Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Bolzano

Soundwalk “Remember How Spring”: un viaggio immersivo nel futuro dell’Alto Adige

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Weigh Station continua a sostenere la creatività e la cultura dell’Alto Adige, con un budget di 3.000 euro per ciascuno dei tre progetti selezionati per l’anno 2023. Tra questi, è il momento di “Remember How Spring”, un audace progetto che prende vita sotto la guida di Angela Disanto, Nuno Escudeiro e Maria Galliani Dyrvik.

“Remember How Spring” è un’esperienza audio immersiva sotto forma di soundwalk, che invita i suoi partecipanti a un viaggio nell’area intorno alla stazione ferroviaria di Bolzano, dal punto di vista di un futuro immaginato. I partecipanti sono guidati da registrazioni di campo effettuate da un’archeologa dal futuro, la quale, attraverso la sua interpretazione di un passato distante, fornisce una prospettiva unica sulla nostra civiltà.

Attraverso questo viaggio, il progetto pone domande profonde sulla nostra imprinting materiale sul mondo, le perdite a cui ci stiamo avvicinando e cosa lasceremo per le generazioni future. Questa esperienza offre una prospettiva alternativa sulla città, più critica e partecipativa rispetto al turismo tradizionale.

Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con un gruppo di ricercatrici di chimica agraria dell’Università di Bolzano e ha incorporato feedback di un gruppo di spettatori durante un percorso demo. Il risultato è un lavoro immersivo che riflette su come le problematiche del presente possano evolversi nel tempo.

La presentazione del progetto avrà luogo domenica 26 novembre 2023 alle ore 10:00, dove i partecipanti potranno sperimentare la soundwalk attraverso un’app che sfrutta il segnale GPS dei propri smartphone. L’ingresso all’evento è gratuito e il progetto rimarrà accessibile nei mesi a venire.

Il team di “Remember How Spring” include Angela Disanto, documentarista e artista visiva che ha curato la produzione e la post produzione; Nuno Escudeiro, responsabile della drammaturgia e dell’aspetto immersivo del progetto; e Maria Galliani Dyrvik, regista e sceneggiatrice che ha coordinato il processo di ricerca e scrittura, sviluppando il personaggio dell’archeologa e del suo universo futuro, ispirata da autori storici, antropologici e di fantascienza come David Graeber, David Wengrow e Ursula K. Le Guin.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

più letti