Connect with us

Merano

Rapina a Merano: conducente minacciato e derubato in macchina mentre torna a casa

Pubblicato

-

Paura a Merano nella notte di venerdì (10 maggio) per un episodio di rapina in via Marlengo, dove un uomo che rincasava a bordo della sua auto è stato costretto a fermarsi da un soggetto che all’improvviso si è buttato in mezzo alla carreggiata.

Il fatto è accaduto intorno alle 23.

Dopo l’invasione della strada da parte del primo rapinatore ne sarebbe sbucato un altro che, con un coltello in mano, ha minacciato il 35enne al volante facendosi consegnare del denaro.

I due hanno successivamente fatto perdere le proprie tracce con un bottino di 350 euro e un cellulare che hanno messo fuori uso in modo da impedire alla vittima di chiamare i soccorsi o allertare le forze dell’Ordine dopo la fuga.

Indagano ora le forze dell’Ordine.

 

Pubblicità
Pubblicità

Merano

Taglia più volte i fili del tracciato canoistico sul Passirio: denunciato 70enne meranese

Pubblicato

-

I Carabinieri di Merano hanno individuato il responsabile di una serie di atti vandalici che hanno preso di mira, negli ultimi giorni, il tracciato canoistico sul Passirio, realizzato in vista della gara internazionale di slalom che si terrà l’8 ed il 9 giugno prossimi.

Quando infatti negli scorsi giorni i responsabili della sezione canoe di Merano si sono accorti che qualcuno, in due occasioni, aveva rotto le funi che sorreggono le porte del tracciato, causandone la caduta in acqua, hanno immediatamente informato i militari dell’Arma, temendo che l’episodio potesse ripetersi in concomitanza con l’importante appuntamento agonistico di livello mondiale.

L’uomo, un settantenne meranese, è stato colto proprio nel momento in cui, con un accendino, stava bruciando i cavi di nylon con cui le funi vengono fissate al parapetto della “passeggiata d’estate” che costeggia il fiume.

I militari, che si erano appostati nei dintorni, dopo averlo fotografato sono intervenuti per bloccarlo ed identificarlo.

Per il gesto, alla cui base ci sarebbero futili motivi non legati all’attività dell’associazione sportiva, il 70enne è stato denunciato per il reato di danneggiamento aggravato.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Merano

Merano: Venti di note, splendori della polifonia. Il concerto a Santa Maria Assunta

Pubblicato

-

L’appuntamento è per questa sera alla chiesa di Santa Maria Assunta con “Venti di Note“, la rassegna per i 20 anni dalla fondazione della corale meranese “Non nobis Domine“.

Il concerto polifonico, ad ingresso libero, avrà inizio alle 20.30 e segna uno degli appuntamenti musicali più suggestivi di inizio estate nella città del Passirio.

Associata alla Federazione Cori dell’Alto Adige, Non nobis Domine da ormai due decenni è impegnata in provincia e fuori provincia.

La corale nasce da un gruppo di amici appassionati al canto.

Nell’autunno del 1999 si sono ritrovati assieme ad ascoltare un concerto tenuto a Merano da una corale di Lecco e hanno così deciso di dedicare tempo ed energie per provare ad educarsi al canto ed al suo significato.

Inizialmente sono una ventina di amici che si trovarono per preparare un concerto in occasione della Pasqua che andranno poi ad eseguire, qualche mese più tardi, nella Chiesa di S. Spirito a Merano.

Da lì nasce, di concerto in concerto un’esperienza di educazione al canto che va avanti con passione arrivando ad oggi.

Attualmente la corale conta 42 cantori. Il repertorio è quello della musica sacra polifonica del ‘400-‘500-‘600 con incursioni nel genere popolare sempre sacro e generi musicali più recenti.

Oltre all’attività concertistica, presta servizio liturgico mensilmente a Bolzano, Merano e in occasioni liturgiche speciali.

Il Direttore storico è Antonio Battistella (“cantore prestato alla direzione” come ama definirsi) coadiuvato da Roberto Sette (uno dei primi coristi allora adolescente) oggi diplomato in direzione e composizione al Conservatorio di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Merano

Più di un chilo di marijuana nell’auto: arrestati due ventenni di Merano

Pubblicato

-

Nel corso di un controllo veicoli i carabinieri di Merano e Silandro hanno fermato e arrestato due ventenni che a bordo dell’auto nascondevano più di un chilo di marijuana e alcune dosi di hashish.

L’alt all’automobile dei due, una Fiat Panda, è stato dato dai militari dell’Arma nei pressi della diga di Tell.

E sono bastati pochi secondi a Heni, giovanissima ma già esperta pastore belga Malinois, per scoprire un pacchetto ben imbustato che è risultato contenere la droga.

Lo stupefacente, insieme ad un bilancino di precisione trovato sotto un sedile, è stato sequestrato.

Per i giovani meranesi sono quindi scattati i domiciliari.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza