Connect with us

Politica

Docenti in gravidanza, Uil Scuola all’attacco: “La Provincia applichi più tutele”

Pubblicato

-

La possibilità di un cambio di mansione per rispettare una donna in gravidanza in caso di compiti rischiosi è un segno di civiltà da parte di una società matura. Una legge lo prevede ma in Alto Adige, nel concreto, non si applica”.

Il sindacato della Uil Scuola con il segretario regionale Marco Pugliese lancia una richiesta forte alla politica provinciale e ai responsabili delle pari opportunità.

Solo nel nostro territorio accade. Prendiamo una donna che lavora nella scuola dell’infanzia, quindi in ambito statale: non avrebbe diritto a richiedere, per esempio, di non cambiare i pannolini agli alunni. Basta che uno dei piccoli abbia la scarlattina per poter mettere in pericolo la lavoratrice in dolce attesa con agenti patogeni. Attenzione che non parliamo di gravidanze a rischio.

Nella scuola primaria possono verificarsi uguali condizioni di pericolo. Queste donne devono avere la possibilità di spostarsi almeno due mesi o quantomeno il periodo necessario alla loro massima tutela”.

Una norma di protezione, dunque, che sarebbe disapplicata in provincia di Bolzano.

Sì, ma a livello statale rappresenta la normalità. Mi sono occupato personalmente di scrivere alla commissione pari opportunità perché intervenga in una situazione che si sta facendo delicata con diversi casi di donne in difficoltà. Siamo di fronte ad un buco normativo evidente”, conclude Pugliese.

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza