Connect with us

Società

Compagnie telefoniche in cerca di lastrici solari

Pubblicato

-

Sono sempre di più i gestori di telefonia mobile interessati ad installare dei ripetitori su lastrici solari, terrazze o tetti degli edifici condominiali.

Spesso vengono contattati direttamente gli amministratori condominiali, ai quali viene richiesta la locazione di porzioni comuni per installare questi impianti.

La grande carenza di informazioni a disposizione dei proprietari rende difficile ragionare in modo avveduto e prendere la decisione migliore.

Pubblicità
Pubblicità

Consideriamo i punti principali da non perdere d’occhio.

Partiamo proprio dalla mancanza di informazione sui danni alla salute causati dagli impianti di ricetrasmissione.

Con sentenza del dicembre 2018, il TAR del Lazio ha condannato tre Ministeri (Ambiente, Salute e Pubblica Istruzione) per aver taciuto per anni sui pericoli per la salute connessi alle tecnologie della telefonia mobile.

Pubblicità
Pubblicità

La scienza indipendente ha raccolto ormai prove schiaccianti sulla pericolosità delle stesse per l’essere umano e per il suo ambiente, anche se trova, al momento, ancora purtroppo poco ascolto.

A questo punto risulta quanto mai azzardato offrire a chi inquina le superfici dei condomini.

Le offerte si aggirano comunque sui 10 / 20.000 euro all’anno, a fronte di valori commerciali che vari esperti stimano più vicini ai 200.000 euro.

Nel caso vengano accertate le responsabilità civili e penali di chi ha favorito la localizzazione degli impianti si rischia grosso, anche perché l’Amministratore o i condomini non si possono tutelare in alcun modo, dato che nessuna compagnia assicurativa al mondo è disposta ad offrire contratti in tal senso.

Pubblicità
Pubblicità

Quando tali impianti siano riconducibili al 5G (la quinta generazione della telefonia mobile), va detto che la procedura d’asta che ha portato in Italia alla vendita delle licenze è gravemente viziata dalla mancanza dei pareri sanitari previsti come obbligatori dalla Legge.

La responsabilità in capo a chi consente la localizzazione degli impianti va dunque ad accrescersi, perché non ci si può neppure rivalere sulle garanzie offerte dallo Stato.

Inoltre, il condominio che ospita gli impianti subisce un netto deprezzamento del suo valore: i proprietari si trovano dall’oggi al domani nella condizione di non poter più vendere le loro porzioni materiali.

Lo affermano diversi intermediari immobiliari, tanto che ad esempio in Austria l’Autorità Garante per le Telecomunicazioni (RTR) ha provveduto a stilare tariffari per standardizzare i relativi risarcimenti.

La giurisprudenza non offre un criterio standard per valutare quale maggioranza sia necessaria per approvare un contratto di locazione di parti comuni a terzi per installare una stazione radiobase.

Dalle considerazioni che precedono, i nostri giuristi propendono comunque per ritenere indispensabile l’unanimità dei consensi espressi in Assemblea dai proprietari del condominio.

Approvazioni adottate a maggioranza semplice o a maggioranza qualificata potrebbero essere impugnate facilmente da chi tra i proprietari risulta maggiormente danneggiato: ad esempio chi vive ai piani superiori, colpiti dalle radiazioni che ogni impianto produce anche verso il basso.

Spesso si verifica anche che i palazzi circostanti riflettano le radiazioni all’interno dell’edificio che ospita l’antenna.

Questo subisce anche microvibrazioni che possono giungere fino a minare la statica e la stabilità dell’immobile, come da anni studiano diversi studi tecnici di acustica e statica.

Infine, dal punto di vista fiscale non è del tutto chiarito se il condominio vada ad alterare con questa locazione la sua natura di soggetto passivo d’imposta: gli introiti sono connessi ad attività commerciali (intrattenimento), vanno dichiarati e tassati.

Varie interpretazioni giuridiche vedrebbero completamente stravolta la natura condominiale dei bilanci, che andrebbero assoggettati alla disciplina prevista per le società.

Va detto poi che i contratti predisposti dalle compagnie spesso contengono delle clausole poco chiare e svantaggiose per il locatore, soprattutto riguardo alle durate contrattuali, al tipo di garanzie e coperture offerte in caso di sinistro, alle possibilità di recesso del locatore.

Vale davvero la pena di considerare con superficialità le offerte che l’Amministratore ci presenta come tramite degli operatori telefonici?

NEWSLETTER

Alto Adige7 giorni fa

Indennità per i pendolari, in corso la revisione del sistema

Bolzano4 settimane fa

Pensionato le da un passaggio e lei lo rapina: 29enne bolzanina denunciata a Bolzano

Sport4 settimane fa

Foxes all’ultimo match casalingo del 2021: al Palaonda arriva l’Innsbruck

Alto Adige4 settimane fa

Bolzano, i problemi cardiaci gli impediscono di lavorare. Crowdfunding per Giancarlo

Economia e Finanza4 settimane fa

Tatuaggi e trucco permanente, rivoluzione da gennaio. Bonaldi: “No agli abusivi anche in Alto Adige”

Politica2 settimane fa

Il comandante degli Alpini da Kompatscher: Protezione civile e Covid

Società4 settimane fa

Messa di Natale, Muser: “Un Natale per ritrovare il senso di comunità”

Alto Adige3 settimane fa

Incidente con due macchine coinvolte in Valle Isarco: intervengono i vigili del fuoco

Società4 settimane fa

Centro ASDI, Cirimbelli lascia la direzione dopo 36 anni

Sport4 settimane fa

Il Val Pusteria espugna il Palaonda in rimonta: Foxes battuti 3 a 2

Bolzano3 settimane fa

Minaccia i passanti con forbici e martello: straniero bloccato in centro a Bolzano

Bolzano4 settimane fa

Daniela Mengoni è la nuova vicaria del Questore di Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

Val Badia: auto cade in un fossato. Vigili del fuoco in intervento

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: oggi 3 gennaio 39 casi positivi da PCR e 404 test antigenici, un decesso

Alto Adige2 settimane fa

Labers: cede il freno a mano e la macchina precipita. Salvo il cagnolino rimasto intrappolato all’interno

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le…

Il 2022 ribattezzato “l’anno dei weekend lunghi”: quali giorni approfittare per una gita fuori porta

Per gli amanti dei viaggi e delle gite fuori porta, il 2022 è stato ribattezzato come “ l’anno dei weekend lunghi”. Infatti, nei prossimi 12 mesi…

Alpe Cimbra: il drago nato da Vaia è già un #must da vedere

La Tempesta Vaia che ha colpito il nord Italia e l’arco alpino alla fine del 2018 ha lasciato senza ombra di dubbio enormi cicatrici su tutto…

Archivi

Categorie

Benessere Economico

RSS Error: A feed could not be found at `https://www.benessereconomico.it/feed`; the status code is `200` and content-type is `text/html`

di tendenza