Connect with us

Alto Adige

Scuola in presenza slitta al 12 aprile, Fermanelli e Nero: “Decisione unilaterale dei dirigenti scolastici”

Pubblicato

-

Non bastava l’ordinanza n. 18 dell’01.04.2021 del Presidente della Provincia a prevedere che “le attività scolastiche e didattiche nelle scuole secondarie di secondo grado e nelle scuole professionali si svolgano con un massimo del 75% degli studenti e studentesse in presenza“, a patto che accettino – come già previsto per quelli di elementari e medie – di sottoporsi periodicamente ai tamponi autosomministrati.

Ora più di un dirigente farà slittare l’apertura delle scuole in presenza al 12 aprile per l’indisponibilità dei kit necessari per i tamponi veloci e per rispettare l’ordinanza della Provincia, a quanto si apprende dalla presidente dei dirigenti altoatesini, dott.ssa Cocciardi. 

Peccato che il decreto legge del Governo del 1.4.21 art. 2 preveda le ‘lezioni in presenza per tutte le scuole di ogni ordine e grado, se la Provincia è in zona arancione – dicono Simona FermanelliReferente regionale di Fratelli d’Italia per scuola e università e Ilenia Nero, consigliera uscente di Fratelli d’Italia per il comune di Merano – . In questo modo saranno anche i dirigenti a non offrire le lezioni in presenza ai loro alunni, nonostante le famiglie di ben 19.200 scolari su circa 22.100 studenti di lingua italiana in Alto Adige, abbiano già dichiarato di aderire al progetto, pur di far tornare i loro figli a scuola in presenza, perché  logorati dalla dad o anche semplicemente perché i genitori non possono seguirli a casa, in quanto non effettuano lo smartworking“.

Pubblicità
Pubblicità

La stessa Consulta provinciale dei genitori, in accordo con i Presidenti dei Consigli d’Istituto, aveva chiesto, inoltre, nei giorni scorsi che tutti gli studenti (a prescindere dall’autorizzazione espressa dai genitori ai test) delle scuole in lingua italiana di ogni ordine e grado fossero ammessi alle lezioni in classe (al 75% nelle scuole secondarie superiori) sino al giorno in cui ciascun Istituto venisse messo in condizione di avviare la suddetta sperimentazione.

Ora, quindi – continua la nota – i dirigenti scolastici decidono unilateralmente e senza essersi confrontati prima, peraltro e ancora una volta con i loro Collegi Docenti, di non riconoscere il diritto all’istruzione in presenza per ulteriori altri giorni ai loro alunni. Questo diritto è previsto per i discenti, tra l’altro anche dall’articolo 34 della Costituzione e dall’art. 14 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e tutela, in questo momento storico, le esigenze di tutti, ossia delle famiglie, dei loro figli e anche di tanti docenti, stressati dalla dad e preoccupati per l’apprendimento e il disagio dei propri alunni che hanno il diritto allo studio, ma anche il dovere, soprattutto se un decreto legge nazionale lo prevede“. 

Gli alunni prossimi agli esami di Stato sono tra i più preoccupati e auspicano un ritorno in presenza al più presto.

Ma anche gli altri studenti hanno già perso troppi giorni di scuola in presenza rispetto ai loro colleghi del resto d’Italia, proprio per via delle ordinanze provinciali che hanno disciplinato l’istruzione in maniera diversa, penalizzando però i nostri alunni dell’Alto Adige. Molto preoccupati, e giustamente, sono anche i genitori dei bambini o ragazzi autistici o che hanno altri disturbi di salute simili e che sanno cosa significa per i loro figli  introdurre forzatamente e da soli due volte a settimana un tampone nel naso col rischio che si facciano male e sapendo che, in generale, non amano il contatto:

Questi genitori hanno dovuto scegliere se dare il consenso per il tampone veloce, rischiando la salute dei loro figli o non dare il consenso, permettendo alla scuola di lasciarlo a casa, lontano dai suoi compagni di classe e in dad. Ma anche la Nota prot. 662 del 12 marzo 2021 del direttore generale del Ministero riferita al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 2 marzo 2021, articolo 43 – alunni con bisogni educativi speciali e degli alunni con disabilità prevede “l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali […]”.

Inoltre anche la vicina Provincia di Trento ha chiuso le scuole solo se il resto d’Italia le chiudeva, evidentemente perché consapevole dell’importanza dell’istruzione in presenza per i nostri bambini e ragazzi. Si costringono i nostri alunni della Provincia di Bolzano a non tornare in presenza a scuola: prima se non fanno i tamponi veloci e poi perché i kit di quest’ultimi non ci sono. E li si abitua passivamente alle fonti di diritto provinciali invece che a quelle statali, come se fosse normale, chiedendo loro e alle loro famiglie di scegliere se tornare a scuola in presenza o no, quando la frequenza dovrebbe essere scontata e obbligatoria. 

È auspicabile, inoltre, vista la pericolosità del materiale utilizzato per fare i test rapidi in un ambiente chiuso e affollato, come quello scolastico, che gli istituti non effettuino i tamponi veloci all’interno delle aule, ma in uno spazio adeguato  o, meglio ancora, all’aperto, nei cortili delle scuole, così come è auspicabile che i tamponi non vengano fatti durante l’orario scolastico, affinché gli insegnanti possano fare lezione senza interruzioni continue e andare avanti col programma.

Il ruolo dei dirigenti è quello di saper scegliere per il bene dei propri alunni sempre, anche quando questo implica delle decisioni importanti. Del resto i loro stipendi e le loro indennità annue sono così alti proprio perché prevedono delle grandi responsabilità, delle scelte sofferte per il bene di tutti e un comportamento che sia da esempio per la società“. 

 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale
    La recente situazione pandemica sta avendo un impatto travolgente sui mercati e sull’economia generale, mettendo in discussione il ruolo stesso dell’azienda che dovrà necessariamente evolversi per assecondare nuove variabili. L’attuale situazione economica: In questo contesto,... The post Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale appeared first on Benessere Economico.
  • WORKATION – Lavoro vista mare o monti
    Il nuovo trend che interessa anche gli operatori del ricettivo Mare, montagne, lago, acqua, natura. Chi non sogna di lavorare stando in vacanza? Pensate ad una riunione vista Dolomiti, ad una pausa pranzo in un... The post WORKATION – Lavoro vista mare o monti appeared first on Benessere Economico.
  • I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro
    Che i soldi non facciano la felicità è probabilmente vero, ma è altrettanto inconfutabile che siano un potente rilassante. Nel nostro mondo dominato dalla cultura capitalistica, il denaro è diventato una pietra angolare della struttura... The post I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro appeared first on Benessere […]
  • Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo
    Le registrazioni nei corridoi, i box per le somministrazioni nelle sale riunioni: il protocollo firmato al Ministero del Lavoro da Confidustria e organizzazioni sindacali declina le possibilità del vaccino sui luoghi di lavoro. Il documento... The post Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona
    Anche per quest’anno è stato confermato il bonus cultura di 500 euro per tutti i neo 18enni nati nel 2002, ed erogato dallo Stato per l’acquisto di musica, corsi online, libri ed altre attività culturali.... The post Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona appeared first on Benessere Economico.
  • FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica”
    Il Fondo Monetario Internazionale propone la sua ricetta per aiutare i Paesi da uscire dalla crisi economica, suggerendo una tassa di solidarietà per finanziare le spese e i sostegni necessari a combattere la crisi. All’interno... The post FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica” appeared first on Benessere Economico.
  • Riscatto laurea, una possibilità per anticipare la pensione: modalità e costi
    Il nostro ordinamento consente di sfruttare il periodo universitario attraverso il riscatto di laurea che prevede di riscattare i contributi dei corsi a fini pensionistici. Nonostante questa possibilità esista da molti anni con costi particolarmente... The post Riscatto laurea, una possibilità per anticipare la pensione: modalità e costi appeared first on Benessere Economico.
  • Trasformarsi in mense aziendali: una possibilità per ristoranti e bar di lavorare
    Nonostante le zone rosse e arancioni, per bar e ristoranti si apre una piccola speranza con la possibilità di svolgere servizio di mensa per le zone limitrofe. Come noto la conferma della divisione del Paese... The post Trasformarsi in mense aziendali: una possibilità per ristoranti e bar di lavorare appeared first on Benessere Economico.
  • Dichiarazione redditi 2021: tutte le novità sulle spese detraibili e l’obbligo di tracciabilità
    Con l’arrivo della primavera si entra nel vivo della dichiarazione dei redditi. Nei modelli di quest’anno debuttano alcune importanti novità la riduzione progressiva dei bonus fiscali per i redditi alti, l’obbligo di tracciabilità e i... The post Dichiarazione redditi 2021: tutte le novità sulle spese detraibili e l’obbligo di tracciabilità appeared first on Benessere Economico.
  • Settimana lavorativa da 4 giorni: un modello che funziona anche in Italia
    Alla luce del progetto pilota, il Governo spagnolo si avvia alla fase di sperimentazione che prevede di ridurre l’orario lavorativo dei dipendenti senza diminuirne lo stipendio: una settimana lavorativa di 4 giorni per un totale... The post Settimana lavorativa da 4 giorni: un modello che funziona anche in Italia appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza