Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

Tour sulla sostenibilità a Ortisei: focus su mobilità e turismo

Pubblicato

-

In queste settimane cittadine e cittadini possono contribuire a dare forma alla strategia di sostenibilità per l’Alto Adige nell’ambito di una serie di eventi in tutta la provincia.

La prima tappa del tour è stata a Ortisei. Come plasmare il futuro in modo sostenibile? Quale tipo di futuro le persone desiderano davvero? Queste le domande cui la serata informativa con il Presidente della Provincia Arno Kompatscher e l’assessore provinciale alla mobilità Daniel Alfreider ha cercato di dare una risposta. Insieme ai rappresentanti della Giunta provinciale erano presenti il sindaco Tobia Moroder, la vicepresidente del distretto comunitario Christine Senoner, il presidente di Eurac Research Roland Psenner nonché la giornalista e moderatrice Sabina Drescher.

I partecipanti auspicano più diversità, cooperazione, bene comune e politica climatica per il futuro

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

La sostenibilità è un argomento importante per i partecipanti alla serata, come dimostra il sondaggio spontaneo tra i 120 presenti (4,4 punti su 5). In termini di economia e innovazione così come di educazione e cultura, i dati dell’Alto Adige sono positivi. Meno invece lo sono quelli in termini di natura e ambiente, secondo l’opinione dei presenti. Le sfide per l’Alto Adige in termini di sostenibilità sono i trasporti, il cambiamento climatico, la giustizia sociale, l’overtourism e la mancanza di lavoratori qualificati.

Per il futuro (2030) i partecipanti all’evento vorrebbero una maggiore diversità linguistica e culturale, uno stile di vita più moderno e digitale, così come una società solidale e, per quanto riguarda l’economia, più cooperazione e orientamento al bene comune. Ci dovrebbe essere una cultura politica partecipativa e una cooperazione nazionale e transfrontaliera. La politica climatica dovrebbe essere prioritaria, così come i metodi di produzione orientati alle risorse.

L’attuazione degli interventi richiede anni. Attenzione alla qualità della vita e alla compensazione

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Sulla base dei risultati dello studio, il professor Roland Psenner, presidente di Eurac Research, ha sottolineato vari sviluppi ambientali e le sfide corrispondenti, come il riscaldamento globale o il cambiamento dell’uso del suolo. “Spesso ci vogliono decenni dall’implementazione di misure di protezione ambientale e climatica al miglioramento concreto delle condizioni ambientali” ha sottolineato Psenner, sottolineando che il compito ora è quello di mettere in pratica la transizione.

“La sostenibilità comprende aspetti ecologici, economici e sociali, per i quali bisogna trovare un equilibrio affinché la società possa migliorare la propria qualità di vita, ha sottolineato il sindaco Moroder. Poiché la Val Gardena si è sviluppata molto rapidamente nel tempo, è difficile ora fare un passo indietroha detto Moroder.

Kompatscher: “L’Alto Adige clima-neutrale entro il 2050”

Il Presidente Kompatscher ha sottolineato: “Vogliamo raggiungere una vera neutralità climatica entro il 2050. In futuro è importante vivere e lavorare in un modo rispettoso delle risorse, il che non significa necessariamente rinunciare o fare meno, ma concentrarsi su ciò che è veramente necessario. Per contrastare l’estinzione di alcune specie animali e vegetali, le aree naturali vanno protette.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

L’Alto Adige è sulla buona strada, dato che un quarto del suo territorio è già protetto, ma anche l’agricoltura deve essere ristrutturataha detto Kompatscher. Secondo Kompatscher, l’Alto Adige deve orientarsi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals o SDG) delle Nazioni Unite. “Invitiamo tutti a partecipare all’elaborazione e all’attuazione della strategia di sostenibilità per rendere l’Alto Adige degno di essere vissuto in futuro” ha sottolineato Kompatscher.

Alfreider: “La cooperazione è necessaria per la mobilità dolce sui passi dolomitici”

La mobilità, come bisogno fondamentale della popolazione, dovrebbe essere progettata insieme in modo sostenibile, ha sottolineato l’assessore provinciale alla mobilità Alfreider. A tal fine, le tratte del trasporto sono state analizzate in dettaglio e, laddove possibile, è stato promosso il passaggio a una mobilità pulita e dolce. Per sostituire l’auto privata come principale mezzo di mobilità con il servizio pubblico, i servizi di autobus e treni saranno aumentati e saranno promossi gli spostamenti a piedi e in bicicletta, ha detto Alfreider.

Misure su mobilità e turismo per il 2022

Le domande dei cittadini hanno riguardato principalmente la mobilità e il turismo. Per una nuova gestione della mobilità per i passi dolomitici sono necessarie basi digitali e normative (ad esempio per le chiusure) e il rafforzamento della cooperazione costruttiva delle Regioni e dei Comuni interessati. Per il 2022 sono previste molte misure importanti, fra cui controlli più accurati e misurazioni del rumore per moto e auto, un limite di velocità e interventi contro il parcheggio “selvaggio“.

“Non dobbiamo intervenire solo sui passi, ma già prima guidando i visitatori. L’obiettivo a lungo termine è quello di limitare l’accesso” ha detto Alfreider. I grandi eventi come la Coppa del Mondo di sci dovrebbero essere usati come opportunità per investire nella mobilità sostenibile. Per una ferrovia della Val Gardena, c’è uno studio di percorso da parte della STA, ma attualmente nessun finanziamento.

La discussione ha anche toccato le misure previste dalla Giunta provinciale contro l’espansione delle grandi attività turistiche in relazione al numero di posti letto. Kompatscher ha ricordato al pubblico la necessità di porre limiti non solo per proteggere ambiente e la qualità dell’offerta, ma anche migliorare l’esperienza degli ospiti. Alla luce delle crescenti difficoltà nel trovare personale, è anche molto discutibile se abbia senso ampliare ulteriormente l’offerta.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige4 settimane fa

Referendum sulla democrazia diretta: il no stravince con il 76% dei voti

Bolzano4 settimane fa

Tamponamento nella notte in A22: più veicoli coinvolti

Politica4 settimane fa

Referendum, Urzì: sopravvive anche la clausola di garanzia per Bolzano e Laives voluta da Fdi, sconfitta di Svp/Lega/FI

Bolzano2 settimane fa

Incendio in centro a Bolzano: rogo causato dal malfunzionamento di una lavatrice

Bolzano4 settimane fa

Appiano, incidente tra due veicoli all’uscita della Mebo: una donna incastrata tra le lamiere

Bolzano2 settimane fa

Tragico scontro frontale in A 22, muore una donna bolzanina 77 enne. Gravi il marito e un bambino di 10 anni

Alto Adige3 settimane fa

Gli ospedali dell’Alto Adige sono ora cliniche universitarie

Alto Adige3 settimane fa

Rimorchio si stacca dal camion e blocca la strada del Renon

Alto Adige3 settimane fa

Ponte di Pentecoste: arrestati due stranieri, una denuncia e centinaia di verifiche durante i controlli del Commissariato di P.S. di Brennero

Merano4 settimane fa

Auto esce di strada e si ribalta su un sentiero forestale: una persona all’ospedale in gravi condizioni

Italia ed estero4 settimane fa

Codici: dietrofront di Costa sulle regole di imbarco, ora proceda anche a risarcire i crocieristi

Alto Adige4 settimane fa

Auto esce di strada e finisce in una scarpata: una persona viene trasportata in ospedale

Alto Adige4 settimane fa

Il Gruppo Volontarius cerca volontari per l’Emporio solidale di Piazza Mazzini a Bolzano ed a Merano

Alto Adige4 settimane fa

Coronavirus: 4 casi positivi da PCR e 45 test antigenici positivi, un decesso

Merano3 settimane fa

Merano, fuoriuscita di perossido di idrogeno nella lavanderia della Croce Rossa: allertati i Vigili del Fuoco

Archivi

Categorie

di tendenza