Connect with us

Alto Adige

Rifugio Gino Biasi al Bicchiere inaugurato dopo la sistemazione

Pubblicato

-

Foto: ASP/GNews

Al centro dell’area di ghiacciai più estesa dell’Alto Adige, circondata da vette oltre i 3.000 metri come il Pan di Zucchero e la Cima Libera, svetta nella sua nuova veste il rifugio Gino Biasi al Bicchiere o Becherhaus. A conclusione del nuovo restyling, eseguito su incarico della Provincia, l’inaugurazione ufficiale del rifugio alpino più elevato dell’Alto Adige era programmata per la giornata di oggi (18 agosto). A causa delle avverse condizioni meteo della mattinata, la cerimonia si è svolta secondo un copione leggermente diverso da quanto inizialmente programmato. Una prima informale celebrazione insieme ai gestori del rifugio Lukas e Edeltraud Lantschner – cui è andato il ringraziamento del presidente della Provincia – è stata svolta in mattinata dal presidente Arno Kompatscher e dalla sua vice e assessora Waltraud Deeg, giunti a 3.195 metri a piedi insieme alla presidente di comprensorio dell’Alta Valle Isarco Monika Reinthaler, al sindaco di Racines Sebastian Helfer e ai componenti del Soccorso Alpino dell’Avs della Val Ridanna. Nel primo pomeriggio le condizioni meteo a valle sono fortunatamente migliorate, e dunque sul posto ha potuto giungere anche l’assessore al Patrimonio Massimo Bessone. Secondo i piani iniziali, quest’ultimo avrebbe dovuto accompagnare in loco in elicottero il decano e parroco di Vipiteno Christoph Schweigl, che assieme a don Giorgio Carli avrebbe celebrato la Santa Messa nella cappella “Santa Maria della Neve“, la cappella più alta in Europa. Alla fine anche l’assessore al Patrimonio ha così potuto ringraziare personalmente i gestori del rifugio e constatare di persona il risultato del lavoro svolto.

Lavori nel rispetto della sostenibilità

I nostri rifugi sono un fiore all’occhiello, rappresentano il riferimento e lo sviluppo delle nostre montagne. Questo vale soprattutto per il Becherhaus, il rifugio più alto dell’Alto Adige” ha sottolineato il presidente Kompatscher. Grazie allo sviluppo del turismo di montagna, la Becherhütte ha guadagnato una fama internazionale, tanto che anche media importanti come il New York Times e Frankfurter Allgemeine Zeitung si sono interessati al rifugio.

Pubblicità
Pubblicità

Uno dei 25 rifugi alpini della Provincia

Il nome del rifugio ricorda il capitano degli Alpini Gino Biasi, caduto in Russia nel 1942, e la cima Bicchiere. Raggiungibile dalla val Ridanna e dalla val Passiria, il rifugio è punto di riferimento per gli escursionisti esperti che vi trovano accoglienza, ma funge anche da vedetta sui cambiamenti climatici. Dal 2011 il rifugio Gino Biasi al Bicchiere è un bene gestito dalla Provincia, in seguito al trasferimento della proprietà di 25 rifugi alpini alla Provincia di Bolzano da parte dello Stato. Sono attualmente ancora in corso i lavori agli ultimi dettagli. E’ stato sistemato in questi ultimi due anni tramite la Ripartizione patrimonio, che fa capo all’assessore provinciale Bessone, con un investimento di circa 1,4 milioni di euro. Situato sulla vetta del Bicchiere, un’altura sulla cresta meridionale della Cima Libera a quota 3195 metri, il rifugio Gino Biasi al Bicchiere domina il ghiacciaio di Malavalle nel Comune di Racines, nella parte altoatesina delle Alpi dello Stubai. Il rifugio venne costruito nel 1894 dai club alpini tedesco (sezione di Hannover) ed austriaco. Dopo la Grande Guerra fu assegnato alla sezione di Torino del Club Alpino Italiano CAI e in seguito ricostruito, ampliato e gestito dalla Sezione CAI di Verona.

I lavori di sistemazione in dettaglio

Pubblicità
Pubblicità

I lavori hanno interessato l’involucro esterno dell’edificio del rifugio Gino Biasi al Bicchiere: sono state rifatte le sue facciate in scandole di larice. Sono stati rifatti anche la copertura e gli infissi, nonché impianti tecnologici necessari e le opere connesse all’adeguamento alla normativa antincendio. All’interno dell’edificio, sono state ampliate la “Stube” sul lato Est e la terrazza. Gli adeguamenti interessano l’intera alimentazione elettrica, comprensiva dell’illuminazione LED, l’impianto fotovoltaico, incluso il sistema di accumulo batterie, l’impianto termoidraulico, l’antincendio, l’impianto per l’approvvigionamento e trattamento dell’acqua del ghiacciaio. A cura della ditta Rainer Bauunternehmung di Racines, è stato pure installato un impianto per lo smaltimento delle acque reflue. Alcuni lavori saranno ultimati nel corso delle prossime settimane. L’esecuzione degli interventi è stata a cura della ditta Mader Srl di Vipiteno, vincitrice dell’appalto, con le imprese subappaltatrici Trenkwalder&Partner Srl, Hofer&Zelger Snc e Unionbau Spa, tutte imprese locali. Gli interventi di manutenzione e risanamento sono stati seguiti da Luca Carmignola, direttore dell’Ufficio manutenzione opere edili della Ripartizione patrimonio, ed il collaboratore tecnico Stefano Rebeschini, coadiuvati dai progettisti Hans PardellerEleonora Kraus e Norbert Verginer.

sa/ma

 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige2 giorni fa

Vaccinazioni anti-Covid: già oltre 200.000 persone con la dose booster

Bolzano2 giorni fa

Blitz interforze a Bolzano: denunce per spaccio e sostituzione di persona. Un rimpatrio e due Daspo

Sport2 giorni fa

FC Südtirol: domenica 23 gennaio la sfida del campionato riparte da Crema contro la Pergolettese

Politica2 giorni fa

Mobilità per le Olimpiadi 2026: sopralluoghi col viceministro Morelli

Alto Adige2 giorni fa

Il Bollettino di allerta segnala vento forte oggi e domani

Alto Adige2 giorni fa

Scuola: un test negativo è sufficiente per la riammissione alle lezioni in presenza

Alto Adige2 giorni fa

Accudimento pomeridiano: i Comuni si attivano

Politica2 giorni fa

False positività da Covid in Alto Adige, M5S: “Test a campione per evitare le truffe”

Politica2 giorni fa

ll viceministro Morelli incontra Kompatscher: Olimpiadi, Rai, Poste

Bressanone2 giorni fa

Bacini montani: sistemazione delle rive dell’Isarco a Bressanone

Ambiente Natura2 giorni fa

Apre il nuovo Centro visite del Parco naturale nel cuore di Siusi

Alto Adige2 giorni fa

Dati Covid 21 gennaio: 348 positivi da PCR e 2.541 da test antigenici. Un decesso

Alto Adige2 giorni fa

Conclusione quarantena: con il tampone negativo, senza aspettare ulteriori comunicazioni

Alto Adige2 giorni fa

Minacce no-vax al governatore Kompatscher e al quotidiano “Alto Adige”: l’autore è lo stesso

Val Venosta2 giorni fa

Pericolosa carambola a Prato allo Stelvio: evita un animale e finisce ruote all’aria

Alto Adige1 settimana fa

Indennità per i pendolari, in corso la revisione del sistema

Sport4 settimane fa

Foxes all’ultimo match casalingo del 2021: al Palaonda arriva l’Innsbruck

Alto Adige4 settimane fa

Bolzano, i problemi cardiaci gli impediscono di lavorare. Crowdfunding per Giancarlo

Politica3 settimane fa

Il comandante degli Alpini da Kompatscher: Protezione civile e Covid

Società4 settimane fa

Messa di Natale, Muser: “Un Natale per ritrovare il senso di comunità”

Alto Adige3 settimane fa

Incidente con due macchine coinvolte in Valle Isarco: intervengono i vigili del fuoco

Sport3 settimane fa

I Foxes perdono a Villach: il VSV si impone per 4 a 3 all’overtime

Alto Adige3 settimane fa

Labers: cede il freno a mano e la macchina precipita. Salvo il cagnolino rimasto intrappolato all’interno

Bolzano4 settimane fa

Minaccia i passanti con forbici e martello: straniero bloccato in centro a Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: oggi 3 gennaio 39 casi positivi da PCR e 404 test antigenici, un decesso

Alto Adige4 settimane fa

Val Badia: auto cade in un fossato. Vigili del fuoco in intervento

Merano3 settimane fa

Il conducente sbanda e distrugge l’automobile all’uscita di Postal

Merano4 settimane fa

Esce di strada sulla provinciale fra Marlengo e Cermes: intervengono i vigili del fuoco

Alto Adige4 settimane fa

Alto Adige, arrivano i kit per gli autotest degli alunni durante le vacanze di Natale

Bolzano2 settimane fa

Coronavirus: 1.361 contagi e un decesso nelle ultime 24 ore in Alto Adige

Unico&Bello

RSS Error: WP HTTP Error: cURL error 60: Peer's Certificate has expired.

Archivi

Categorie

Benessere Economico

RSS Error: A feed could not be found at `https://www.benessereconomico.it/feed`; the status code is `200` and content-type is `text/html`

di tendenza