Connect with us

Benessere e Salute

I problemi di dipendenza cambiano la famiglia

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

Problemi di dipendenza di un familiare scuotono l’equilibrio di ogni famiglia, affermano Maria Lintner ed Elisabeth Ortner, psicologhe e psicoterapeute di HANDS, in occasione della Giornata della Famiglia del 15 maggio.

L’associazione HANDS segue ogni anno nel Comune di Bolzano e dintorni circa 1.500 persone con problemi di alcol, farmaci e gioco d’azzardo. Se un familiare beve per anni, abusa di farmaci, è dipendente dal gioco d’azzardo o dai media, i parenti prima o poi si ammalano, hanno osservato i collaboratori di HANDS nel corso degli anni. Pertanto, l’accompagnamento e il sostegno dei familiari è estremamente importante. Una dipendenza rende la vita dei familiari imprevedibile. Proprio come i tossicodipendenti diventano gradualmente sempre più dipendenti, i familiari scivolano sempre più nella co-dipendenza.

La co-dipendenza è uno stato in cui si trovano i familiari quando giustificano il comportamento del o dei tossicodipendenti di fronte all’ambiente, mentono per la persona affetta, si liberano dei suoi problemi o svolgono i loro compiti.

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ad esempio, la madre di un figlio dipendente dal gioco d’azzardo, che è seguito da HANDS, riferisce di una passeggiata impressa nella sua memoria, durante la quale il figlio le ha detto di aver partecipato ripetutamente a scommesse calcistiche su Internet e di non avere più soldi.

La madre gli prestò del denaro, sicura che avrebbe smesso di scommettere online, visto che lo avevano privato dell’ultimo centesimo. Ma il giovane ha continuato a scommettere a sua insaputa, chiamandola mesi dopo da una vacanza in Sud America e chiedendole del denaro per finanziare il volo di ritorno. Lei lo sostenne di nuovo.

Poi le lettere di sollecito della banca arrivarono sempre più spesso, la madre disperata saldò i debiti: “Volevo credere in lui, non lasciarlo cadere“, dice. La donna dormiva male, non riusciva più a concentrarsi, non aveva più forza per se stessa.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Quando la banca l’ha ricontattata, ha deciso di non essere più a servizio di suo figlio. Ha cercato strutture di consulenza, si è imbattuta in HANDS, si è iscritta alla consulenza individuale, poi al gruppo di auto-aiuto, e successivamente ha cambiato il suo comportamento nei confronti del figlio: “Ho parlato con lui con calma, non l’ho rimproverato, ma mi è stato chiaro che non potevo dargli altri soldi“.

Anche il giovane era ormai pronto per un appuntamento al consultorio. Gli ha fatto bene parlare con una persona che, a suo dire, ha capito cosa provava. Oggi è tornato al lavoro, ha restituito parte dei debiti alla madre, parla apertamente dei suoi problemi di dipendenza con la fidanzata, ha reso partecipi anche il padre e la sorella e ha recentemente confermato di non aver giocato d’azzardo per un anno.

La psicologa e psicoterapeuta Maria Lintner riferisce che i parenti spesso credono che i familiari dipendenti siano incapaci di vivere senza il loro aiuto. Proprio come le persone dipendenti consumano le sostanze che creano dipendenza, i parenti vogliono portargliele via. Si alternano rimproveri, giustificazioni, minacce e promesse. “Per uscire dal dilemma della co-dipendenza, i familiari devono capitolare”, afferma la psicologa e psicoterapeuta Elisabeth Ortner. Si tratta di un atto attivo.

I familiari devono ammettere a se stessi di essere impotenti nei confronti della sostanza che crea dipendenza. Così facendo, rompono la resistenza e accettano la situazione così com’è. “Questo non significa che debbano approvarla“, sottolinea la collaboratrice di HANDS.

Maria Lintner ed Elisabeth Ortner raccomandano che i familiari colpiti ricevano comunque un sostegno esterno. In un gruppo di terapia o di auto-aiuto, i familiari possono imparare l’indipendenza e l’azione coerente, distaccarsi da falsi sentimenti di responsabilità e vivere una vita autonoma in cui i propri bisogni, interessi e benessere trovano spazio e vengono rispettati.

Le psicoterapeute portano l’esempio di una donna sposata con un uomo alcolizzato con cui ha due figli. La donna ha raccontato al centro di consulenza di un tipico messaggio WhatsApp serale in cui il marito annunciava di voler bere una birra dopo il lavoro con i colleghi e di essere a casa al massimo per cena. Sospettando che non avrebbe mantenuto la promessa, la moglie si è chiesta se dovesse chiamarlo per farlo tornare a casa prima di sprofondare nella palude dell’alcol.

Non l’ha fatto, gli ha mandato un messaggio a mezzanotte, lui le ha risposto che sarebbe arrivato presto, verso le 3 del mattino ha provato a chiamarlo, ma la batteria del cellulare era scarica. La donna ha raccontato a HANDS: “Faceva freddo e avevo paura che si fosse addormentato da qualche parte durante il tragitto e fosse morto di freddo o che fosse caduto e si fosse fatto male“.

Si chiedeva come sarebbe potuta andare avanti questa situazione con la sua famiglia, perché questo accadeva spesso, perché suo marito non smetteva di bere, per quanto tempo sarebbe stata in grado di sopportare tutto questo. La mattina presto lo sentì barcollare per le scale e prese la precauzione di aprire la porta per non svegliare i vicini.

Era di nuovo ubriaco, inciampò nel bagno e si addormentò sul water. Lei lo trascinò a letto perché i bambini non lo trovassero in bagno in quello stato, fu grata che fosse tornato a casa, ma si chiese con rabbia e disperazione come potesse andare avanti, perché non si rendesse conto di avere un problema di alcolismo e perché non volesse farsi aiutare.Se non lo fa, non posso fare altro che farmi aiutare per affrontare in qualche modo questa situazione, per me, per i bambini, per la nostra famiglia“, ha concluso la moglie preoccupata e ha contattato HANDS.

Quando una via d’uscita dalla dipendenza ha successo, il che non è affatto scontato, non significa che tutto torni come prima, affermano Maria Lintner ed Elisabeth Ortner. Molte cose saranno diverse e potranno funzionare solo se tutte le persone coinvolte sono pronte al cambiamento e allo sviluppo.

Da 30 anni si celebra la Giornata internazionale della famiglia, proclamata dalle Nazioni Unite nel 1993 per richiamare l’attenzione sull’importanza della famiglia per la società e lo Stato, il 15 maggio di ogni anno.

L’associazione HANDS è stata fondata 41 anni fa, nel 1982. La sede di HANDS si trova in viale Duca d’Aosta 100 a Bolzano ed è raggiungibile telefonicamente al numero +39 0471 270 924 oppure chiamando il numero verde 800720762 e inviando una mail a [email protected].

NEWSLETTER

Sport4 minuti fa

Il Campionato italiano arrampicata giovanili a Bressanone e Brunico

Bolzano30 minuti fa

Poliziotto e guardia giurata aggrediti e feriti. Arrestato operaio bresciano con l’ausilio dello spray urticante

Alto Adige53 minuti fa

Operazione interforze straordinaria di contrasto all’immigrazione clandestina nelle zone di confine

Merano18 ore fa

Terzo Green Team Meeting nel percorso dell’Azienda di Soggiorno di Merano per conseguire il “Marchio di sostenibilità Alto Adige”

Alto Adige18 ore fa

È nato l’Osservatorio Economico UIL-SGK per l’Alto Adige: una nuova risorsa per il monitoraggio del mercato del lavoro

Alto Adige19 ore fa

Bacini di accumulo: prima discuterne, poi pianificare

Trentino1 giorno fa

Sabato 25 al Palanaunia di Fondo serata sulla donazione organi e concerto bandistico

Trentino1 giorno fa

Maurizio Landini nel pomeriggio a Trento per promuovere il referendum sul lavoro

Trentino1 giorno fa

Ragazza trentina trovata morta a Roma

Bolzano1 giorno fa

Ancora aggressioni e minacce in pronto soccorso. Denunciati due stranieri ed evitato il peggio

Eventi1 giorno fa

Isadora Duncan ed Eleonora Duse, martedì 28 maggio al Teatro Rainerum di Bolzano

Alto Adige2 giorni fa

Operazione “crepuscolo”: sgominata associazione a delinquere operativa su 4 piazze di spaccio a Bolzano

Alto Adige2 giorni fa

Conferenze nelle scuole e visite alle Caserme dell’Arma: i Carabinieri incontrano oltre 1200 giovani studenti d’ogni ordine e grado

Bolzano2 giorni fa

Furti di biciclette: un fenomeno diffuso, ma mai sottovalutato. I Carabinieri denunciano uno straniero

Merano2 giorni fa

Il congresso d’aggiornamento dell’unione dei farmacisti tedeschi “Pharmacon”: una tradizione sessantennale a Merano

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport3 settimane fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi3 settimane fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Eventi3 settimane fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Bolzano2 settimane fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Trentino3 settimane fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crede di trovarsi di fronte ad un’occasione imperdibile, ma è tutta una truffa

Alto Adige18 ore fa

È nato l’Osservatorio Economico UIL-SGK per l’Alto Adige: una nuova risorsa per il monitoraggio del mercato del lavoro

Arte e Cultura5 giorni fa

Tirolo: un paese diventato località turistica. Se ne parla in un libro

Alto Adige3 settimane fa

Giustizia riparativa: Kofler: «uno strumento efficace per la nostra comunità»

Alto Adige5 giorni fa

Due “pendolari” dello spaccio arrestati al Brennero e riportati subito in Austria

Trentino2 settimane fa

Incidente mortale a passo Vezzena: motociclista 70enne perde la vita

Consigliati3 settimane fa

Scommesse sportive con deposito minimo basso

Italia ed estero4 settimane fa

Travolto da una valanga sul Cevedale: 26enne perde la vita davanti al fratello e agli amici

Bolzano4 settimane fa

Aggressione in discoteca: giovane percosso e contuso. Scattano gli accertamenti di pubblica sicurezza

Archivi

Categorie

più letti