Connect with us

Società

FaceApp: l’App che ti invecchia derubandoti per sempre

Pubblicato

-

FaceApp è l’App che sta spopolando in tutto il mondo.

Questa App consente di modificare il nostro volto adattandolo ai diversi step biologici della vita, da giovane ad anziano, per poi condividerlo con i nostri amici.

Ma la maggior parte di chi usa  questa App e condivide le foto è consapevole di cosa sta concedendo?

Pubblicità
Pubblicità

Se si legge la nota informativa ci si accorge che si da il consenso all’azienda fornitrice del servizio di immagazzinare nei suoi server le foto dei nostri volti.

Dati biometrici sui quali non avremo più nessun controllo. Dati che l’azienda potrà sfruttare per addestrare le reti neurali e i sistemi di intelligenza artificiale sui quali la società produttrice di FaceApp sta lavorando.

L’azienda opera nella madre Russia, più precisamente a San Pietroburgo, quindi fuori dalla giurisdizione Europea.

Ancora una volta concediamo gratis e solo per strappare una risata ad un amico che manco reputiamo tale su Facebook o Instagram, i nostri dati.

Queste App sfruttano l’ignoranza delle persone, le quali non percepiscono il furto al quale sono soggette.

Accettando i termini concessi a FaceApp una licenza perpetua, irrevocabile, non esclusiva, esente da diritti a livello mondiale, trasferibile per utilizzare, riprodurre, modificare, adattare, pubblicare, tradurre, creare opere derivate da, distribuire, eseguire pubblicamente e mostrare sul contenuto dell’utente,  la nostra immagine.

Lo sosteniamo da tempo, nel futuro la linfa vitale dell’economia, l’asse digitale più redditizio, il fattore produttivo più remunerativo sarà il Dato.

Non siamo ancora pronti per capire di cosa siamo depredati ogni qualvolta accediamo ad un servizio somministratoci dalle aziende tecnologiche.

Ancora di più se queste aziende non hanno sede in Stati che adottano una regolamentazione sulla privacy restrittiva.

Ad essere schedato e sfruttato non sei solo tu ma anche la foto che carichi della tua compagna, del tuo amico e tutto quello che in essa è contenuto.

Un semplice e divertente gioco che ci espropria della nostra privacy e del nostro controllo su di essa.

FaceApp ci fa sorridere ora, ma un domani potrebbe risultare un brutto scherzo.

Pubblicità
Pubblicità

Società

Space Camp 2019: settimane estive all’insegna dell’astronomia

Pubblicato

-

È uno degli eventi culminanti del programma estivo per ragazzi in Alto Adige: lo Space Camp nell’astrovillaggio di San Valentino in Campo.

46 bambini a partire dalla terza elementare quest’anno hanno partecipato alla settimana estiva all’insegna dell’astronomia, organizzata grazie a una stretta collaborazione tra lo Jugenddienst Bozen Land e il Planetarium Alto Adige.

Partecipare ad un’escursione nel cosmo, passeggiare lungo il “Sentiero dei pianeti“, cucinare una vera cometa e osservare il cielo notturno presso l’osservatorio astronomico “Max Valier” sono stati solo alcuni highlights del programma, che prevedeva inoltre la guida in remoto di un rover marziano, la costruzione di razzi, la visione del nuovo film in tre dimensioni “CAPCOM GO!” e una notte in tenda sotto il cielo stellato.

Pubblicità
Pubblicità

In poche parole, lo Space Camp 2019 è stato un gran successo e un evento all’insegna dell’avventura e del divertimento.

Il programma dello Space Camp nell’astrovillaggio di San Valentino in Campo si è dimostrato molto valido“, ha sottolineato Barbara Wild la presidente del Jugenddienst Bozen Land.

I bambini e giovani non vivono solo dei giorni estivi divertenti, ma contemporaneamente posso conoscere stelle e pianeti“, così Wild sulla buona collaborazione con il Planetarium Alto Adige.

Lo Space Camp è un’occasione imperdibile per entusiasmare i giovani verso i segreti dell’universo e per offrirgli una settimana indimenticabile“, hanno aggiunto Luca Ciprari e Hansjörg Ebnicher del Planetarium Alto Adige.

Molti di loro ritornano a San Valentino in Campo con le loro famiglie.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Società

Onorificenze tirolesi, 42 gli altoatesini premiati a Innsbruck

Pubblicato

-

Circa 200 persone, personalità che si sono particolarmente distinte per il proprio impegno a favore della comunità in vari ambiti, dal sociale allo sport, hanno ottenuto un segno di riconoscenza dalle mani dei presidenti del Land Tirolo e della Provincia di Bolzano, Günther Platter e Arno Kompatscher nel corso della cerimonia di consegna delle onorificenze tirolesi svoltasi presso la Hofburg ad Innsbruck.

42 altoatesini insigniti

Tra le 44 croci al merito consegnate, 9 sono quelle conferite ad altoatesini. Fra queste spicca quella conferita a Heinz Gutweniger, da 25 anni presidente del Comitato provinciale del CONI.

Pubblicità
Pubblicità

Delle 124 medaglie al merito, invece, 27 sono state consegnate a cittadini altoatesini. Fra questi vi sono Enzo Dellantonio, fondatore e presidente della cooperativa indipendent L, Gemma Fiorentino dell’associazione LILT e Mara Zussa, fondatrice e presidente dell’associazione Il Papavero – Der Mohn (vedi lista allegata).

6 cittadini dell’Alto Adige hanno inoltre ottenuto le medaglie per il salvataggio di vite umane per il loro impegno prestato in 3 interventi: si tratta dei vigili del fuoco volontari di Prato alla Drava Lukas Bachmann, Daniel Bachmann, Jürgen Bergmann e Karl Zwigl, nonché di Andreas Marth di Merano e di Mara Scantamburlo di Bronzolo.

A Innsbruck c’era anche Matteo Valorzi di 7 anni. All’età di 6 ha contribuito a salvare la mamma incastrata nella propria auto dopo un incidente chiamando il numero di soccorso e a trascinandola fuori dal mezzo.

Salvataggio di vite umane: le storie

L’esondazione della Drava a Prato alla Drava del 4 agosto 2015 aveva provocato uno smottamento sulla strada statale in direzione dell’Austria con caduta di massi e alberi. Durante i controlli i vigili del fuoco volontari Lukas Bachmann e Daniel Bachmann riuscirono a salvare un giovane motociclista bloccato con il suo mezzo dal fango.

Nel frattempo il comandante della compagna dei vigili del fuoco volontari di Prato alla Drava Jürgen Bergmann assieme a Karl Zwigl riuscirono a salvare i tre occupanti di un’automobile, bloccata dallo smottamento in un flusso d’acqua di oltre 1,5 metri, facendoli uscire dal tettuccio dell’auto, e poi salvarono gli occupanti di una seconda auto bloccata.

Il guidatore, uscito dal veicolo, era riuscito a raggiungere un punto più elevato rispetto ai flutti e la moglie era rimasta bloccata nell’auto. Il 26 settembre 2018, invece, Andreas Marth riuscì a trarre in salvo da solo 7 persone da un condominio andato in fiamme in piazza S. Vigilio a Merano e, quindi, ad aiutare i vigili del fuoco a far evacuare altre 7 persone.

Mara Scantamburlo, infine, il 6 marzo 2019 aveva accompagnato un gruppo di giovani del gruppo giovanile Flowers di Bronzolo alla piscina di Naturno, e riuscì a recuperare un bimbo di 4 anni avvistato da una collega in fondo alla vasca e a salvarlo dopo avergli praticato un massaggio cardiaco.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Società

Gola del Bletterbach: giovedì 22 agosto il cielo si osserva al telescopio

Pubblicato

-

Di notte la gola del Bletterbach, il “grand canyon” dell’Alto Adige, è senza dubbio ancora più suggestiva.

In questo scenario privilegiato giovedì 22 agosto, alle ore 20, il Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige organizza una serata di osservazione del cielo.

Con l’aiuto di due telescopi e la guida dell’astrofisico David Gruber, direttore del museo, e del geologo Benno Baumgarten si scruterà quindi non verso la gola, ma verso l’alto per individuare stelle e pianeti come Saturno e Giove.

Pubblicità
Pubblicità

I due scienziati spiegheranno anche come sono nati i corpi celesti e quali caratteristiche geologiche abbiano.

Il punto di ritrovo è alle ore 20 al centro visitatori del Geoparc Bletterbach ad Aldino. La serata si terrà in lingua tedesca. Partecipazione gratuita.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza