Connect with us

Arte e Cultura

Le donne e la venerazione di Hitler: il 29 maggio la presentazione del libro

Pubblicato

-

Il libro “Le donne e la venerazione di Hitler” affronta per la prima volta il rapporto tra la Lega delle ragazze tedesche (Bund Deutscher Mädel, BDM) – l’organizzazione giovanile femminile nazista – ed il Tirolo.

La monografia offre spunti di riflessione sull’entità, sul significato e sul funzionamento di un’istituzione mediante la quale alcune donne ebbero possibilità di far carriera nel Terzo Reich.

L’autrice Claudia Rauchegger-Fischer ha vagliato trenta interviste realizzate con ex iscritte alla Lega, esaminandone le storie di vita e le attività nel BDM prima e nella Staatsjugend poi.

Claudia Rauchegger-Fischer è docente di Didattica della storia presso l’Università di Innsbruck, collaboratrice di www.erinnern.at ed autrice di testi scolastici.

L’appuntamento è per mercoledì 29 maggio 2019, ore 20, alla Biblioteca provinciale Teßmann in via A. Diaz 8 a Bolzano.

Introduzione e dibattito sono a cura di Eva Pfanzelter (Università di Innsbruck).

 

Spettacolo

Con «En nombre de dios…!» stasera la storia vera sale sul palco al New Eos teatro-musica

Pubblicato

-

Óscar Romero: un uomo straordinario nella sua semplicità, un martire visto dall’ONU come figura-simbolo fra i paladini dei diritti umani.

La sua toccante vicenda e la relativa, drammatica pagina di storia contemporanea, torneranno protagoniste sotto forma di spettacolo multimediale a un anno esatto dalla canonizzazione dell’impavido prelato salvadoregno.

L’appuntamento è per STASERA/LUNEDÌ 14 ottobre al Teatro dello Spazio Costellazione di Bolzano (via Claudia Augusta 111), dove verrà rappresentato «En nombre de Dios…!», riduzione scenica in parole-musica-immagini di un libro di Francesco Comina.

Organizza il Circolo culturale Oltrisarco; inizio alle 20:30 e ingresso libero.

Un’occasione da non perdere, perché si tratta dell’ultima replica bolzanina di questa originale proposta, capace di tenere vive le emozioni e l’attenzione dello spettatore per un’ora filata, e che ha saputo farsi apprezzare ben oltre i confini provinciali.

Sul palco, New Eos teatro-musica Bolzano, con le voci narranti di Mara da Roit e Patrizio Zindaco e le musiche di Luca Dall’Asta, i quali in un serrato mix di narrazione, immagini-verità e musica dal vivo faranno scorrere gli ultimi due anni di vita di Romero.

Il racconto dei fatti di cronaca del Salvador – mattanze, sparizioni, incursioni degli squadroni della morte – si intreccerà al diario dettato al magnetofono da monsignore, dal quale emergerà tutto il suo impegno nell’opporsi alle ingiustizie perpetrate.

Fra i punti nodali: gli attentati a danno di cittadini inermi, il fenomeno dei “desaparecidos”, l’ostracismo verso monsignor Romero, che non a caso arrivò ad avere tutti contro fuorché ovviamente la gente comune.

E poi l’omelia-richiamo (contenente a più riprese la locuzione “En nombre de Dios!” che dà il titolo al lavoro), passata alla storia come uno dei discorsi più incisivi del novecento, ma che mise purtroppo il sigillo, implicitamente, a una condanna a morte già nell’aria, per Romero.

È il 24 marzo 1980 quando viene ucciso a sangue freddo da un sicario. Un frangente che, nella riproposizione scenica, toccherà il pubblico quasi certamente nel profondo. E non è un caso se molti anni dopo l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha dichiarato quella data «Giornata internazionale per il diritto alla verità sulle gravi violazioni dei diritti umani e per la dignità delle vittime».

In sala vi sarà anche una chicca artistica, cioè l’esposizione di un ritratto di Óscar Romero eseguito da Claudio Calabrese. Completeranno la serata due emozionanti minuti di ascolto della viva voce di Romero.

Continua a leggere

Spettacolo

BZ48H – Short Film Contest: vince il corto Pantagruel

Pubblicato

-

23 squadre, 140 concorrenti e una città da raccontare in sole 48 ore sulla pellicola. Dopo un weekend all’insegna dell’ultima inquadratura e l’attenta selezione della giuria si è svolto questa sera il gran galà di premiazione dei vincitori di “BZ48H short film contest” al Teatro-Cinema Rainerum.

Primo premio è andato al corto Pantagruel di Shoplifters, premiati anche Quasi attori di Toast Film, Influenced de La bottega del video e La fragola di The project open source.

I corti vincitori sono stati selezionati dalla giuria di qualità composta da Andreas Pichler, Martin Rattini e Viviana Carlet, e sono stati svelati solo questa sera al gran galà finale.

La cerimonia di premiazione, una vera e propria proiezione con red carpet e festeggiamenti finali, si è svolta ieri sera, sabato 12 ottobre 2019 a partire dalle ore 20.30, presso il Teatro – Cinema Rainerum, con la proiezione dei 10 corti finalisti e l’annuncio in diretta dei vincitori dei prestigiosi premi:

MIGLIOR CORTO BZ48H – GIURIA DI QUALITÀ: 1500€ assegnato dalla Giuria di Qualità è andato al team Shoplifters per il corto Pantagruel.

IDM FILM MENTORING PRIZE: un mentoring di regia del valore di 1000€ lordi offerto da IDM Film Fund & Commission è stato assegnato a La fragola di The project open source.

PREMIO CINEMA|TECH PANALIGHT SÜDTIROL: il premio consistente in un noleggio attrezzatura del valore di 3000€ lordi è andato al corto Influenced de La bottega del video.

PREMIO RAI ALTO ADIGE: selezionato da un rappresentante RAI, il film Quasi attori di Toast Filmverrà mandato in onda all’interno di uno speciale televisivo.

SPECIALE LAGO FILM FEST: per tutti i team partecipanti saranno disponibili gli accrediti per accedere alla 16° edizione di Lago Film Fest 2020.

La sfida proposta dal Comune di Bolzano e organizzata da Cooperativa 19 è alla sua terza edizione: un contest cinematografico che lancia ad artisti e filmmakers la sfida di realizzare un cortometraggio nel tempo limite di 48 ore, dall’ideazione alla post-produzione.

Rispetto al genere di appartenenza, c’è una libertà totale: fiction, documentario, videoclip, animazione, video arte. La sfida inoltre è aperta a tutti: professionisti, studenti di cinema e amatori, sia locali che provenienti da altre città.

A conferma del successo e dell’attenzione che la manifestazione ha richiamato negli scorsi anni, sono tanti e prestigiosi i partner di progetto che in varia misura contribuiranno alla buona riuscita della concorso, che anche quest’anno si svolge sotto la direzione artistica di Valentina Parisi e Giuseppe Zampella: Azienda di Soggiorno e Turismo di Bolzano , IDM Film Fund & Commission, Panalight Südtirol, Lago Film Fest, RAI Alto Adige, Vintola 18 – Centro di cultura giovanile, TeatroCinema Rainerum, BITZ unibz Fablab, Kellerei Bozen.

Continua a leggere

Arte e Cultura

Monteneve: Museo delle miniere aperto ancora fino al 15 ottobre

Pubblicato

-

Il massiccio del Monteneve, tra la Val Passiria e la Val Ridanna, è costellato da una rete di gallerie lunga 150 km. L’ex miniera, oggi museo all’aperto, il nuovo percorso espositivo, il villaggio dei minatori e il rifugio sono aperti al pubblico ancora fino a martedì 15 ottobre.

È lunga 800 anni la storia della miniera sul Monteneve, tra la Val Passiria e la Val Ridanna. Oggi quello che fu il più importante giacimento di piombo e zinco di tutto il Tirolo è un museo, che comprende numerosi percorsi sotterranei e all’aperto, l’ex villaggio dei minatori a oltre 2.300 metri di quota, il sistema di trasporto del materiale su rotaia più lungo d’Europa (27 km), un rifugio e uno spazio espositivo appena riallestito.

Esso presenta la storia della miniera a ritroso, dalle ultime ditte italiane che la sfruttarono fino al 1985, anno della chiusura definitiva, alle infrastrutture – tra cui l’impianto su rotaia – costruite nel periodo asburgico e all’epoca d’oro tra XV e XVI secolo, per finire con la prima menzione del giacimento risalente al 1237.

A breve questa sede del Museo provinciale Miniere chiuderà i battenti per la pausa stagionale: sarà infatti visitabile ancora fino a martedì 15 ottobre.

L’area mineraria di Monteneve è raggiungibile solo a piedi dalla Val Passiria in due ore circa o dalla Val Ridanna in quattro ore.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza