Connect with us

Alto Adige

Rifugio Petrarca, procedono bene i lavori di ricostruzione

Pubblicato

-

A quota 2.875 metri in val di Plan, nel comune di Moso in Passiria, procedono spediti i lavori per la riedificazione del rifugio Petrarca all’Altissima, o Stettinerhütte.  Il vecchio rifugio era stato distrutto da una valanga nel febbraio 2014. Il nuovo edificio si andrà ad inserire in modo armonioso nel paesaggio rispecchiando le peculiarità dell’ambiente circostante all’interno del parco naturale Gruppo di Tessa, sul versante Sud delle Ötztaler Alpen.

L’assessore provinciale all’edilizia e patrimonio, Massimo Bessone, si è potuto fare di persona un quadro dell’avanzamento dei lavori nell’ambito di un recente sopralluogo compiuto con i tecnici del suo team. Erano presenti il responsabile unico del procedimento, Stefan Canale, direttore reggente dell’Ufficio edilizia Ovest, il direttore reggente della Ripartizione patrimonio, Daniel Bedin, per lo studio area architetti associati, Andrea Fregoni, il gestore del rifugio, Andreas Schwarz, e Roland Graf, titolare dell’impresa Graf & Söhne.

Riapertura realistica entro l’estate 2022

Pubblicità
Pubblicità

Grazie all’impegno delle imprese che operano in quota, in condizioni spesso complicate dalla situazione meteo, l’obiettivo della consegna del nuovo rifugio Petrarca entro fine estate 2022 risulta realistico”, afferma l’assessore Bessone. “Il rifugio tornerà ad accogliere gli appassionati della montagna, residenti e ospiti, offrendo loro servizi ancora più efficienti”, fa presente l’assessore. I lavori per la riedificazione del rifugio vengono eseguiti da imprese locali riunite nell’associazione temporanea d’imprese Graf & Söhne – HOLKA Genossenschaft.

Le imprese impegnate nella ricostruzione sono due aziende locali di Moso in Passiria che lavorano con l’orgoglio di contribuire alla ripartenza economica del proprio territorio”, così Bessone che ricorda come la Provincia investa 3,155 milioni di euro per la costruzione del rifugio al fine di ripristinare un bene di sua proprietà che ha ritorni positivi sul comparto turistico locale e provinciale e per la collettività. Il rifugio Petrarca, che si raggiunge dall’alta via di Merano da Pfelders e dalla Val di Fosse, costituisce, infatti, l’anima del turismo alpino della val Passiria e della val di Fosse ed anche la decima tappa dell’alta via Tiroler Höhenweg.

Gran parte dei lavori ultimati entro il 2021

Pubblicità
Pubblicità

A giugno sono ripresi i lavori con la preparazione del cantiere per l’anno 2021. “Attualmente si stanno realizzando le pareti interne, gli impianti sanitari ed elettrici. Inoltre, si stanno montando le isolazioni e gli scuri delle finestre”, spiega il responsabile unico del procedimento, Stefan Canale, direttore reggente dell’Ufficio edilizia Ovest, che illustra i prossimi passi: ultimazione delle pareti interne, predisposizione di tutti gli impianti e la gettata del sottofondo con massetto con successiva posa della pavimentazione (pietra, piastrelle o legno). Contemporaneamente si eseguono i rivestimenti in legno. Anche il muro della terrazza verrà fatto nuovo come la terrazza stessa. A fine settembre, inizio ottobre dovrebbe essere montata la cucina e i mobili (tavoli, sedie, bancone, letti e scaffali ecc.).

L’obiettivo è quello di terminare gran parte dei lavori entro quest’anno, condizioni meteo permettendo. Poi il prossimo anno ci saranno sicuramente delle finiture da completare”, fa presente Canale. Se tutto va come programmato si dovrebbe poter aprire il rifugio a luglio del 2022. Nel 2020 si era realizzato principalmente il grezzo dell’edificio.

Struttura moderna e sostenibile

Secondo il progetto siglato dal raggruppamento temporaneo capeggiato da Area architetti associati, vincitore del concorso di progettazione indetto a livello europeo, il nuovo rifugio Petrarca disporrà di 84 posti letto suddivisi in camerate da 4, 6, 8, 10 e 12 persone.

Pubblicità
Pubblicità

È prevista, inoltre, una sala da pranzo per un totale di 96 ospiti, un bar, una cucina, i servizi igienici, un locale lavanderia, oltre agli spazi riservati ai gestori e al personale. Per gli arredi è preventivata una spesa di circa 350.000 euro. Il nuovo edificio avrà una superficie lorda di poco più di 1.000 metri quadri e un volume di oltre 3.000 metri cubi.

NEWSLETTER

Alto Adige1 settimana fa

Indennità per i pendolari, in corso la revisione del sistema

Sport4 settimane fa

Foxes all’ultimo match casalingo del 2021: al Palaonda arriva l’Innsbruck

Alto Adige4 settimane fa

Bolzano, i problemi cardiaci gli impediscono di lavorare. Crowdfunding per Giancarlo

Politica3 settimane fa

Il comandante degli Alpini da Kompatscher: Protezione civile e Covid

Società4 settimane fa

Messa di Natale, Muser: “Un Natale per ritrovare il senso di comunità”

Alto Adige3 settimane fa

Incidente con due macchine coinvolte in Valle Isarco: intervengono i vigili del fuoco

Alto Adige3 settimane fa

Labers: cede il freno a mano e la macchina precipita. Salvo il cagnolino rimasto intrappolato all’interno

Bolzano4 settimane fa

Minaccia i passanti con forbici e martello: straniero bloccato in centro a Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: oggi 3 gennaio 39 casi positivi da PCR e 404 test antigenici, un decesso

Sport3 settimane fa

I Foxes perdono a Villach: il VSV si impone per 4 a 3 all’overtime

Alto Adige4 settimane fa

Val Badia: auto cade in un fossato. Vigili del fuoco in intervento

Merano3 settimane fa

Il conducente sbanda e distrugge l’automobile all’uscita di Postal

Merano4 settimane fa

Esce di strada sulla provinciale fra Marlengo e Cermes: intervengono i vigili del fuoco

Bolzano2 settimane fa

Coronavirus: 1.361 contagi e un decesso nelle ultime 24 ore in Alto Adige

Alto Adige4 settimane fa

Alto Adige, arrivano i kit per gli autotest degli alunni durante le vacanze di Natale

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le…

Il 2022 ribattezzato “l’anno dei weekend lunghi”: quali giorni approfittare per una gita fuori porta

Per gli amanti dei viaggi e delle gite fuori porta, il 2022 è stato ribattezzato come “ l’anno dei weekend lunghi”. Infatti, nei prossimi 12 mesi…

Alpe Cimbra: il drago nato da Vaia è già un #must da vedere

La Tempesta Vaia che ha colpito il nord Italia e l’arco alpino alla fine del 2018 ha lasciato senza ombra di dubbio enormi cicatrici su tutto…

Archivi

Categorie

Benessere Economico

RSS Error: A feed could not be found at `https://www.benessereconomico.it/feed`; the status code is `200` and content-type is `text/html`

di tendenza