Connect with us

Alto Adige

Mobilità a idrogeno: delegazione valdostana in visita a Bolzano

Pubblicato

-

Collaborazione per una mobilità sempre più sostenibile e acquisizione di informazioni sulla produzione di idrogeno come vettore energetico per lo sviluppo sostenibile e per la mobilità.

Questi sono stati gli obiettivi principali della recente visita (14 settembre) di una delegazione con a capo il vicepresidente e assessore allo sviluppo economico, Luigi Bertschy della Regione Autonoma della Valle d’Aosta in Alto Adige.

Della delegazione valdostana facevano parte anche il direttore generale del fornitore locale di energia CVA, Enrico De Girolamo, i dirigenti del settore energia e trasporti dell’amministrazione regionale Massimo Broccolato e Antonio Pollano e dai rappresentanti delle imprese nei settori del trasporto pubblico su gommaCome l’Alto Adige, anche la Valle d’Aosta produce un surplus annuale di energia idroelettrica.

Pubblicità
Pubblicità

Mobilità sostenibile

Sia in Alto Adige che in Valle d’Aosta sono allo studio modelli per usare l’energia in eccesso per produrre idrogeno verde come vettore energetico da utilizzare in alcuni settori a partire dalla mobilità. Il gruppo ha visitato sia il Centro H2 per la produzione di idrogeno di Bolzano sia il deposito dell’azienda di trasporti SASA, dove è presente una stazione di rifornimento nuova ad idrogeno, ed ha poi incontrato il vicepresidente e assessore alla mobilità della Provincia autonoma di Bolzano Daniel Alfreider per un incontro istituzionale.

Alfreider e Bertschy hanno discusso di possibili forme di collaborazione per incentivare le forme di mobilità a emissioni zero. Entrambi i rappresentanti hanno sottolineato l’importanza di una svolta ecologica nel settore della mobilità e dello sviluppo sostenibile, considerando soprattutto che l’Alto Adige e la Valle d’Aosta sono zone sensibili nelle Alpi. Per entrambi è fondamentale incentivare l’uso della energia idroelettrica per accelerare il processo di decarbonizzazione nella mobilità.

Idrogeno per la svolta ecologica

 “È in questo contesto che l’idrogeno – secondo Alfreiderpuò avere un ruolo fondamentale, ma è importante che sia prodotto da fonti rinnovabili a lungo termine”. L’assessore ha sottolineato che l’Alto Adige sta avviando importanti progetti attraverso il Recovery Fund e che la Provincia ha approvato nel 2020 un masterplan per l’idrogeno.

Attraverso l’attuazione del piano è previsto che le importazioni di combustibili fossili dovrebbero diminuire per un valore di circa 550 milioni di euro entro il 2030. Questo ridurrebbe, secondo le stime fatte, le emissioni di CO2 di circa il 45% nel settore della mobilità. Il piano prevede inoltre di trasformare il corridoio del Brennero in un “corridoio verde” con stazioni di rifornimento di idrogeno lungo il percorso e di modernizzare la flotta di SASA con nuovi autobus ad idrogeno.

Siamo convinti che la collaborazione con la Regione della Valle d’Aosta, sia a livello tecnico che politico, possa portare benefici ad entrambi con l’obiettivo di andare verso una partnership sempre più forte e strategica“, ha sottolineato Alfreider.

Input per progetti sperimentali

Questa visita in Alto Adige è una delle tappe del percorso di studio e di approfondimento che stiamo percorrendo da alcuni mesi per capire in quali settori sarà possibile avviare dei progetti sperimentali. È stata una visita di grande utilità perché ci ha permesso di conoscere persone serie e competenti che ci hanno raccontato la loro esperienza, offerto la loro collaborazione e presentato in maniera trasparente le difficoltà che hanno incontrato e stanno ancora incontrando nel portare avanti i loro progetti” ha affermato Bertschy.

Ringrazio Daniel Alfreider per la disponibilità e per l’attenzione dimostrata alla nostra visita e sono molto contento che anche grazie ai nostri buoni rapporti, Alto Adige e Valle d’Aosta lavoreranno insieme su un tema di grande importanza come quello della transizione energetica,” ha commentato Bertschy.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE!
    Le soluzione di YWN – la rete nazionale delle imprese Il mondo del lavoro è oggi tormentato da una miriade di problemi ulteriormente aggravati dalla pandemia che ci accompagna ormai da quasi due anni. La... The post RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE! appeared first on Benessere Economico.
  • IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA
    La motivazione del personale strategia centrale nel business plan della ripresa. Condividere sorrisi, esperienze, riflessioni per consolidare lo spirito di squadra e la voglia di normalità negli ambienti di lavoro diventa oggi la leva principale... The post IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA appeared first on Benessere Economico.
  • Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti
    Dal 1 ottobre, come annunciato, sono scattati gli aumenti in bolletta per gas ed elettricità rispettivamente del 14,4% e del 29,8% per la famiglia tipo. Per contenere l’emergenza, il Governo ha stanziato oltre 3 miliardi... The post Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti appeared first on Benessere Economico.
  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Dal condono delle cartelle, alla rottamazione quater: alcune novità in arrivo nella prossima riforma fiscale
    Attesa nella prossime settimana, la riforma fiscale in arrivo comprenderà diverse operazioni, come lo stop selettivo a nuove cartelle, la rottamazione quater e le notifiche dilazionate. Notifiche cartelle esattoriali All’interno del decreto sarà probabilmente inserita... The post Dal condono delle cartelle, alla rottamazione quater: alcune novità in arrivo nella prossima riforma fiscale appeared first on […]
  • Bonus antiplastica, fino a 5 mila euro per gli esercenti che vendono prodotti sfusi o alla spina
    Il recente decreto attuativo conosciuto con il nome di bonus antiplastica è stato istituito allo scopo di ridurre la produzione di rifiuti e contenere gli effetti del cambiamento climatico. Bonus antiplastica, cos’è Il bonus nato... The post Bonus antiplastica, fino a 5 mila euro per gli esercenti che vendono prodotti sfusi o alla spina appeared […]
  • Ritornano gli ecobonus, al via gli incentivi per l’acquisto di auto usate: come funziona
    Da qualche giorno sono ripartiti gli ecobonus promossi dal Ministero dello Sviluppo Economico, per l’acquisto di auto a ridotte emissioni. L’ecobonus, sotto forma di contributi viene reinserito non per sostenere il mercato delle auto, ma... The post Ritornano gli ecobonus, al via gli incentivi per l’acquisto di auto usate: come funziona appeared first on Benessere […]
  • Default Evergrande, cos’è e cosa si rischia a livello internazionale
    La preoccupazione per il possibile default del colosso cinese Evergrande è sempre più tangibile, visto che l’azienda non è riuscita a pagare in tempo le cedole dei suoi investitori. Perchè Evergrande è importante La crisi... The post Default Evergrande, cos’è e cosa si rischia a livello internazionale appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza