Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Il bilancio provinciale ha portato diversi regali di Natale, ma non per tutti

Pubblicato

-

Questa legge di bilancio può essere descritta come impotente, deludente e senza visione.

Per il 2023 il bilancio provinciale può contare su circa 6,7 miliardi di euro. La Giunta provinciale premia e penalizza distribuendo “regali di Natale”, risorse che non andrebbe mai dimenticato sono frutto delle tasse versate dalle nostre imprese e dai loro dipendenti.  Analizzando spassionatamente il più corposo bilancio provinciale della storia si giunge alla conclusione che non è né innovativo né sostenibile, e non offre granché a cittadini e imprese.

Nella sua relazione, Paul Köllensperger ha sottolineato che “la Svp è molto più il partito di Franz Locher che quello del ‘verde’ Arno Kompatscher”. Per capirci: “Un partito conservatore, poco attento al tema della sostenibilità, sempre più concentrato sulla rappresentanza degli interessi di alcune categorie e sempre meno sui cittadini. 

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Gli esempi in tal senso sono purtroppo numerosi: la funivia privata di Tires – i cui abusi edilizi sono stati recentemente sanati in modo a dir poco rocambolesco – ha ricevuto più contributi di quelli che si vorrebbero concedere all’intero settore in termini di sgravi attraverso una riduzione delle imposte sull’Irap, attesa da tempo“.

Nel suo discorso Köllensperger ha affrontato anche i temi della digitalizzazione e della burocrazia: “Le leggi che aumentano la burocrazia sono scritte dall’amministrazione per l’amministrazione e lo stesso discorso lo si può fare per la digitalizzazione“. Soprattutto, Köllensperger chiede cheper ogni nuova legge, una vecchia deve essere abolita!“.

Franz Ploner ha descritto l’anno che sta finendo come un annus horribilis, dominato dalle polemiche sui problemi interni alla Svp, che hanno creato problemi a tutti“I cittadini senza lobby alle spalle stanno purtroppo perdendo la fiducia nella politica“. L’edilizia pubblica, i servizi sociali, le risorse per i dipendenti pubblici, i giovani, la sostenibilità ambientale, la ricerca e la cultura sono tutti sottofinanziati.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Inoltre, prosegue Ploner, anche se “abbiamo investito 1,5 miliardi di euro per il sistema sanitario provinciale, ma questa cifra non dice nulla sulla qualità del servizio offerto. Manca un vero riconoscimento del grande lavoro svolto da tutto il personale della sanità“.

Quando ripenso a quest’anno, c’è un elemento che accomuna tutti gli avvenimenti, ovvero la lunga attesa“, così Maria Elisabeth Rieder ha aperto il suo intervento al dibattito generale. La lunga attesa di chi costruisce una casa o compra un appartamento con grande sforzo, la lunga attesa per la valutazione del fabbisogno di assistenza, l’attesa infinita dei dipendenti pubblici per gli aumenti salariali, i tempi di attesa negli ospedali, l’attesa per gli aumenti salariali per l’assistenza ai neonati, la lunga attesa per la parità di genere e non ultima la lunga attesa del ceto medio dall’essere semplici pagatori all’equa distribuzione e ridistribuzione dei fondi.

Le persone si attendono soluzioni“, ha detto Maria Elisabeth Rieder nel suo discorso, “per questo la Giunta provinciale  deve assumersi la responsabilità delle proprie decisioni ed impegnarsi a ridurre queste lunghe attese”.

Nel suo discorso Alex Ploner ha affrontato l’iniqua distribuzione degli stanziamenti del bilancio provinciale e la mancanza di efficienza nello spendere e investire un budget record. “Sento spesso dire ‘si hanno soldi per tutto, ma non per questo’ e non posso che essere d’accordo, perché ci sono 2,3 milioni per un Festival della sostenibilità, ma non ci sono abbastanza soldi nel bilancio provinciale per un secondo paio di scarpe ortopediche per le persone con disabilità deambulatorie“, sbotta Alex Ploner.

Analogamente, il bilancio per il 2023 e per i prossimi anni prevede molti fondi per progetti infrastrutturali – la costruzione di strade e ferrovie -, per grandi eventi come i Giochi Olimpici, ma per la cultura, l’istruzione, il volontariato, l’abbattimento delle barriere architettoniche, ci sono per lo più promesse, belle parole. In questo ambito mancano azioni politiche forti e scarseggiano i finanziamenti”, osserva Alex Ploner.

NEWSLETTER

Alto Adige4 settimane fa

Partirà una class action contro la Volksbank (Banca Popolare dell’Alto Adige)

Bolzano4 settimane fa

Muore a 42 anni Chiara Cantaloni, ricercatrice senior all’Eurac di Bolzano

Politica4 giorni fa

La moneta regionale dell’Alto Adige è sempre più vicina

Alto Adige4 settimane fa

Pedone investito da scooter in via Palermo, Repetto: «Giunta litiga invece di trovare soluzioni»

Bressanone4 settimane fa

Bressanone: corteo storico per l’Epifania

Alto Adige3 settimane fa

Valanga in Val Gardena, gravissimo un carabiniere

Alto Adige4 settimane fa

Resoconto attività 2022 della Polizia Postale e delle Comunicazioni e dei Centri Operativi Sicurezza Cibernetica

Merano3 settimane fa

Nuova raccolta dell’umido, falsa partenza, Zampieri (FdI): sulla gestione rifiuti Comune imbarazzante

Bolzano3 settimane fa

Sono ancora gravissime le condizioni di Giovanni Andriano, il 49 enne travolto ieri da una valanga il Val Gardena

Laives3 settimane fa

Laives, auto ibrida prende fuoco mentre è in carica: i vigili del fuoco evitano il peggio

Sport4 settimane fa

Jannik Sinner: la straordinaria carriera del campione bolzanino

Alto Adige4 settimane fa

Termeno, crolla un pezzo dell’autolavaggio sulla macchina: intervengono i vigili del fuoco

Politica1 settimana fa

Parcheggio Cimitero sud a Oltrisarco, approvata la proposta di privatizzazione dell’area sosta camper

Bolzano4 settimane fa

Dal 4 gennaio 2023 SEAB raccoglie gli alberi di Natale

Alto Adige4 settimane fa

Sicurezza cibernetica “Trentino Alto Adige”. Attività svolta e risultati conseguiti nel corso dell’anno 2022

Archivi

Categorie

di tendenza