Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ambiente Natura

Monitoraggio delle microplastiche sui principali fiumi altoatesini, i primi risultati in autunno

Pubblicato

-

Il lavoro di monitoraggio delle microplastiche da parte del Laboratorio biologico dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima è stato avviato nel novembre 2021 attraverso il campionamento delle acque dei principali fiumi altoatesini.

Obiettivo dei tecnici ed esperti individuare la presenza di microplastiche e determinarne le potenziali origini. “L’inquinamento da microplastiche è un tema di sempre più stringente attualità e sicuramente uno dei problemi ambientali più incombenti di questi tempi, considerato l’impatto che la plastica ha sull’ambiente per via della sua persistenza e della possibilità di ridursi in dimensioni sempre più piccole” – sottolinea l’assessore all’ambiente, Giuliano Vettorato.

Al momento, a livello italiano, il monitoraggio delle microplastiche viene effettuato principalmente in ambiente marino e lacustre. In Alto Adige, l’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima ha avviato il campionamento delle microplastiche sui principali fiumi della provincia: AdigeIsarcoRienza ed Aurino. I primi risultati saranno resi noti nell’autunno di quest’anno.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Natura e origine delle microplastiche

Le microplastiche sono frammenti e residui di materiale plastico di dimensioni comprese tra 1 micrometro e 5 mm che, in base alla loro origine, possono essere classificate in primarie e secondarie. “Le microplastiche primarie – spiega Alberta Stenico, direttrice del Laboratorio biologico dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima – provengono prevalentemente da prodotti per l’igiene personale, come saponi e dentifrici, e per le pulizie della casa.

Le microplastiche secondarie rappresentano la maggior parte di quelle presenti nell’ambiente e derivano dalla frammentazione di plastiche di dimensioni più grandi, come buste  e oggetti in plastica e bottiglie, oltre che dall’abrasione degli pneumatici sull’asfalto e dal lavaggio degli indumenti sintetici.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

I rifiuti plastici, abbandonati in mare o sulla terraferma e quindi non correttamente smaltiti, persistono nell’ambiente per lunghi periodi dove, in seguito all’esposizione ai raggi solari e ai fenomeni atmosferici, si alterano e si frammentano in dimensioni sempre più piccole dando origine alle microplastiche.” Le microplastiche di dimensione inferiore a 1 micrometro sono definite nanoplastiche.

La tecnica di campionamento

Il monitoraggio della presenza delle microplastiche nei fiumi avviene attraverso il prelevamento di campioni d’acqua. “Da un punto di vista tecnico il campionamento viene effettuato attraverso l’uso di uno speciale “retino” detto manta”, spiega Maddalena Casera, biologa nel Laboratorio biologico. “I campioni d’acqua prelevati vengono quindi portati in laboratorio dove si procede con l’analisi che consiste nella quantificazione e, caratterizzazione (dimensione, forma, colore) delle microplastiche presenti con l’aiuto del microscopio“.

Ridurre l’inquinamento da microplastiche

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Tutti possono contribuire a ridurre l’inquinamento ambientale da plastica e microplastica adottando comportamenti più sostenibili. Ecco alcuni consigli utili da parte dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima: effettuare correttamente la raccolta differenziata, ridurre l’utilizzo degli oggetti monouso, non abbandonare oggetti in plastica nell’ambiente, raccogliendoli e smaltendoli correttamente, utilizzare indumenti realizzati con fibre naturali quali lana, cotone, canapa, viscosa, seta, bambù, modal (prodotto dalla polpa del legno di faggio) al posto di indumenti sintetici come elastan, nylon, poliestere, acrilico, neoprene e poliuretano.

Gli indumenti sintetici, infatti, durante il lavaggio e la centrifuga, possono rilasciare microfibre che sfuggono al filtro della lavatrice e attraverso le acque di scarico raggiungono i depuratori e quindi via via i fiumi fino al mare. Tra i consigli utili vi è quello di lavare gli indumenti a pieno carico in modo che vi sia minore frizione tra i tessuti e quindi minore quantità di microfibre rilasciate dagli stessi, utilizzando un programma a basse temperature per evitare di danneggiare i tessuti sintetici oppure, infine, di optare per detersivi liquidi anziché in polvere perché questi potrebbero avere un effetto “scrub” sui tessuti.

Ulteriori informazioni sulle microplastiche sono disponibili sul portale ambiente della Provincia al link:
https://ambiente.provincia.bz.it/microplastiche.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige2 minuti fa

All’incrocio tra la statale della Val Badia e la provinciale di Piccolino, per motivi di sicurezza, verrà costruita una rotonda

Politica7 minuti fa

Democrazia diretta: referendum confermativo di domenica 29 maggio

Alto Adige15 ore fa

Incendio del camion in A22, a prendere fuoco è stato anche un camper: una persona è rimasta ferita

Bolzano15 ore fa

Scivola e sbatte contro i tronchi, ferito operaio 29 enne di Appiano

Alto Adige15 ore fa

La Provincia è al lavoro per identificare le strategie volte a garantire in futuro l’assistenza a lungo termine

Merano16 ore fa

Bonaldi incontra Dal Medico: «Mercato prioritario e l’idea di un Four you Meranese»

Politica16 ore fa

Il presidente Kompatscher invita gli aventi diritto al voto a partecipare al referendum di domenica

Alto Adige17 ore fa

Auto nuove per persone con disabilità, in Alto Adige le immatricolazioni non sono possibili

Politica17 ore fa

La presidente del Consiglio: “Partecipate al referendum di domenica”

Arte e Cultura18 ore fa

Archeoart: il fondo librario passa alla “Claudia Augusta”

Politica18 ore fa

Bolzano, servizio pubblico carente in orario serale e notturno, Urzì interroga la Provincia

Alto Adige18 ore fa

Trattore si ribalta tra Termeno e Sella: una persona rimane gravemente ferita

Bressanone18 ore fa

A22, camion prende fuoco sulla corsia sud dopo l’uscita di Varna – IL VIDEO

Alto Adige19 ore fa

Coronavirus: 16 casi positivi da PCR e 167 test antigenici positivi

Bressanone20 ore fa

Piano di Mobilità: oggi si parte a Bressanone

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, alla fermata dell’autobus trovato il corpo senza vita di un 60enne

Alto Adige4 settimane fa

Coronavirus: 8 casi positivi da PCR e 124 test antigenici positivi

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 45 casi positivi da PCR e 496 test antigenici positivi

Bolzano3 settimane fa

Il Lido di Bolzano riapre al pubblico sabato 21 maggio: tariffe invariate

Sport3 settimane fa

Biglietti FC Südtirol – Modena. Le modalità di acquisto dei ticket per gara-3 della Supercoppa di Serie C 2022

Bolzano2 settimane fa

Eroina e kit per lo spaccio: coppia arrestata a Don Bosco dalla Polizia

Merano3 settimane fa

Referendum abrogativi popolari del 12 giugno 2022

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: controlli della Polizia di Stato nel capoluogo, un denunciato per detenzione di cocaina e due espulsioni

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, sgomberato uno stabile in disuso: tunisino aggredisce 4 agenti, arrestato

Musica4 settimane fa

Bolzano Festival Bozen 2022 «Musica senza confini»

Alto Adige2 settimane fa

Coronavirus: tre i nuovi decessi, inoltre14 casi positivi da PCR e 536 test antigenici positivi

Benessere e Salute4 settimane fa

Come avviene un richiamo di prodotti alimentari? Mangiare, bere ed altre delizie: lo sapevate che…?

Società4 settimane fa

Anziani: Deeg ha incontrato il direttivo dell’Associazione pensionati

Vita & Famiglia3 settimane fa

DDL Zan. Coghe, Pro Vita Famiglia: emergenza omofobia è fake news

Italia ed estero3 settimane fa

Politica energetica: energia solare invece di armamenti militari

Archivi

Categorie

di tendenza