questore

Politica4 settimane fa

Tensione in giunta sulla commissione pari opportunità: critiche da Galateo di Fratelli d’Italia

Alto Adige4 settimane fa

Automobilista ferito gravemente dopo un impatto con un camion in valle Aurina

Salute4 settimane fa

Servizio Sanitario Nazionale, per l’89% degli italiani è sacro

Alto Adige4 settimane fa

Incidente sulla MeBo: camper in fiamme sulla corsia sud

Italia ed estero4 settimane fa

Ungheria: Ilaria Salis in tribunale ancora con manette e catene

Alto Adige4 settimane fa

Polizia intensifica i controlli su alcol e droga tra i conducenti in Alto Adige

Val Pusteria4 settimane fa

Operazione di controllo a Brunico e Bressanone: irregolarità in bar e sanzioni del Questore

Oltradige e Bassa Atesina4 settimane fa

Girava tra le case con arnesi da scasso a Montagna: denunciato

Merano4 settimane fa

Controlli speciali a Merano: il questore notifica altri decreti di espulsione

Motori4 settimane fa

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio eletta “Sedan of the Year”

Alto Adige3 settimane fa

Albanese arrestato con undici chili di droga e biciclette rubate: permesso di soggiorno revocato

Archivi

Categorie

più letti