Connect with us

Politica

Polo giudiziario, discussi i prossimi passi per la sua realizzazione

Pubblicato

-

A Bolzano è prevista la realizzazione di un Polo della Giustizia, da attuare previa la demolizione dell’edificio regionale sito in viale Duca d’Aosta 40 e con la costruzione di un nuovo immobile. A tal fine, ieri (19 ottobre) la Giunta provinciale su proposta dell’assessore all’edilizia e patrimonio, Massimo Bessone, ha affrontato il tema e definito i prossimi passi.

Gli uffici della Regione Trentino-Alto Adige e della Provincia di Bolzano con propri atti dovranno procedere al passaggio di proprietà dell’edificio dalla Regione alla Provincia di Bolzano, affinché la Provincia possa provvedere ai previsti interventi di demo-ricostruzione che dovrebbero essere completati nell’arco dei prossimi quattro anni”, ha fatto presente il presidente della Provincia Arno Kompatscher.

Quindi, per sovraintendere all’andamento complessivo del progetto ora sarà istituito un apposito gruppo di lavoro con rappresentanti della Regione Trentino-Alto Adige e della Provincia di Bolzano e la partecipazione anche di esponenti degli uffici giudiziari. Suo compito sarà quello di coordinare e monitorare le attività, rilevare le esigenze degli uffici e le problematicità connesse alla specificità dell’attività giudiziaria.

Pubblicità
Pubblicità

Abbiamo creato i presupposti per la stipula di un accordo per la realizzazione del Polo giudiziario che prevede che la Regione finanzi l’opera e ceda gratuitamente l’immobile alla Ripartizione Patrimonio della Provincia”, spiega l’assessore Bessone. Nel nuovo palazzo verranno trasferiti uffici giudiziari che si trovano oggi in affitto. “Oltre a garantire condizioni di lavoro ottimali per i collaboratori degli uffici giudiziari, la Provincia risparmierà 800 mila euro all’anno di affitti”, così Bessone.

Demolizione e costruzione nuova palazzina

La Ripartizione edilizia della Provincia di Bolzano aveva già predisposto uno studio di fattibilità per circa 180 postazioni lavorative, tenendo conto di una metratura standard per lavoratore, per un investimento di circa 20 milioni di euro. Ora si tratta di passare dallo studio di fattibilità alla progettazione e realizzazione dell’opera, tenendo conto delle esigenze degli uffici giudiziari, anche in relazione alle misure di distanziamento anti Covid 19 e agli strumenti tecnologici adottati durante il periodo di pandemia (ad esempio udienze da remoto), nonché all’aumento di personale da assumere a parziale riduzione delle scoperture dell’organico.

La Provincia di Bolzano dal canto suo procederà alla demolizione dell’immobile che sorge in via Duca d’Aosta 40 a Bolzano e quindi alla costruzione di un nuovo edificio secondo il progetto condiviso dal gruppo di lavoro e approvato dalla Giunta regionale.

Polo giudiziario in comodato d’uso gratuito alla Regione

Una volta completati i lavori la Provincia di Bolzano metterà a disposizione  della  Regione in comodato d’uso gratuito la nuova palazzina al fine di ospitare, se possibile, tutti gli uffici giudiziari di Bolzano, compresi quelli dei giudici di pace, attualmente siti in immobili in locazione. La Regione provvederà alla gestione dell’edificio e alla relativa manutenzione ordinaria, mentre la Provincia di Bolzano in qualità di proprietaria dello stabile si occuperà della relativa manutenzione straordinaria.

Per la realizzazione del Polo giudiziario la Regione ha già provveduto ad aumentare di 20 milioni di euro il contributo alla finanza pubblica della Provincia per il 2021. Affinché la Provincia di Bolzano potesse andare a costruire il Polo giudiziario, a fine luglio 2021 è stato approvato un apposito articolo di legge regionale che autorizza la Regione Trentino – Alto Adige a cedere, anche a titolo gratuito alle due Province, la proprietà di immobili, alla condizione che i medesimi vengano destinati a fini istituzionali.

Questa soluzione garantisce, infatti, la coerenza con quanto avvenuto per tutti gli immobili statali destinati agli uffici giudiziari che sono stati trasferiti dallo Stato alle Province, che li hanno quindi messi a disposizione della Regione per gli uffici giudiziari.

NEWSLETTER

Archivi

  • Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande
    Bonus Partite Iva Il bonus, messo a disposizione del Governo è un sussidio erogato a favore dei soggetti esercenti di titolari di partita Iva, soggetti esercenti di attività di impresa che hanno subito perdite a... The post Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022
    Il programma lotteria degli scontrini che ha accompagnato molti italiani per tutto il 2021, potrebbe subire dei cambiamenti a partire dal 2022. A differenza del cashback, la lotteria degli scontrini infatti, è stata confermata anche... The post Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro
    Dopo l’ok ufficiale da parte dell’Unione Europea, i contributi a fondo perduto per le P.Iva disposti dal Decreto Sostegni Bis vengono sbloccati e arriveranno entro l’anno. I dettagli della misura Il sostegno finanziato con 4,5... The post P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti
    Con l’avvicinarsi delle festività si incomincia a parlare di Bonus Natale, una misura di sostegno al reddito introdotta dalla legge finanziaria del 2001 e rifinanziata nell’ultimo decreto legge. Si tratta quindi di un voucher, erogato... The post Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti appeared first on Benessere Economico.
  • Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa
    Anche nel mese di ottobre il tasso di inflazione ha continuato a salire. In particolare, per il quarto mese consecutivo l’ISTAT ha registrato una crescita più alta di quanto previsto in precedenza. L’aumento del prezzo... The post Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa appeared first on Benessere Economico.
  • Cybersicurezza, forte carenza nel settore: i profili più richiesti
    L’accelerazione verso un mondo sempre più digitalizzato ha portato come conseguenza anche ad un aumento della criminalità online. Nei primi mesi del 2021 l’Italia è stata uno dei Paesi al mondo più colpito dalle minacce... The post Cybersicurezza, forte carenza nel settore: i profili più richiesti appeared first on Benessere Economico.
  • Nuova Anagrafe Online, come funziona e quali sono i documenti scaricabili gratuitamente
    Da lunedì 15 novembre è partito il progetto Anagrafe online, il servizio dedicato a tutti i cittadini italiani per ottenere in modo completamente gratuito certificati anagrafici. Come funziona Il progetto lanciato dal Ministero dell’Interno che... The post Nuova Anagrafe Online, come funziona e quali sono i documenti scaricabili gratuitamente appeared first on Benessere Economico.
  • Il sentiment dei dipendenti è tra i fattori cruciali delle strategie future di workplace  
    La nuova ricerca di NTT evidenzia una divergenza di pensiero sul futuro delle modalità lavorative tra i responsabili di business e i dipendenti La nuova ricerca di NTT evidenzia una divergenza di pensiero sul futuro... The post Il sentiment dei dipendenti è tra i fattori cruciali delle strategie future di workplace   appeared first on […]
  • Bonus e agevolazioni: quali verranno cancellati e quali saranno prorogati nel 2022
    Tra i tanti bonus attivati in questi mesi, molti vedranno la fine a partire dal prossimo 2022. Dopo l’approvazione del documento programmatico di Bilancio, il Governo dovrebbe varare la legge di bilancio 2022. Gli stanziamenti... The post Bonus e agevolazioni: quali verranno cancellati e quali saranno prorogati nel 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus montagna, fino a 40 mila euro per trasferirsi in montagna: cosa prevede il bando del Piemonte
    Per chi decide di cambiare vita e trasferirsi in montagna, il Piemonte mette sul piatto un bonus 40 mila euro. La Regione Piemonte offre un contributo economico da 10 mila a 40 mila euro per... The post Bonus montagna, fino a 40 mila euro per trasferirsi in montagna: cosa prevede il bando del Piemonte appeared […]

Categorie

di tendenza