Connect with us

Politica

Stop al gasolio low cost per i tir, Kompatscher sta con Platter

Pubblicato

-

Molti autotrasportatori scelgono deliberatamente di transitare lungo l’asse del Brennero per oltrepassare le Alpi, perché in questo modo risparmiano molto sul prezzo del gasolio. Ecco perché appoggio pienamente il mio collega Günther Platter nella sua proposta di impedire ai tir di accedere alle stazioni di rifornimento a basso costo lungo l’autostrada nella valle dell’Inn“.

Lo afferma il presidente Arno Kompatscher, commentando l’annuncio effettuato dal collega tirolese.

Secondo il Landeshauptmann è importante che Alto Adige, Trentino e Tirolo continuino a lavorare fianco a fianco nell’ambito dell’Euregio per contrastare il traffico “deviato” sull’asse del Brennero e ridurne le ricadute negative per la popolazione e per l’economia locale.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo Kompatscher, quindi, tra le varie misure, “è importante ostacolare l’accesso al carburante a buon prezzo per i camion lungo il corridoio del Brennero, rendendo quindi concorrenziale il trasporto delle merci su rotaia“.

Politica

Tagnin si è dimesso da consigliere comunale

Pubblicato

-

Il consigliere comunale Mario Tagnin (Il Centrodestra Uniti per Bolzano) ha rassegnato le sue dimissioni questa sera.

L’annuncio è stato comunicato all’assemblea riunita come sempre in piazza Municipio, questa volta in seduta straordinaria per la discussione del progetto tram (lui non era presente).

Non un fulmine a ciel sereno, dato che la voce di un prossimo ritiro da parte del medico bolzanino girava da qualche mese. Pare inoltre che nelle ultime settimane il consigliere fosse meno attivo.

Pubblicità
Pubblicità

Tra le motivazioni, Tagnin ha parlato di nuovi impegni lavorativi che lo aspetterebbero nel breve periodo.

Al suo posto subentra Gerardo Scibelli.

Continua a leggere

Politica

Arezzo, il consigliere Marco Galateo (FdI) eletto nel Consiglio Nazionale dell’Anci

Pubblicato

-

Ieri ad Arezzo nel congresso annuale di Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani), alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il presidente rieletto del Consiglio Nazionale Enzo Bianco ha ratificato l’elezione del consigliere comunale bolzanino Marco Galateo.

Sono orgoglioso di essere stato eletto ieri nel ristretto e prestigioso Consiglio Nazionale dell’Anci – ha detto Galateo – . Ringrazio tutti coloro che hanno reso possibile la mia elezione, in modo particolare Giorgia Meloni che ha pensato e proposto il mio nome per questo ruolo importante a livello nazionale di relazione con i sindaci di tutta Italia, anche manifestando la volontà di rendere gli italiani dell’Alto Adige sempre più protagonisti nel rapporto tra cittadino e Stato. Porterò ancora più Italia a Bolzano e tanta, tantissima della mia Bolzano nel resto d’Italia“.

Nell’ambito dell’evento è stato rieletto il presidente ANCI Antonio Decaro, sindaco di Bari.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Politica

Tram, Oliveri: “Sindaco arrogante, si dimetta”. Oggi incontro informativo in piazza A. Frank

Pubblicato

-

Dichiarazioni che trasudano arroganza e mancanza di rispetto quelle del Sindaco Caramaschi che afferma di non voler tenere conto dell’esito del referendum se vincesse, solo per poco, il No“.

Parole di Rosanna Oliveri di L’Alto Adige nel cuore, sostenitrice della prima ora del NO al progetto del tram per il capoluogo e oggi presidente del Comitato No tram di Bolzano.

In questa occasione, si presentano le due date delle ultime serate informative riguardo al tram che avranno luogo oggi, mercoledì 20 novembre nella Sala Ortles in Piazza A. Frank e venerdì 22 in sala Anna Frank in Via Mendola. In entrambi i casi l’inizio è previsto alle 20.00.

Pubblicità
Pubblicità

Senza farsi troppi problemi il Sindaco sostiene di non voler tenere conto del parere dei suoi concittadini che dovrebbe invece rappresentare – continua Oliveri – così dopo aver dichiarato che chi è contro il tram non vuole bene alla città cercando di demonizzare l’avversario invece di affrontarlo con argomentazioni valide, dopo aver cercato di dividere la città in ‘buoni’ e ‘cattivi’, adesso il Primo cittadino utilizza la carta dell’arroganza facendo pesare la sua posizione istituzionale nei confronti dei cittadini.

In realtà è chiaro il tentativo di Caramaschi di scoraggiare il voto dei bolzanini che, leggendo le intenzioni del Sindaco, potrebbero essere tentati di non recarsi alle urne, vista l’inutilità del loro voto. Invitiamo invece i bolzanini ad esercitare il loro sacrosanto diritto di voto ricordando invece che solo una schiacciante vittoria del No spingerà il Sindaco e la Giunta a una riflessione.

È d’obbligo una riflessione a fondo di tutto: è vero che il referendum è solo consultivo ma un Sindaco che dichiara espressamente di non voler tenere conto del volere dei suoi concittadini non può essere più rappresentativo della sua città e quindi lo invitiamo a dimettersi immediatamente.

Da parte nostra combatteremo sempre contro ogni forma di autoritarismo“.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza