Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Naz Sciaves, un invaso al posto delle installazioni dell’ex base Nato, Urzì: «Uno scempio, la Provincia ponga il veto»

Pubblicato

-

Pubblicità


Pubblicità


A Naz Sciaves, tra le tante proposte per l’utilizzo dell’ex area Nato, si fa strada prepotentemente quella della costruzione di un serbatoio d’acqua per l’irrigazione dei meleti.

Non proprio una valorizzazione storica, quanto uno scempio di quella che avrebbe dovuto costituire un’ installazione culturale permanente a testimonianza di un epoca storica a che ha visto coinvolto anche l’Alto Adige nella contrapposizione tra blocco occidentale e orientale.

“L’idea che il Sindaco di Naz Sciaves Alexander Überbacher si appresta a portare in Consiglio comunalespiega il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia Alessandro Urzìprevedrebbe infatti la demolizione della porzione della base utilizzata in passato dall’Esercito italiano per ricavarne un invaso idrico della portata di 30.000 mq da tenere a disposizione dei contadini per i periodi di siccità.”

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Demolire una parte della base prosegue Urzìsignifica distruggere la storia: senza quella parte di installazione non si capirà più l’interazione tra Esercito Italiano e US Army nell’ ambito della condivisione nucleare attuata in ambito Nato durante il periodo della Guerra fredda che vedeva contrapposte Nato e Patto di Varsavia.

L’area in questione  – aggiunge Urzì è quella nota come “Site Rigel”, una base dell’Alleanza atlantica condivisa tra italiani ed americani durante la guerra fredda. Si trattava di un deposito per munizioni speciali della Nato ed  era l’unico in tutto il Trentino- Alto Adige nel quale venivano custodite armi nucleari: testate per missili a corto raggio e proiettili di artiglieria per obici, destinati in caso di conflitto con il Patto di Varsavia all’impiego da parte di reparti di artiglieria italiani, per cercare di contrastare un’ipotetica invasione nemica attraverso il passo del Brennero o la Val Pusteria tramite il varco di Prato alla Drava-Versciaco.

L’installazione era concepita come una fortezza, con una zona esterna e due settori interni ad accesso ristretto con doppia recinzione di filo spinato: il deposito italiano di armi convenzionali e il settore di massima sicurezza gestito dall’U.s. Army con due bunker per armi nucleari.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

La base fu utilizzata tra il 1967 e il 1983, poi al termine della Guerra fredda il deposito fu svuotato e l’area infine, espropriata ai contadini di Naz Sciaves nel 1962, fu  ceduta nel 2010 alla Provincia che già nel 2016 aveva deciso di concedere i quasi dieci ettari dell’ex base in comodato gratuito al Comune che ne avrebbe dovuto ricavare un museo della Guerra Fredda, sulla falsariga di base Tuono di Folgaria in Trentino, ma anche realizzare uno spazio per passeggiate nella natura e un altro per le feste e le manifestazioni. Una struttura gestita dal Comune, ma di valenza provinciale e di interesse ancora più vasto.

All’epoca in Consiglio provinciale era anche stata approvata una mozione che impegnava la Giunta provinciale a “incentivare e sostenere la rapida prosecuzione  completamento di questo percorso storico documentale a testimonianza del difficile periodo storico della Guerra Fredda”.

Così in una nota stampa il consigliere provinciale Alessandro Urzì che ha annunciato la presentazione di un’interrogazione urgente al Presidente della Provincia.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Vita & Famiglia4 settimane fa

Peppa Pig. Pro Vita Famiglia: RAI non trasmetta episodio con “due mamme”

Bolzano4 settimane fa

Giorgia Meloni sabato pomeriggio a Bolzano

Italia ed estero4 settimane fa

Morta la regina Elisabetta, aveva 96 anni. Fine del regno più lungo della storia

Bolzano4 settimane fa

Benno Neumair in aula: tanta arroganza e poca chiarezza

Alto Adige4 settimane fa

Sanità: formati dodici nuovi medici di medicina generale

Merano4 settimane fa

Il Vice Questore aggiunto Carlo Casaburi è il nuovo dirigente del Commissariato di P.S. di Merano

Bolzano4 settimane fa

Bolzano, arrestato dalla Squadra Mobile un rapinatore seriale

Laives3 settimane fa

Tragico scontro auto – moto che prendono fuoco, due morti

Val Pusteria4 settimane fa

Incidente in moto nel tardo pomeriggio di ieri sulla strada tra Brunico e Falzes

Bolzano6 giorni fa

Bolzano, pessime condizioni igienico sanitarie e presenza di stupefacenti: disposta la chiusura del “Bar Ristoro Baccio” in via Milano

Bolzano4 settimane fa

Furto del monopattino elettrico, subito individuati dalla Polizia di Stato ladro e ricettatore

Bolzano4 settimane fa

Minacce di morte in una lettera anche ad Alessandro Urzì e Alessia Ambrosi

Merano4 settimane fa

L’ex magistrato Gherardo Colombo e il collettivo Guerrilla Spam protagonisti del secondo appuntamento di Generazioni 2022

Bolzano3 settimane fa

Buoni pasto COVID-19 indebitamente percepiti: i Carabinieri sanzionano più di 300 persone

Alto Adige4 settimane fa

Comunità energetiche, forma innovativa di cooperazione

Archivi

Categorie

di tendenza