Connect with us

Alto Adige

Covid, l’Alto Adige dice no alla ‘zona rossa’

Pubblicato

-

I nostri esperti sulla base dei dati sull’attuale situazione epidemiologica e degli sviluppi costantemente monitorati sono giunti alla conclusione che le regole attualmente in vigore possono essere confermate come tali, e che la riclassificazione dell’Alto Adige come zona rossa è avvenuta valutando in modo inadeguato alcune delle specificità altoatesine“.

Lo hanno comunicato ieri sera (15 gennaio) il presidente Arno Kompatscher e l’assessore provinciale alla salute Thomas Widmann annunciando di voler mantenere in vigore le norme stabilite con l’ordinanza n. 1 del 2021.

Le regole della nuova ordinanza

Pubblicità
Pubblicità

Le modifiche alle regole vigenti – ha comunicato il presidente della Provincia Kompatscher – riguarderanno solo pochi settori: l’asporto di cibi e bevande nei bar sarà ad esempio possibile solo fino alle 18. Gli impianti di risalita nei comprensori sciistici continueranno a rimanere fermi: niente riapertura dunque per il 18 gennaio come ipotizzato fino a qualche giorno fa.

Malghe, rifugi di montagna e attività di ristorazione che si trovano nelle aree sciistiche, presso le piste da slittino e nelle zone delle stazioni a valle degli impianti possono aprire dalle 8 alle 16, ma sono tenuti a rispettare rigide prescrizioni per garantire la sicurezza degli avventori: autorizzato solo il servizio al tavolo, solo su prenotazione e con un massimo di 4 commensali salvo che si tratti di persone conviventi.

L’ordinanza vieta anche la somministrazione e consumazione di superalcolici anche in aggiunta ad altre bevande, così come la vendita d’asporto di pasti e bevande. E’ vietata inoltre ogni forma di intrattenimento musicale e multimediale, sia all’interno che all’esterno. Le scuole restano aperte per la didattica in presenza così come sinora stabilito dalle norme vigenti per ciascun ordine scolastico.

Dialogo con Roma, riconsiderare i dati alla base della riclassificazione

La decisione del Governo rispetto alla classificazione dell’Alto Adige da zona gialla a zona rossa è stata accolta “con grande sorpresa” dalla Giunta. Per questo l’esecutivo ha chiesto subito all’Azienda Sanitaria un approfondimento relativo ai dati e si è riunito in seduta straordinaria. L’assessore Widmann si è detto “sorpreso e deluso: non possiamo accettare questa classificazione. Sarebbe un danno enorme per l’Alto Adige”.

Secondo Thomas Widmann gli organismi nazionali di valutazione della situazione epidemiologica avrebbero classificato la Provincia di Bolzano in modo errato per 4 dei 21 indicatori ritenuti dirimenti ai fini della classificazione: il numero dei test PCR, il numero dei casi su 100.000 abitanti e i letti Covid in terapia intensiva e nei normali reparti ospedalieri.

L’Azienda Sanitaria monitora costantemente i dati. Sulla base di essi l’Alto Adige può continuare a mantenere in essere le regole attualmente vigenti” si è detto convinto Widmann. Questa la linea che porterà avanti l’Alto Adige, che avvierà ora un confronto diretto con il Governo, illustrando i dati forniti dall’Azienda Sanitaria e chiedendo una riclassificazione.

Fino a quando non arriverà risposta dal Governo, saranno mantenute in vigore le norme sin qui in essere. Questi sono infatti i contenuti dell’ordinanza n. 2 del 2021 firmata in serata dal presidente Kompatscher. “Teniamo la situazione sotto osservazione. Se dovessimo registrare un significativo peggioramento dei dati procederemo – così come annunciato – rapidamente con le necessarie limitazioni”.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori
    Dal Governo si lavora a nuove regole per lo smart working post emergenza covid-19, tra queste la riduzione delle tasse in busta paga e sgravi per le imprese. Da luglio, Camera e Senato hanno presentato... The post Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori appeared first on Benessere […]
  • Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse
    Una delle novità anticipata dall’ex Ministro dell’università, Manfredi e concretizzata dall’attuale Cristina messa prevede ad allargare la no tax area per gli studenti universitari, comprendo i costi fino alla fascia reddituale di 22 mila euro.... The post Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse appeared […]
  • Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli
    Dall’Unione Europa arriva il via libera agli aiuti di Stato per le imprese italiane colpite economicamente dalla pandemia Covid-19. I gravi effetti economici causati dall’arrivo del Coronavirus stanno avendo ancora pesanti ripercussioni per le attività... The post Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli e le novità
    Anche quest’anno torna il bonus pubblicità per le aziende puntano su investimenti pubblicitari, con l’invio delle domande che partirà dal 1 fino al 31 ottobre 2021. Bonus pubblicità 2021 Per il 2021 -2022, il credito... The post Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli […]
  • Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri
    Da novembre 2021 i costi di revisione delle auto aumenteranno. Decisione concordata dai Ministeri dell’Economia e della Mobilità Sostenibile. Dal 1 novembre aumenti prezzi revisione auto L’aumento che inizialmente sarebbe dovuto partire il 30 gennaio,... The post Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri appeared first on Benessere Economico.
  • Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro
    Il Ministro dello Sviluppo economico, Giorgetti ha attivato un fondo pari a 140 milioni di euro a sostegno delle attività rimaste chiuse in conseguenza delle misure restrittive anti-Covid. In dettaglio Il fondo avvivato dal Ministero... The post Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus idrico, fino a 1000 euro per interventi ed efficientamento idrico della casa
    Tra i bonus introdotti nella legge di bilancio e ancora da attivare, trova spazio il Bonus Idrico, altrimenti noto come Bonus rubinetti o bonus bagno che punterebbe a favorire il risparmio di risorse idriche. Fino... The post Bonus idrico, fino a 1000 euro per interventi ed efficientamento idrico della casa appeared first on Benessere Economico.
  • Finanziamenti imprese in difficoltà, dal 20 settembre il via alla presentazione delle domande: come funziona
    Da qualche giorno, il Ministero dello Sviluppo economico, ha pubblicato il decreto contenente le modalità ed i termini per accedere al Fondo da 400 milioni destinato alle grandi imprese in momentanea difficoltà. Fondo imprese in... The post Finanziamenti imprese in difficoltà, dal 20 settembre il via alla presentazione delle domande: come funziona appeared first on […]
  • Smart working, i bonus fino a 1000 euro per lavorare da casa
    Con l’arrivo del covid lo smart working dopo con prepotenza nella vita di molti lavoratori ed aziende è diventato tanto importante da realizzare un bonus di 1.00 euro per chi lavora da casa. Proroga bonus... The post Smart working, i bonus fino a 1000 euro per lavorare da casa appeared first on Benessere Economico.
  • Data driven company, cos’è e i benefici di una gestione aziendale basata solo sui dati
    Da un’azienda digitale, a una tradizionale fino ad un’attività manifatturiera: ormai ogni tipologia di business affonda le proprie radici su dati che mettono in relazione diversi processi aziendali. Il valore dei dati all’interno di un... The post Data driven company, cos’è e i benefici di una gestione aziendale basata solo sui dati appeared first on […]

Categorie

di tendenza