Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Verdi: “Dichiarare la provenienza dei prodotti di origine animale nelle mense dell’Alto Adige”

Pubblicato

-

Pubblicità


Pubblicità

In una mozione che verrà presentata nel corso della settimana di Consiglio provinciale dall’11 al 14 maggio, il Gruppo Verde dell’Alto Adige propone di favorire e incentivare maggiore trasparenza sui prodotti alimentari utilizzati nelle mense pubbliche.

Lo scandalo del giugno 2020 attorno al focolaio di Covid-19 esploso nel mattatoio Tönnies nel Nordreno-Vestfalia in Germania ci ha mostrato come possano essere terribili le condizioni di lavoro e di vita di persone e animali in quei luoghi – commentano i Verdi altoatesini – . In questa triste occasione tante cittadine e tanti cittadini altoatesini hanno anche appreso che la carne venduta nei banchi delle nostre macellerie dei supermercati non proviene da animali allevati e macellati sul territorio altoatesino, ma invece da grandi mattatoi di altri Paesi europei. I certificati di qualità dei prodotti animali non aiutano e danno anzi un falso senso di sicurezza.

Sempre più persone però vogliono sapere da dove viene il cibo che acquistano e che consumano. Dichiarare in modo trasparente da dove provengono i prodotti dà alle consumatrici e ai consumatori una grande libertà di scelta ed è vantaggioso anche per le ditte produttrici: le aziende che puntano sulla trasparenza vengono guardate con grande interesse. E anche l’agricoltura locale ne trarrebbe grande beneficio. Per lo meno nei negozi le consumatrici e i consumatori hanno la possibilità di vedere la provenienza della bistecca sulla confezione. Nelle mense, invece, per le pietanze che vengono servite pronte, questo non è possibile“.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Nella nostra mozione chiediamo di dichiarare la provenienza dei prodotti di origine animale usati nelle mense pubbliche. Sarebbe un primo passo nella giusta direzione. In altri paesi come la Svizzera si fa già, e con grande apprezzamento, anche nella ristorazione privata” spiega Brigitte Foppa.

Una proposta simile è stata già discussa a ottobre 2019. Allora la maggioranza aveva rifiutato la proposta con grande convinzione. Siamo curiosi di vedere se nel frattempo le cose, e le posizioni, sono cambiate.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Val Pusteria4 settimane fa

Pannelli fotovoltaici da balcone per attutire il caro-bollette

Vita & Famiglia3 settimane fa

Peppa Pig. Pro Vita Famiglia: RAI non trasmetta episodio con “due mamme”

Bolzano3 settimane fa

Giorgia Meloni sabato pomeriggio a Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

IPES, insostenibili per le famiglie gli importi delle spese condominiali richieste a partire da settembre

Italia ed estero3 settimane fa

Morta la regina Elisabetta, aveva 96 anni. Fine del regno più lungo della storia

Bolzano3 settimane fa

Benno Neumair in aula: tanta arroganza e poca chiarezza

Bolzano4 settimane fa

Bolzano, crolla un albero secolare nel centro città: un ferito in ospedale – L’IMPRESSIONANTE VIDEO

Alto Adige3 settimane fa

Sanità: formati dodici nuovi medici di medicina generale

Merano3 settimane fa

Il Vice Questore aggiunto Carlo Casaburi è il nuovo dirigente del Commissariato di P.S. di Merano

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, arrestato dalla Squadra Mobile un rapinatore seriale

Food & Wine4 settimane fa

Il vino Gewürztraminer: cos’è e come abbinarlo

Alto Adige4 settimane fa

Proporzionale Trentino Alto Adige, sondaggio: PD primo partito, Fratelli d’Italia sorpassa la Lega

Laives2 settimane fa

Tragico scontro auto – moto che prendono fuoco, due morti

Val Pusteria3 settimane fa

Incidente in moto nel tardo pomeriggio di ieri sulla strada tra Brunico e Falzes

Bolzano3 settimane fa

Furto del monopattino elettrico, subito individuati dalla Polizia di Stato ladro e ricettatore

Archivi

Categorie

di tendenza