Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

La Provincia di Bolzano ha sostenuto le famiglie nel 2022 con oltre 113 milioni di pagamenti diretti

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

La politica per la famiglia della Provincia di Bolzano si basa su tre pilastri: rafforzamento delle famiglie, sostegno in materia di conciliabilità e sostegno finanziario. La base giuridica è stata posta dieci anni fa con la legge provinciale 8/2013.

La decisione di avere una famiglia è una scelta consapevole che richiede buone condizioni quadro“, ha sottolineato Waltraud Deeg, assessora provinciale alla Famiglia. “L’Italia ha ora compiuto una svolta copernicana nella politica familiare in quanto le famiglie sono ora sostenute universalmente e non solo nelle emergenze con l’assegno familiare unico“, ha ricordato Waltraud Deeg.

L’anno scorso, oltre 54.000 famiglie e 97.500 bambini in Alto Adige hanno ricevuto questo sostegno statale. Questo è un buon sviluppo, ma si sta ancora lavorando per ottenere ulteriori miglioramenti (ad esempio per i genitori single o per i genitori con figli adulti con disabilità) confrontandosi con le autorità competenti a Roma: “Le famiglie dovrebbero essere ulteriormente sgravate dalla burocrazia”, ha sottolineato l’assessora Deeg.

Più famiglie hanno ricevuto l’assegno provinciale per i figli

In occasione di una conferenza stampa svoltasi oggi (17 febbraio) a Palazzo Widmann, Eugenio Bizzotto, direttore dell’Agenzia per lo sviluppo sociale ed economico (ASSE), ha presentato una panoramica sugli assegni familiari per il 2022.

Complessivamente nel 2022 sono stati erogati alle famiglie altoatesine 113,5 milioni di euro: la maggior parte (circa 77 milioni di euro) sotto forma di assegni familiari provinciali. 36,3 milioni di euro sono stati erogati come assegni familiari provinciali “regolari”, 41,6 milioni di euro sono stati versati alle famiglie sotto forma di versamenti una tantum.

In termini di numero di beneficiari, l’assegno provinciale per i figli è al primo posto: un totale di 35.900 famiglie altoatesine ha percepito almeno una rata mensile dell’assegno provinciale per i figli nel 2022 (rispetto al 2021: 26.798 famiglie sostenute, 32,4 milioni di euro).

Grazie alla buona collaborazione con i patronati, numerose famiglie hanno potuto usufruire di importanti servizi di supporto“, ha affermato Eugenio Bizzotto, direttore dell’ASSE. Utilizzando due esempi pratici, Bizzotto ha mostrato come le modifiche, unite all’assegno unico statale, avrebbero avuto un effetto positivo su molte famiglie. Bizzotto ha spiegato che è positivo anche che continuino ad aumentare le richieste di copertura previdenziale dei periodi di cura ai figli.

Nel 2022 si registra, invece, un calo dei contributi versati: il direttore dell’ASSE Bizzotto lo ha spiegato con il fatto che più richiedenti stanno effettuando versamenti alla previdenza complementare (per la quale è possibile un contributo fino a 4000 euro), i versamenti alle casse pensioni, invece, sono stabili (qui il contributo regionale arriva fino a 9000 euro).

Una panoramica delle prestazioni familiari statali e provinciali è disponibile online sul portale della famiglia all’indirizzo https://www.provincia.bz.it/assegnifamiliari o nel nuovo opuscolo aggiornato “Prestazioni familiari in Alto Adige 2023“, che sarà presto disponibile anche presso i patronati.

2013-2023: 10 anni di legge per il sostegno della famiglia

La legge “Sviluppo e sostegno della famiglia in Alto Adige” (LP 8/2013) costituisce la base giuridica per gli assegni familiari, ma anche per numerose altre misure a favore delle famiglie altoatesine. Da quando è stata approvata nel maggio 2013, sono stati compiuti numerosi passi nelle tre aree prioritarie (sostegno precoceconciliabilitàsostegno finanziario), ha informato Carmen Plaseller, direttrice dell’Agenzia per la famiglia della Provincia.

Tra l’altro, va sottolineato in particolare che un bambino su tre di età compresa tra i tre mesi e i tre anni è ora assistito e accompagnato da una delle 226 Tagesmütter, in uno delle 105 microstrutture o in uno dei 15 asili nido. “Il trend qui è in aumento, come si vede dai feedback dei Comuni e degli enti di sostegno. Vogliamo sviluppare ulteriormente quest’ambito, poiché le famiglie altoatesine ne hanno bisogno”, ha sottolineato Plaseller.

Vogliamo continuare su questa strada, tra l’altro continuando a lavorare per ampliare e consolidare i due audit per i datori di lavoro favorevoli alla famiglia (audit famigliaelavoro) e per i Comuni vicini alla famiglia (Audit FamilyPlus – Familie leben, vivere la famiglia, viver la familia). Il 2022 è stato un anno di grandi sfide, ha dichiarato l’assessora Deeg: “Ora è importante migliorare le reti esistenti a vantaggio delle famiglie”.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Bolzano2 settimane fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero2 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Trentino4 settimane fa

Frana SS47 in Valsugana, riapertura in vista: si punta a marzo per il senso unico alternato

Alto Adige3 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Economia e Finanza4 settimane fa

L’AGCM interviene sul trasferimento di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank

Merano3 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Trentino4 settimane fa

Orso insegue due ragazzi in Val di Sole

Bolzano4 settimane fa

Arrestato a Bolzano latitante per reati familiari e droga dopo sei anni di fuga

Laives4 settimane fa

A Laives i cittadini sono esasperati dalla situazione rifiuti

Società2 settimane fa

Edilizia abitativa agevolata: approvato il nuovo programma di interventi

Politica4 settimane fa

La nuova giunta provinciale dell’Alto Adige è stata eletta dal consiglio provinciale

Sport4 settimane fa

Sesto Pusteria in festa per il trionfo di Jannik Sinner nel suo primo Slam

Politica3 settimane fa

Philipp Achammer lascia la guida della Svp dopo dieci anni

Politica3 settimane fa

Arno Kompatscher esclude il doppio ruolo di presidente e segretario della Svp

Laives2 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

Archivi

Categorie

più letti