Connect with us

Hi Tech e Ricerca

eTestDays: l’elettrico muove l’economia altoatesina

Pubblicato

-

Nel 2018 sono state 670 le domande di partecipazione all’iniziativa “eTestDays” per testare un’auto elettrica, cosa che hanno effettivamente potuto fare 61 aziende e imprese per quattro giorni nella loro quotidianità.

Ora inizierà la seconda edizione degli eTestDays che darà una nuova possibilità di convincersi dell’idoneità delle auto elettriche nel quotidiano, della loro utilità e convenienza economica.

Salire in macchina, mettere in moto e convincersi della potenza, silenziosità e piacere di guida dei veicoli elettrici: la mobilità elettrica deve essere provata in prima persona. L’iniziativa eTestDays mira proprio a risvegliare l’attrazione per questa tecnologia innovativa”, spiega Daniel Alfreider, assessore alla mobilità.

Pubblicità
Pubblicità

L’iniziativa si rivolge a tutte le aziende e imprese altoatesine e dà la possibilità di testare in prima persona un veicolo elettrico per quattro giorni nella quotidianità aziendale.

Dal 25 febbraio al 24 marzo tutti gli interessati possono fare domanda di partecipazione su www.greenmobility.bz.it.

Con un po’ di fortuna, a maggio 2019 si potrà testare un veicolo elettrico direttamente in azienda. Saranno messe a disposizione una gamma di veicoli elettrici a batteria e a idrogeno, nonché ibridi plug-in di costruttori automobilistici innovativi. Di particolare interesse è il veicolo da trasporto, quest’anno disponibile per la prima volta.

La partecipazione agli eTestDays per le aziende e le imprese è gratuita; solo i costi dell’energia per i processi di ricarica nelle aree private o aziendali sono a carico dell’azienda. Chi desidera ricaricare il veicolo presso una stazione di ricarica pubblica Alperia riceverà una tessera gratuita per tutta la durata dell’iniziativa.

L’iniziativa eTestDays è organizzata da Green Mobility della STA – Strutture Trasporto Alto Adige SpA, con il contributo di Alperia e viene sostenuta anche quest’anno dalle associazioni di categoria altoatesine (hds unione, Assoimprenditori Alto Adige, lvh.apa, HGV, CNA-SHV e Südtiroler Bauernbund SBB), da SWREA Economia Alto Adige e dalla Camera di Commercio di Bolzano.

Pubblicità
Pubblicità

Hi Tech e Ricerca

NOI Techpark: nuove officine e laboratori di cucina sperimentale. L’Open Day il 23 maggio

Pubblicato

-

Inventare, sviluppare, sperimentare, prototipare. Giovedì 23 maggio, dalle 10 alle 19, NOI Techpark apre le porte delle sue nuove «officine creative»: Kitchen Lab e Maker Space, luoghi in cui le idee diventano realtà.

Per inaugurare i due nuovi laboratori, invita esperti e curiosi, studenti e rappresentanti delle associazioni di categoria, aziende e startup a sperimentarli in prima persona, vivendo un’esperienza immersiva nel mondo della prototipazione.

Kitchen Lab è una cucina sperimentale in cui i professionisti del settore alimentare possono ottimizzare le fasi produttive e creare nuovi prototipi e prodotti-test avvalendosi di macchinari di ultima generazione per miscelare, cuocere, centrifugare, affumicare e finanche stampare alimenti in 3D.

Pubblicità
Pubblicità

Maker Space è il luogo in cui le competenze manuali degli artigiani incontrano la manifattura digitale, grazie a strumentazioni high-tech come tagliatrici laser, fresatrici CNC, presse a membrana e sistemi integrati di scansione e stampa 3D.

Tecnologie che consentono ad aziende e startup di realizzare prototipi con cui affrontare le sfide di un mercato che cambia sempre più velocemente.

Bioeconomia, food waste & design, fermentazione, stampa e scansione 3D: sono solo alcune delle aree tematiche che saranno affrontate nel corso dell’Open Day.

Guidati dagli esperti di NOI Techpark, i visitatori potranno partecipare a una giornata ad alto tasso di sperimentazione, innovazione ed ecosostenibilità, toccando con mano – letteralmente – i macchinari e ascoltando la testimonianza di chi ha già usufruito delle opportunità offerte dai due lab per sviluppare nuovi prototipi.

Accedere a Maker Space e Kitchen Lab significa, infatti, non solo utilizzare strumentazioni all’avanguardia, ma anche disporre di un’ampia gamma di servizi strategici nel campo della Ricerca & Sviluppo, affidandosi ai tecnici specializzati del parco tecnologico.

«NOI Techpark continua a crescere mettendo al centro infrastrutture e servizi dedicati a imprese, privati, artigiani e a tutti coloro che vogliono sperimentare, in prima persona, l’innovazione» – dichiara Ulrich Stofner, direttore di NOI Techpark.

LA RETE – Per dimostrare le opportunità a disposizione delle imprese locali, saranno presenti all’inaugurazione di Kitchen Lab e Maker Space anche i rappresentanti di Lvh.apa (Confartigianato imprese Alto Adige), Hds (Unione commercio turismo servizi Alto Adige), Südtiroler Bauernbund (Unione Agricoltori e Coltivatori Diretti Sudtirolesi) e Hgv (Unione degli albergatori e pubblici esercenti dell’Alto Adige).

Inoltre, condivideranno le loro esperienze con i presenti, nel nome di una cucina e di una manifattura sempre più innovative e rispettose della natura: Paula Oberhöller, cofounder della pasticceria Oberhöller, indiscussa “manifattura” del cioccolato gourmet, Valentina Cramerotti di IDM Creative Industries, Matteo Scampicchio, professore alla Libera Università di Bolzano e responsabile del Food Technology Lab di NOI Techpark, Lorenza Conterno, Phd del Centro di Sperimentazione Laimburg, Raffaella di Cagno, professoressa alla Libera Università di Bolzano e responsabile del Micro4Food di NOI Techpark e gli studenti di design della Libera Università di Bolzano.

Ai fornelli, lo «chef – ingegnere» Mattia Baroni crea ricette sperimentali, mentre lo chef patron di Bad Schörgau Gregor Wenter e il cuoco con un passato da economista, Martin Hoyer di MH Cuisine, danno le loro visioni di innovazione in cucina.

LA PROTOTIPAZIONE – L’apertura dei due laboratori sarà occasione per riflettere sul valore del «prototipo», dal greco protos-typos, ovvero: primo esemplare di una serie di realizzazioni successive costruito per lo più artigianalmente. Ma cosa c’è tra il protos «primo» e il typos «tipo»?

Lo svela un percorso narrativo dedicato alle sette tappe della prototipazione dall’analisi delle premesse alla produzione dell’oggetto finale.

Un viaggio realizzato con pannelli e totem in reboard, innovativo materiale in cartone naturale eco-sostenibile, lungo alcune delle più interessanti invenzioni altoatesine: da Peter Mitterhofer, inventore della macchina da scrivere a Max Valier, indimenticato pioniere dell’astronautica e della missilistica, passando per Puni, la prima e unica distilleria italiana di Whisky, nata a Glorenza, nel cuore delle alpi sudtirolesi, fino a Skyr, lo yogurt prodotto secondo una ricetta islandese.

Prototipi ormai diventati storia che daranno impulso alle prossime invenzioni pronte a sbocciare tra Maker Space e Kitchen Lab.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Hi Tech e Ricerca

Foto al buco nero: realizzato a Bolzano il ‘cervello’ di antenne Alma

Pubblicato

-

Nello storico risultato raggiunto con la prima immagine scattata ad un buco nero c’è anche il contributo dell’Alto Adige.

Lo sanno i fratelli Vinicio e Roberto Biasi, fondatori di Microgate, un’azienda che dal 1989 opera a Bolzano nei settori dell’elettronica, informatica e aerospaziale.

Una trentina di dipendenti, di cui 9 ingegneri specializzati nei diversi rami, rappresentano il cuore dell’azienda.

Pubblicità
Pubblicità

Microgate ha potuto collaborare all’ottenimento di questo incredibile risultato scientifico realizzando il “cervello” delle antenne dell’osservatorio Alma, tra quelli che hanno permesso la realizzazione della foto del buco nero. La sfida? Quella di “spingere il progetto ai limiti della tecnologia”.

Il cervello delle antenne è la parte che controlla il movimento ed il puntamento e deve essere molto preciso per consentire di ottenere il risultato raggiunto. Inoltre abbiamo realizzato anche un sistema che permette di correggere distorsioni del puntamento dovute ad agenti atmosferici, come vento e temperatura“, ha spiegato Roberto Biasi.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Hi Tech e Ricerca

Museo di Scienze di Bolzano: le piante sopravvissero alla più grande estinzione di massa della storia

Pubblicato

-

Furono le piante le uniche forme di vita a sopravvivere alla più grande estinzione di massa della storia.

Lo rivela uno studio di Evelyn Kustatscher e Hendrik Nowak del Museo di Scienze Naturali di Bolzano ed Elke Schneebeli-Hermann dell’Università di Zurigo pubblicato oggi sulla prestigiosa rivista scientifica internazionale Nature Communications.

Il risultato rivoluziona il modo di pensare le dinamiche delle estinzioni di massa.

Pubblicità
Pubblicità

Tra i periodi Permiano e Triassico, circa 252 milioni di anni fa, le piante non subirono l’estinzione di massa che invece, com’è ormai documentato, fece scomparire la maggior parte degli animali, soprattutto marini.

L’articolo, dal titolo “No mass extinction for land plants at the Permian-Triassic transition”, è stato pubblicato oggi, 23 gennaio 2019, sulla prestigiosa rivista scientifica online open access Nature Communications (www.nature.com/ncomms), edita dal gruppo Nature.

Finora si pensava che la grande estinzione di massa del limite Permiano-Triassico avesse coinvolto sia gli animali che le piante, e che entrambi avessero reagito allo stesso modo agli sconvolgimenti che la produssero – chiarisce Evelyn Kustatscher – . Questa ricerca dimostra che non è così. Si verificò certamente la scomparsa di alcune piante, ma in una misura trascurabile rispetto a quella di oltre il 50 per cento dei generi o famiglie, come precedentemente supposto da alcuni studi. Ciò cambia di molto il nostro modo di ipotizzare le dinamiche di un’estinzione di massa”.

Questo risultato è frutto di due anni di intenso lavoro di raccolta e confronto di dati provenienti da tutto il mondo.

L’obiettivo era capire cosa successe alle piante in un arco temporale che inizia col Permiano superiore (260 milioni di anni fa) e si conclude col Triassico medio (circa 235 milioni di anni fa).

Abbiamo messo insieme e analizzato più di 34.000 record di spore e pollini e oltre 8.000 record di piante terrestri fossili di quel periodo”, spiega Hendrik Nowak.

Sulla base di essi, i tre ricercatori hanno condotto una vera e propria analisi della biodiversità globale e dei cambiamenti che la flora subì milioni di anni fa.

Fino ad oggi i microfossili di spore e pollini, molto più abbondanti rispetto ai macrofossili di piante, non erano mai stati utilizzati per uno studio di portata così ampia”, aggiunge Elke Schneebeli-Hermann.

Ma perché le piante reagirono in maniera del tutto diversa dagli animali alla grande estinzione di massa?

Non si sa ancora con certezza – risponde Evelyn Kustatscher – ma il motivo potrebbe risiedere nel fatto che le spore, e in particolare i semi, sono in grado di sopportare lunghi periodi di avversità prima di germinare, anche dopo centinaia di anni. Ciò naturalmente per gli animali non è possibile”.

Lo studio è parte del progetto “The end-Permian mass extinction in the Southern and Eastern Alps: extinction rates vs. taphonomic biases in different depositional environments” finanziato dall’Euregio Science Fund.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza