Connect with us

Politica

Accordo di giunta, Svp compatta: ecco il programma scritto con la Lega

Pubblicato

-

Il parlamentino allargato della Svp ha approvato con larga maggioranza l’accordo di coalizione con la Lega. Il 97% dei 519 avventi diritto hanno votato (senza voti contrari) sì.

Tutti i punti, che sono centrali per la Svp, sono stati presi in considerazione: la vocazione cristiano-sociale come anche il no a una politica dell’esclusione“, ha detto il segretario Philipp Achammer, ribadendo il ruolo centrale dell’autonomia l’Alto Adige.

E a nome dei rispettivi partiti, Philipp Achammer (SVP) e Carlo Vettori (Lega Alto Adige – Südtirol) hanno consegnato questo pomeriggio (8 gennaio) al presidente del Consiglio provinciale Thomas Widmann la dichiarazione di governo.

Pubblicità
Pubblicità

Prerequisito necessario, secondo il Regolamento interno del Consiglio, per la convocazione della seduta del plenum per l’elezione del Presidente della Provincia che dovrà avvenire entro 15 giorni.

L’accordo è sintetizzato in un documento di 58 pagine diviso in 9 capitoli che parla di sostegno all’Euro ma anche all’Europa dei popoli e delle regioni (definizione suggerita dalla Lega) con il rafforzamento dell’Euregio, un capitolo migranti con una politica che considera il valore di una forza lavoro necessaria in diversi settori e dell’assistenza secondo i valori cristiani, ma anche di “contrasto all’immigrazione incontrollata“.

Si legge nel documento che “chi non ha diritto di restare, deve lasciare la nostra provincia”.

Quasi nessun riferimento alla toponomastica, a parte il pensionamento della legge Durnwalder prima della discussione della Consulta.

E ancora l’ampliamento dell‘autonomia con l’acquisizione di competenze su ambiente e ordinamento dei comuni, l’integrazione con la conoscenza delle lingue locali, la parità di genere, le politiche per il lavoro e di sostegno alle aziende che reintroducono gli anziani nel mercato del lavoro.

In materia di Sanità, la nuova giunta programma la riduzione delle liste di attesa, la digitalizzazione e l’attuazione del piano sanitario provinciale e il rilancio dei distretti di periferia con l’alleggerimento dei pronto soccorso.

Non si parla più della questione dei punti nascita, argomento che più volte aveva visto Lega ed Svp su posizioni contrapposte.

Su infrastrutture e trasporti infine, si sottolinea la necessità di proseguire con i lavori del tunnel di Base del Brennero e l’uscita della Provincia da ABD, la società che gestisce l’aeroporto di Bolzano come previsto dal referendum del 2016.

I singoli sottocapitoli contengono dichiarazioni di principio sui rispettivi temi, seguite da alcune misure importanti ed esemplificative e, caso per caso, “completate da ulteriori misure ancora da valutare in dettaglio”.

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Politica

Guido Steinegger nuovo caporedattore dell’Ufficio stampa provinciale

Pubblicato

-

Ha preso servizio lunedì 16 giugno il nuovo caporedattore dell’Agenzia di stampa e comunicazione della Provincia, Guido Steinegger, il quale sarà affiancato sino al termine di questa legislatura dal vice-caporedattore, Michele Bolognini.

50 anni, originario di San Michele/Appiano, e residente a Lana, Steinegger ha studiato filologia germanica e scienze politiche e della comunicazione a Vienna, iniziando la propria attività giornalistica nella carta stampata austriaca.

Dal 1997 Guido Steinegger ha ricoperto il ruolo di addetto stampa del Bauernbund, diventando nel 2014 caporedattore della rivista “Der Südtiroler Landwirt”.

Pubblicità
Pubblicità

Nato e cresciuto a Bolzano, laureato in Scienze politiche all’Università di Padova, Michele Bolognini ha 43 anni ed è vice-caporedattore dell’Agenzia di stampa e comunicazione dal gennaio 2016. Il suo percorso professionale si è snodato fra tv, radio e carta stampata, portandolo ad occuparsi di politica, economia e sport.

Agenzia di stampa e comunicazione

L’Agenzia di stampa e comunicazione, diretta da Marco Pappalardo, occupa 11 giornalisti (10,6 posti di lavoro) e 7 “amministrativi”, e cura non solo l’attività rivolta ai media con comunicati, foto e video, ma anche l’informazione “diretta” ai cittadini sulle attività dell’amministrazione provinciale tramite il portale web delle news, recentemente ammodernato, e i canali social Facebook, Twitter e Youtube.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Politica

Omnibus, via al disegno di legge. Nuova anagrafe con profili genetici dei cani dal 2021

Pubblicato

-

Via libera della Giunta provinciale al disegno di legge omnibus, che modifica una serie di leggi provinciali nei più svariati settori: dalla scuola al personale, dalla tutela del paesaggio a caccia e pesca, dalla sanità all’innovazione, dall’edilizia abitativa agevolata al commercio. Tra le novità più importanti, spiccano quelle legate alle scuole dell’infanzia. Ora il testo, composto da 40 articoli, dovrà passare al vaglio delle competenti commissioni legislative prima di approdare in Consiglio provinciale per la discussione e l’approvazione definitiva.

Iscrizione alle scuole dell’infanzia

Rispetto al passato, alla luce del rafforzamento dei servizi alla prima infanzia su tutto il territorio, potranno essere iscritti alle scuole materne i bambini che compiono i 3 anni di età solo entro il mese di dicembre dell’anno in cui avviene l’iscrizione.

Pubblicità
Pubblicità

“Si tratta di un provvedimento volto ad agevolare chi lavora nelle strutture – ha spiegato il presidente Arno Kompatscher – e che consente di dividere in maniera più netta i compiti dell’assistenza alla prima infanzia da quelli di una vera e propria scuola”.

Per ovviare alla carenza di personale nell’ambito delle stesse scuole dell’infanzia, inoltre, verranno integrati e ampliati i requisiti per poter accedere al profilo professionale della collaboratrice pedagogica. Sempre in tema di scuola, infine, è stato deciso di estendere la rappresentanza nelle consulte provinciali di genitori e studenti, coinvolgendo anche le scuole professionali.

Anagrafe degli animali da affezione

L’anagrafe degli animali da affezione (ex anagrafe canina) è istituita presso il Servizio veterinario dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, e dal 1° gennaio 2021 dovranno esservi registrati i profili genetici degli cani, con costi a carico dei proprietari, mentre un’apposita sezione sarà dedicata ai cani considerati pericolosi.

Aumentano, infine, le multe per chi viola il divieto di lasciare vagare i cani: la sanzione passerà da 50 a 500 euro.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Politica

Indennità di funzione, i dirigenti dovranno restituire

Pubblicato

-

Una sentenza ha dichiarato incostituzionale la normativa provinciale che trasformava l’indennità di funzione dei dirigenti da elemento straordinario in elemento fisso della retribuzione. Per questo motivo, dopo aver consultato gli esperti di Avvocatura e Ripartizione personale, la Giunta provinciale ha approvato oggi (18 giugno) una serie di misure di natura sia tecnica che amministrativa per sanare la situazione.

Coloro che ricoprono incarichi dirigenziali continueranno a ricevere la propria indennità di funzione, ma la stessa diventerà parte variabile, ovvero legata all’incarico effettivo, e non più fissa dello stipendio, mentre tutti i dipendenti pubblici che in passato avevano un incarico dirigenziale e ora non lo hanno più (o non lo hanno in quella forma) non riceveranno più la relativa indennità di funzione.

In aggiunta a ciò, la Provincia è costretta ad avviare un procedimento per riscuotere da ogni funzionario le indennità versate in maniera “illegittima” dal 2009 ad oggi. Secondo quanto affermato dal presidente Arno Kompatscher, si stima che questa situazione coinvolga tra i 600 e gli 800 funzionari dell’amministrazione provinciale, ai quali ne vanno aggiunti altri 250 dell’Azienda sanitaria.

Pubblicità
Pubblicità

Le somme da restituire si aggirano tra gli 800.000 euro e il milione di euro per ognuno dei 10 anni, a fronte di una spesa totale per il personale provinciale che supera il miliardo di euro l’anno.

“Purtroppo – ha spiegato Kompatscher – i funzionari dovranno restituire queste somme pur non avendo alcuna colpa, e mi sento di dire che neppure coloro che hanno pagato queste indennità hanno colpe specifiche, in quanto hanno applicato leggi e accordi collettivi che erano in vigore e solo ora sono stati dichiarati incostituzionali. Apriremo un confronto con ogni singolo dipendente interessato da questo provvedimento, e prevederemo la possibilità di suddividere il pagamento in rate“.

Le misure approvate dalla Giunta provinciale prevedono anche la modifica del primo comma dell’articolo 1 della legge provinciale che disciplina l’indennità di dirigenza (legge 9/2017), nonchè una più generale revisione della legge provinciale sul riordinamento della struttura dirigenziale (legge 10/1992). “E’ necessario arrivare all’elaborazione di un modello che riesca a rispettare i principi generali dello Stato, pur conservando le particolarità e le caratteristiche peculiari dell’Alto Adige“, ha concluso Kompatscher.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza