Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Italia ed estero

Gli ambientalisti tornano alla riscossa con il “pippotto” sulla fine del mondo

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità


CODICE ROSSO- Si comincia in questi giorni a risentire parlare degli ambientalisti e del pericolo dei cambiamenti climatici. Secondo quanto affermato da un rapporto sul clima del gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico, l’autorità principale sul tema, la temperatura globale starebbe sforando sulla tabella di marcia per il limite di 1,5 gradi in aumento entro i prossimi venti anni. Era infatti di 1,5 gradi il limite invalicabile fissato dagli accordi di Parigi.

Proprio per questo il gruppo intergovernativo ha presentato l’ennesimo rapporto. Dentro il documento non viene asserita alcuna novità ma vengono solamente ribaditi dei dati imparati a memoria per osmosi da chiunque abbia letto due articoli di giornale negli ultimi cinque anni.

GLI SCOOP DELL’IPCC- Secondo il gruppo infatti sono in atto dei cambiamenti senza precedenti negli ultimi 125mila anni. Continuerebbero poi a salire i livelli dell’anidride carbonica. Colpa delle aziende e delle automobili. Il mare poi, starebbe aumentando sempre più il suo livello. Insomma si arriverà ad avere la spiaggia sul Passo Pordoi. 

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ma il peggio, secondo loro, deve ancora arrivare. I cambiamenti se continuiamo così fra pochi anni saranno irreversibili e a breve succederà il finimondo. Le inondazioni, le siccità e gli incendi saranno all’ordine del giorno.

TUTTA COLPA NOSTRA- Secondo lo studio inoltre, sulle cause di tutto questo disastro ambientale non ci sarebbero dubbi. Tutta colpa nostra. Tutta colpa delle imprese. I cambiamenti climatici in realtà ci sono sempre stati. Come ha detto il premio Nobel Carlo Rubbia in un suo intervento come senatore a vita infatti: “Il clima della terra è sempre cambiato. Oggi noi pensiamo che se non facciamo nulla e se teniamo la CO2 sotto controllo, il clima della terra resterà invariato.Non è assolutamente vero– poi continua il Nobel per la fisica in un suo intervento del 2019– Vorrei ricordare che dal 2000 al 2014 la temperatura della Terra non è aumentata: essa è diminuita di 0,2 gradi e noi non abbiamo osservato negli ultimi 15 anni alcun cambiamento climatico di una certa dimensione. Questo è un fatto di cui tutti voi dovete rendervi conto, perché non siamo di fronte ad un’esplosione della temperatura.”

Questo era stato proferito dal premio Nobel per la fisica due anni fa. Apriti cielo. C’era stato il finimondo. Accuse di negazionismo, ostruzionismo e di complottismo si erano riversate sul povero Rubbia da tutte le parti. Fatto sta che il rapporto dell’ipcc in effetti si riferisce ad un’aumento delle temperature di 1,1 gradi dal diciannovesimo secolo ad oggi.Dunque, secondo quanto  asserito anche dal premio Nobel, non ci sarebbe prova di un aumento sostanziale negli ultimi anni. 

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

LA POSIZIONE AMBIENTALISTA- Buona parte della comunità scientifica è convinta che ci troviamo davanti ad un‘allarme di proporzioni globali. Secondo molti scienziati dovremmo evitare ad ogni costo ogni tipo di aumento di temperatura. Anche il tanto citato rapporto evidenzia la necessità di cambiare rotta ed andare verso un mondo più “green“. Il problema non sono tanto i propositi bensì le proposte.

Sono poche, pochissime le proposte avanzate per lo smantellamento dell’inquinamento evitando la distruzione del sistema economico. Parecchi sono i dubbi che possono affastellare la mente di ognuno di noi. Le aziende, già penalizzate dalla pandemia, dovrebbero abilitarsi e spendere preziose per la tutela ambientale? Il privato cittadino può, con molta forza di volontà, fare la differenza?

NEWSLETTER

Alto Adige6 giorni fa

In fuga dalla giustizia si è rifugiato in montagna, ma è stato tradito dalla propria personalità

Bolzano3 settimane fa

Tifoso bolzanino istiga dei giovani alla violenza contro dei supporters albanesi. Scatta il daspo triennale

Bolzano2 settimane fa

Scoperto magazzino di droga a Bolzano: 42enne denunciato

Bolzano3 settimane fa

Ancora problemi per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini. Il questore chiude il bar Cristallo

Alto Adige3 settimane fa

Frana a Longiarù, Val Badia (Video) proseguono senza sosta i lavori per limitare i danni. Evacuate 56 abitazioni

Alto Adige3 settimane fa

Alto Adige flagellato dal maltempo, alberi abbattuti, grandine e forte vento

Italia ed estero3 settimane fa

Strage a La Mecca: almeno 800 morti tra i pellegrini durante l’Hajj: cosa è successo

Bolzano4 settimane fa

Casa e lavoro del domani: visione sinergica per progettare il futuro di Bolzano

Sport3 settimane fa

Il Bolzano Baseball Club coglie la seconda vittoria sul campo amico

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Tragedia sui binari: donna investita e uccisa da un treno a Salorno

Alto Adige3 settimane fa

ConnX: La Rivoluzione della Mobilità Urbana Presentata da Leitner

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: 43 nuovi agenti rinforzano la Polizia di Stato

Bolzano3 settimane fa

Danneggia le autovetture in sosta in zone diverse della città e minaccia gli agenti

meteo8 ore fa

Allerta Meteo: temporali e venti forti previsti in Alto Adige

Bolzano3 settimane fa

Irrompe negli uffici della provincia, minaccia gli impiegati ed aggredisce gli agenti

Archivi

Categorie

più letti