Connect with us

Alto Adige

Volksbank e imprenditori chiedono un sistema bancario sostenibile per l’Alto Adige

Pubblicato

-

L’Alto Adige ha bisogno di un sistema bancario locale competitivo: su questo punto gli imprenditori e i vertici di Volksbank si sono trovati in perfetta sintonia durante il confronto avvenuto in occasione del Consiglio generale dei giorni scorsi presso la sede di Assoimprenditori.

Le banche sono un partner decisivo per la crescita delle imprese. Allo stesso tempo, un’economia sana che può contare su imprese competitive è un presupposto fondamentale per lo sviluppo degli istituti di credito“, spiega il Presidente di Assoimprenditori Alto Adige, Federico Giudiceandrea.

Nel confronto con gli imprenditori il Presidente di Volksbank, Otmar Michaeler, e il Direttore Generale, Johannes Schneebacher, hanno evidenziato come molte delle sfide future che dovranno affrontare le banche locali sono comuni a quelle delle imprese: l’attuazione dei requisiti normativi, l’adeguamento ai nuovi bisogni del mercato, l’innovazione continua e la digitalizzazione ne rappresentano esempi concreti.

Pubblicità
Pubblicità

Siamo convinti che le banche locali abbiano il compito di creare valore per il territorio – ha detto Michaeler sottolineando la necessità di una forte collaborazione tra banche e imprese locali – . Per farlo in maniera efficiente, in futuro sarà indispensabile un ulteriore sviluppo del modello di business ed una maggiore specializzazione che si focalizzi sui punti di forza dell’economia del territorio“, ha aggiunto Schneebacher.

Michaeler e Schneebacher hanno illustrato agli imprenditori i temi cruciali che guidano i possibili futuri sviluppi delle banche altoatesine.

I vertici della Volksbank ritengono che siano diversi gli scenari possibili in termini di opportunità e sostenibilità, tra cui la soluzione stand alone oppure l’aggregazione tra banche (locali e non), realizzando in tal modo economie di scala necessarie in considerazione dei costi importanti legati alla digitalizzazione e al presidio normativo e regolamentare.

Il forte radicamento e la conoscenza del territorio da parte delle banche locali rappresenta da sempre un punto di forza della nostra economia. È nell’interesse di tutti mantenere anche in futuro un mercato creditizio che sia particolarmente attento alle esigenze e alle specificità delle imprese altoatesine“, si è detto convinto il Presidente Giudiceandrea.

Nel successivo scambio di idee con gli imprenditori sono stati toccati molti temi attuali come l’accesso al credito, il costo del denaro, i nuovi servizi finanziari e la necessità di individuare sinergie tra gli operatori bancari locali.

Merano

Giorno della memoria a Merano: deposta una corona in via Zuegg

Pubblicato

-

Nell’ambito delle iniziative promosse dal Comune di Merano per commemorare il Giorno della Memoria, si è svolta questa mattina, presso il Luogo della Memoria di via Zuegg, una cerimonia ufficiale con deposizione di una corona.

Al rito hanno partecipato il sindaco Paul Rösch, il vicesindaco Andrea Rossi e rappresentanti della Comunità ebraica di Merano e delle Forze dell’ordine.

Il Luogo della Memoria è stato istituito ufficialmente nell’area dell’ex caserma Bosin il 27 gennaio del 2010. Una targa in marmo, apposta sul muro di recinzione, ricorda questo luogo di sofferenza. Durante la Seconda Guerra mondiale l’allora caserma per la guardia alla frontiera fu infatti trasformata in campo di concentramento.

Pubblicità
Pubblicità

Allestito come sottocampo del lager di Bolzano – inizialmente presso la vicina caserma Rossi – fu attivo dall’ottobre del 1944 fino all’aprile del 1945. Vi furono rinchiusi per motivi politici, bellici e razziali, e costretti a lavori forzati, uomini e donne di lingua e di religioni diverse.

Intorno al Natale del ’44 due giovani donne internate riuscirono a scavalcare il muro di cinta e a fuggire dal campo. Si salvarono grazie all’aiuto di alcune cittadine e di alcuni cittadini meranesi.

Continua a leggere

Alto Adige

Brennerlec, la sperimentazione di calcolo delle velocità in A22 arriva fino a Bolzano Nord

Pubblicato

-

Il progetto BrennerLec continua a crescere. Arrivato alla sua terza fase di attuazione, il programma di gestione dinamica della velocità sviluppato da Autostrada del Brennero per abbattere le emissioni inquinanti riducendo al contempo i tempi di percorrenza è ormai maturo per l’automazione: saranno sempre gli operatori del Centro assistenza utenti (Cau) ad attivare, o meno, i limiti di velocità dinamici, ma sia quelli studiati per ridurre le emissioni inquinanti, sia quelli approntati per aumentare la capacità dell’arteria sono ora “suggeriti” da complessi modelli di calcolo automatizzati.

Più nel dettaglio, a partire dalla fine del 2019, la sperimentazione della gestione dinamica della velocità in caso di traffico intenso – fino ad ora limitata al settore Trento centro-Rovereto sud – è stata estesa fino a Bolzano Nord (91 km), sempre in carreggiata sud.

I primi test sono stati effettuati durante le giornate di esodo turistico a cavallo tra dicembre e l’inizio di gennaio. In base ai volumi di traffico registrati in diretta e ai modelli previsionali, il sistema indica quando e di quanto limitare la velocità per fluidificare il traffico ed evitare i fastidiosi e pericolosi stop and go. Agli operatori resta la decisione finale.

Pubblicità
Pubblicità

L’applicazione dei limiti dinamici ha già dimostrato di poter ridurre i tempi medi di percorrenza, in caso di traffico intenso, del 34%.

In maniera analoga, di qui alla fine del progetto prevista per l’aprile 2021, funzionerà anche la seconda sperimentazione, quella limitata alla tratta tra Egna Ora e San Michele-Mezzocorona (in entrambi i sensi di marcia) e volta a ridurre l’inquinamento atmosferico.

Nelle prime due fasi, l’obiettivo principale è stato quello di misurare il rapporto tra limiti dinamici di velocità e riduzione delle emissioni.

I test hanno dimostrato che ridurre la velocità media dei veicoli leggeri di 14 km/h produce un calo delle concentrazioni di diossido di azoto del 10% a bordo autostrada – si legge in una nota di Autobrennero – . Solo grazie a questi test, condotti in 10 km, sono state risparmiate oltre 700 tonnellate di anidride carbonica.

I dati così raccolti hanno permesso l’introduzione di un sistema semiautomatico: grazie al complesso sistema diagnostico e previsionale realizzato dai partner tecno-scientifici del progetto, intrecciando in tempo reale i dati meteo, quelli sulla qualità dell’aria e sui volumi di traffico, il sistema informatico dedicato è in grado di proporre la scelta che, anche in questo caso, resterà agli operatori attuare. 

L’aiuto allo sviluppo di un progetto pilota sostenuto dalla Commissione Europea come modello di riferimento per l’intera Unione passa dalla collaborazione degli utenti. Per stimolarla, Autostrada del Brennero ha ideato un concorso a premi basato sull’utilizzo dell’App Shelly: più si rispettano le indicazioni sulla velocità e più premi si vincono. Per maggiori informazioni si rimanda al sito https://brennerlec.life/”.  

Continua a leggere

Alto Adige

Controlli dei carabinieri nel fine settimana: altre due patenti ritirate con alti tassi alcolici

Pubblicato

-

I carabinieri di Egna nella notte tra sabato e domenica hanno svolto diversi controlli a tutela degli utenti della strada.

Sono state impegnate una decina di pattuglie, impiegate su tutto il territorio della Bassa Atesina con più di sessanta veicoli e settantacinque persone controllate.

Tra questi, un uomo di quarantaquattro anni la sera di sabato, alla guida della propria utilitaria, è stato fermato a Laives.

Pubblicità
Pubblicità

Dal risultato dell’alcol test è emerso come il valore di alcol nel sangue, delle due prove previste, si è attestato sopra ai 2 g/l. Immediato il ritiro della patente, con sequestro del veicolo e denuncia alla Procura della Repubblica di Bolzano per guida in stato di ebbrezza.

Stessa sorte capitata a Salorno, quando, verso le 2 del mattino, un 48enne originario del posto è stato controllato a bordo del proprio suv mentre stava facendo ritorno a casa.

Il pre-test effettuato dai militari dell’Arma ha indicato come l’uomo avesse probabilmente ecceduto con il bere alcolici, ed infatti dal successivo test certificato, è risultato avere un tasso di alcol nel sangue di quasi quattro volte superiore al consentito.

La patente gli è stata ritirata ed il veicolo sequestrato con denuncia, anche in questo caso, per guida in stato di ebbrezza.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza