Connect with us

Laives

Sequestro cibo animali Laives, Simba il Re della Crocchetta: “Non si tratta del nostro negozio”

Pubblicato

-

E’ stata diffusa oggi (23 gennaio) dal nostro quotidiano e dalla stampa locale la notizia di un’operazione dei Carabinieri di Bolzano che ha portato al sequestro di un consistente quantitativo di cibo per animali (più di 350 kg in tutto) ad alcuni negozi della provincia, compreso un esercizio pubblico di Laives a cui sarebbero stati sequestrati “circa 170 confezioni di alimenti per cani con data di scadenza già passata e circa 20 scatole di cibo con etichette non conformi ai requisiti di Legge“.

A questo proposito, i gestori di “Simba Re della Crocchetta” di via Kennedy a Laives, attraverso la propria pagina Facebook, hanno tranquillizzato i propri clienti e tutti i conoscenti che da anni frequentano e stimano il negozio per la professionalità che lo contraddistingue, che l’esercizio pubblico non è in alcun modo coinvolto nell’indagine né ha subito alcun tipo di sequestro di merce da parte delle forze dell’ordine.

L’esercizio oggetto delle indagini, il cui nominativo non è stato possibile diffondere a mezzo stampa, poteva rischiare di essere associato a quello dei proprietari del noto negozio laivesotto.

Pubblicità
Pubblicità

Si legge nel comunicato:

Siamo venuti a conoscenza della notizia apparsa sulla stampa e i social media in riferimento al maxi sequestro di 350Kg di materiale scaduto. Facciamo presente che la notizia non riguarda la nostra attività.

Simba ringrazia i suoi fedeli clienti e continuerà il suo lavoro come sempre, con tanta dedizione, amore e passione per i nostri amici animali.

Ci dispiace veramente che molte persone abbiano associato il nostro negozio a questa notizia. Un saluto, il Team di #Simba“.

Trattandosi di uno dei pochissimi negozi presenti nella cittadina della Bassa Atesina ad occuparsi del benessere degli amici animali, il rischio per gli esercenti poteva, in questo caso, essere chiaramente quello di venire associati a coloro che hanno commesso l’illecito oggetto di indagine da parte dei militari dell’Arma.

Tanti i commenti di solidarietà che hanno raggiunto il post degli esercenti. “Non sono stata minimamente sfiorata dal dubbio perchè avete fatto della vostra passione il vostro lavoro con tanto tanto amore per gli animali“, commenta una lettrice.

Nessun dubbio mi sfiorerà mai sul fatto che fate il vostro lavoro con dedizione e amore, perché voi amate davvero gli animali” tra i molti altri.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza